Anna Longhi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Anna Longhi (Roma, 31 dicembre 1934Roma, 13 maggio 2011) è stata un'attrice e opinionista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Roma, nel rione romano di Trastevere, dove vive fino all'età di dieci anni, per poi trasferirsi con la famiglia nel rione Monti. Si sposa e dal matrimonio nascono Sabrina, Orietta e Maurizio (la cui morte, avvenuta a 33 anni per droga, segna per sempre l'attrice). Debutta al cinema grazie all'incontro con Alberto Sordi, che - una volta diventato suo amico - la chiama al proprio fianco come moglie "buzzicona" nell'episodio Le vacanze intelligenti in Dove vai in vacanza? (1978) e nel dittico Il tassinaro (1983) e Un tassinaro a New York (1987), sempre sotto la sua regia. Inoltre è presente in due produzioni cinematografiche internazionali: Un incantevole aprile (1991) di Mike Newell e Il talento di Mr. Ripley (1999) di Anthony Minghella.

Nei suoi ultimi anni di vita è spesso apparsa nelle trasmissioni Mediaset Mattino Cinque, Pomeriggio Cinque, Markette e Forum. Nell'autunno 2009 partecipa alla trasmissione Ci vediamo domenica, condotta da Alda D'Eusanio. Nel 2010 assieme alla figlia Sabrina ed alla nipote Ambra, apre ad Ostia Lido (quartiere di Roma) il ristorante "La Buzzicona". Muore a Roma per le complicazioni di una polmonite il 13 maggio 2011, all'età di 76 anni[1]. È sepolta presso il Cimitero del Verano di Roma.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

  • Sanbitter
  • TIM

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • David di Donatello: premio alla carriera
  • Targa di Alfredino Rampi: consegnata da Pippo Baudo come “Mamma dell'anno”
  • “Il cavallino d'oro”: premio alla carriera (2001)
  • “Il Colosseo d'oro”: premio alla carriera (2002)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Addio ad Anna Longhi, la "buzzicona" di tanti film di Alberto Sordi, in Il Messaggero, 13 maggio 2011. URL consultato il 14 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2011).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN103048529 · ISNI (EN0000 0003 7567 984X · SBN IT\ICCU\UBOV\879772 · LCCN (ENno2009184228 · GND (DE13810574X