Assolto per aver commesso il fatto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Assolto per aver commesso il fatto
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1992
Durata118 min
Generecommedia
RegiaAlberto Sordi
SoggettoAlberto Sordi
SceneggiaturaRodolfo Sonego, Alberto Sordi
ProduttoreFerdinando e Flavia Villevieille Bideri
Casa di produzioneMito Film con RAI
Distribuzione in italianoFilm Mauro
FotografiaArmando Nannuzzi
MontaggioTatiana Casini Morigi
MusichePiero Piccioni
ScenografiaMarco Dentici
CostumiPaola Marchesin
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Assolto per aver commesso il fatto è il terzultimo film diretto da Alberto Sordi, uscito nelle sale italiane il 17 aprile del 1992.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un ex ispettore della SIAE, puntando tutto sulla sua furbizia e caparbietà, tenta di accaparrarsi (anche in modi truffaldini) tutte le televisioni o radio private che gli capitano sotto mano; il tutto per accontentare una misteriosa donna di nome Gilda.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Benché il produttore negasse recisamente che il personaggio di Garrone fosse direttamente ispirato a Silvio Berlusconi, vi sono numerose analogie con l'imprenditore lombardo e la sua "scalata" alle televisioni private. Come dirà lo stesso Sordi in una intervista, «il pubblico sa bene che io ho sempre portato sullo schermo personaggi 'emblematici' senza fare l'imitazione di questo o quello. Lo spunto in questo caso è stata la cronaca, che ci presenta ogni giorno finanzieri e imprenditori rampanti che, partendo dal nulla, arrivano a concludere affari da 2000, 3000 miliardi. La gente si chiede, come fanno? Con Sonego abbiamo cercato una risposta: abbiamo fatto vedere, ad esempio, come i debiti possono anche non costituire una perdita per un'azienda. Superato un certo limite, le banche ti continuano a finanziare per cercare di recuperare le somme prestate».[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CINEMA: SORDI PRESENTA 'ASSOLTO PER AVER COMMESSO IL FATTO', articolo di Adnkronos, 10 aprile 1992.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema