Anna Longhi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Anna Longhi (Roma, 31 dicembre 1934Roma, 13 maggio 2011) è stata un'attrice e opinionista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Roma, nel rione romano di Trastevere, dove vive fino all'età di dieci anni, per poi trasferirsi con la famiglia nel rione Monti. Si sposa e dal matrimonio nascono Sabrina, Orietta e Maurizio (la cui morte, avvenuta a 33 anni per droga, segna per sempre l'attrice). Debutta al cinema grazie all'incontro con Alberto Sordi, che - una volta diventato suo amico - la chiama al proprio fianco come moglie "buzzicona" nell'episodio Le vacanze intelligenti in Dove vai in vacanza? (1978) e nel dittico Il tassinaro (1983) e Un tassinaro a New York (1987), sempre sotto la sua regia. Inoltre è presente in due produzioni cinematografiche internazionali: Un incantevole aprile (1991) di Mike Newell e Il talento di Mr. Ripley (1999) di Anthony Minghella.

Nei suoi ultimi anni di vita è spesso apparsa nelle trasmissioni Mediaset Mattino Cinque, Pomeriggio Cinque, Markette e Forum. Nel 2010 assieme alla figlia Sabrina ed alla nipote Ambra, apre ad Ostia Lido (quartiere di Roma) il ristorante "La Buzzicona". Muore a Roma per le complicazioni di una polmonite il 13 maggio 2011, all'età di 76 anni[1]. È sepolta presso il Cimitero del Verano di Roma.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

  • Sanbitter, TIM

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • David di Donatello: premio alla carriera
  • Targa di Alfredino Rampi: consegnata da Pippo Baudo come “Mamma dell'anno”
  • “Il cavallino d'oro”: premio alla carriera (2001)
  • “Il Colosseo d'oro”: premio alla carriera (2002)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Addio ad Anna Longhi, la "buzzicona" di tanti film di Alberto Sordi, in Il Messaggero, 13 maggio 2011. URL consultato il 14 maggio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN103048529 · ISNI (EN0000 0003 7567 984X · SBN IT\ICCU\UBOV\879772 · LCCN (ENno2009184228 · GND (DE13810574X