Tatiana Casini Morigi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tatiana Casini Morigi, accreditata anche come Tatiana Casini (... – 5 agosto 2015), è stata una montatrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce nei primi anni '50 come assistente in coproduzioni internazionali (Donne senza nome, 1950, regia di Géza von Radványi) e partecipa non accreditata al film di Carlo Lizzani Achtung! Banditi! (1951). Collabora poi con Alessandro Blasetti, Dino Risi, Florestano Vancini, Tinto Brass, Mario Camerini, Ettore Scola, Bruno Corbucci, Sergio Corbucci, Steno, Enzo G. Castellari.

Dopo aver montato alcune pellicole interpretate dall'attore romano, stabilisce con Alberto Sordi un sodalizio artistico (Tatti Sanguineti la definisce "fedelissima di Sordi"[1]) che la porterà a firmare il montaggio di tutti i suoi film da regista, a partire da Il comune senso del pudore (1976) fino a Incontri proibiti (1998), che chiude le carriere di entrambi.

Fra la fine degli anni '60 e i primi anni '70, pur continuando a prediligere la commedia, realizza il montaggio di alcuni western all'italiana (Corri uomo corri, regia di Sergio Sollima, 1968) e collabora inoltre con Pier Paolo Pasolini per i film Il Decameron (1971), Il fiore delle Mille e una notte (1974) e Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975)

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Era sposata con il fonico Mario Morigi.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tatti Sanguineti, Il cervello di Alberto Sordi: Rodolfo Sonego e il suo cinema, Adelphi Edizioni spa, 02 aprile 2015, ISBN 9788845976360. URL consultato il 18 agosto 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]