Italiani (programma televisivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Italiani
PaeseItalia
Anno2001
Generevarietà, game show
Edizioni1
Puntate11
Durata180 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttorePaolo Bonolis con Luca Laurenti
IdeatorePaolo Bonolis
RegiaDuccio Forzano
AutoriMarco Luci, Federico Moccia, Sandro Fedele, Stefano Jurgens, Stefano Santucci ed Alessandro Vitale
MusicheDanilo Aielli
ScenografiaClaudio Brigatti
CostumiGabriele Mayer
FotografiaGianni Mastropietro
CoreografieMarco Garofalo
Produttore
  • Dario Tiribello (La Finale 7)
  • Giorgio Chessari (RTI)
Produttore esecutivo
  • Mario Maffucci (La Finale 7)
  • Massimiliano Lancellotti (RTI)
  • Casa di produzioneRTI e La Finale 7
    Rete televisivaCanale 5

    « IITALIAAAANIII!! »

    (Frase e saluto di Paolo Bonolis nel programma)

    Italiani (stilizzato iTALiANi), è stato un programma televisivo di genere varietà, ideato e condotto da Paolo Bonolis, in onda su Canale 5 dal 21 settembre al 1º dicembre 2001. Nel nome è ravvisabile il saluto di Bonolis all'inizio delle sue trasmissioni, e nonostante sia stato il più costoso in assoluto della televisione italiana (2.500.000.000 di lire per ogni puntata)[1], il programma risultò un insuccesso e fu chiuso prima del previsto. In origine sarebbe dovuto andare in onda nello stesso anno sulla Rai, ma in primavera, a causa del probabile sbarco del conduttore nell'emittente pubblica, il programma fu annullato per motivi politici interni all'azienda, e Bonolis rimase a Mediaset[2]. La sigla era il brano Sembra ieri di Edoardo Bennato.

    Il programma[modifica | modifica wikitesto]

    Il cast[modifica | modifica wikitesto]

    Italiani fu presentato da Paolo Bonolis (che per la prima volta assunse anche il ruolo di produttore), con la partecipazione dell'amico Luca Laurenti, di Erika Bernardi e di cinque "Top" internazionali, le quali erano: l'israeliana Moran Atias, la italo-brasiliana Gianne Albertoni, la colombiana Debbie Castañeda Rodríguez, l'americana Jennifer Driver e la serba Ivana Stanković.
    Inoltre come ultimo membro del cast ci doveva essere il comico Teo Teocoli, ma a causa della sua inadeguatezza e non prontezza dovuti ai contenuti del programma stesso, diede forfait[3]. Alla fine vi parteciperà ugualmente solo per le prime due puntate, ma come ospite imitando alcuni personaggi, tra cui Gianni Agnelli, Fedele Confalonieri e Giuseppe Prisco.

    Come produttore Bonolis aveva fondato, solo ed esclusivamente per il programma, la sua prima ed unica casa di produzione chiamata “La Finale 7”, la quale era in società con Mario Maffucci (anch'egli produttore di esso)[4].

    Strutturazione[modifica | modifica wikitesto]

    Era un varietà del sabato sera all'insegna dell'imprevedibilità, e fu trasmesso in diretta dallo Studio 4 del Centro Titanus Elios a Roma. Fu dunque basato sulla rivisitazione in chiave televisiva dei videobox, ma per farne il suo punto cardine, gli autori si erano ispirati al famoso angolo verde del parco inglese di Hyde Park a Londra chiamato Speakers' Corner, con l'aggiunta collaudata di programmi storici della televisione italiana; tra quelli inseriti come esempio c'erano Portobello, La corrida ed I cervelloni (quest'ultimo già condotto in passato dallo stesso Bonolis). Il tutto facendo di esso non un programma ma un "vox populi televisivo", cioè un luogo dove qualsiasi persona in studio poteva fare di tutto: esprimere una propria opinione, raccontare una storia, mostrare il proprio talento, protestare, e quant'altro. Inoltre, momenti di puro spettacolo vi furono affiancati:

    • Era presente un gioco ufficiale misto tra Giochi senza frontiere e il Lotto, in cui vi partecipavano 90 concorrenti rappresentanti, in ognuno di loro, gli stereotipi dell'italiano medio (seguendo la logica del programma). In codesto gioco, quei concorrenti erano pronti a superare varie prove di abilità e dava anche la possibilità, al pubblico da casa, di vincere un ricco montepremi di 500.000.000 di lire tramite gli SMS: per farlo dovevano scommettere ed indovinare tra quelli in gara, i numeri fortunati abbinati tra il primo, il secondo e il terzo classificato (la trina);
    • Solo nella prima puntata, vi erano dei collegamenti con tre piazze in tre città italiane, dove chiunque poteva dire e fare (attraverso appunto i videobox) tutto quello che voleva senza censura. Le città scelte erano Subiaco, Teano e Riccione;
    • Ed infine le partecipazioni di vari ospiti: italiani e internazionali, cantanti, giornalisti, ecc[5].

    Erano previste tredici puntate, da sabato 22 settembre 2001, ridotte poi a undici.

    Il gioco dei 90 concorrenti[modifica | modifica wikitesto]

    Esso era costituito da quattro prove "fisiche" (le prime tre sono iniziali mentre l'ultima finale), più una prova provvisoria detta "mentale". Nelle prime cinque puntate, sia la seconda che la terza prova iniziale si svolgevano nell'Arena (ricostruita come un antico anfiteatro), mentre invece quella mentale e fisica finale in studio. Poi, nelle ultime sei puntate, tutte le prove vennero fatte direttamente in studio.
    Dopo ogni prova fisica iniziale, le Top estraevano a sorte cinque numeri corrispondenti ai cinque concorrenti ripescati e scelti per la prova mentale, ma a partire dalla quinta puntata, con l'abolizione di codesta prova essi venivano ripescati e continuati automaticamente in tre.

    Infine, le estrazioni dei concorrenti avvenivano durante l'indossamento di magliette bagnate nella doccia da parte delle Top (ma anche di modelli).

    Prove fisiche iniziali[modifica | modifica wikitesto]

    1ª prova[modifica | modifica wikitesto]

    Prova fissa consistente ne L'imbutone, dove i 90 concorrenti cercavano di raggiungere bendati lo studio del programma, e solo 21 di loro che ci riescono passavano alla seconda prova. Una volta partiti da fuori, dovevano prima superare una duna di sabbia ed entrare poi nei tre ingressi che conducono all'imbutone (un tunnel), ma uno solo era quello giusto. Dopo che sono entrati, essi lo percorrevano evitando però due soli ostacoli disseminati, e infine arrivavano in studio tramite un piccolo pertugio posto alla fine.

    NOTA: Dalla quarta puntata in poi furono introdotti, come solo nuovo ostacolo, molti e grossi palloni trasparenti (a metà tra i tre ingressi e la duna di sabbia).

    2ª prova[modifica | modifica wikitesto]

    Questa prova variava a seconda delle puntate, dove i primi 12 tra i 24 concorrenti che la superano passavano alla terza prova.

    • La ragnatela: Anche in questa prova, loro erano sempre bendati ma stavolta dovevano attraversare un lungo groviglio di corde, per poi arrivare a sedersi su un gruppo di sedie. Presente nella seconda e quarta puntata;
    • La trappola: Essa era ambientata in due spesse aree rettangolari, equivalenti a dodici concorrenti per area. Loro dovevano raggiungere, due alla volta, l'altra parte dell'area saltando sugli esatti spazi bianchi. Venivano eliminati quelli che finivano e cadevano su quelle sbagliate. Presente nella terza e quinta puntata;
    • La sbarra: Stesse regole come nella prova fisica finale. Presente dalla sesta all'ottava puntata;
    • La vasca: In studio c'erano tre vasche piene di sapone e occupate da persone, sotto le quali vi sono nascoste delle chiavi di vario colore. Svolgente in andata e ritorno i 12 concorrenti, dopo aver musicalmente ballato, dovevano prima cercare di trovare la chiave col colore giusto nelle vasche, e poi si posizionavano su delle sedie. Presente dalla nona all'undicesima puntata.
    3ª prova[modifica | modifica wikitesto]

    Come la seconda anch'essa variava a seconda delle puntate, e passavano alla prova finale soltanto i cinque che la superano.

    • Il muro di burlino: Presente nelle prime cinque puntate, i 16 concorrenti cercavano di fissare più in alto la loro mattonella numerata su un grande muro adesivo, rincorrendo e saltando dal trampolino elastico per rimanere attaccati al medesimo;
    • La caccia: I 12 concorrenti erano bendati (come nella prima prova e ne "La ragnatela"), e usando il loro tatto dovevano cercare di sdraiarsi sui letti, già occupati casualmente da cinque belli e sette brutti. Superavano la prova solo quelli che sono con i belli. Infine questa prova era presente nelle ultime sei puntate.

    Prova fisica finale[modifica | modifica wikitesto]

    Gli otto concorrenti rimasti affrontavano questa prova intitolata La sbarra, dove essi cercavano di resistere rimanendo appesi ai loro trapezi, fino a quando non cedono e cadono in piscina. Gli ultimi tre caduti vincevano la puntata, e ricevevano come premio:

    • 1º posto: medaglia d'oro più 5.000.000 di lire;
    • 2º posto: medaglia d'argento più 3.000.000 di lire;
    • 3º posto: medaglia di bronzo più 1.000.000 di lire.

    Prova mentale[modifica | modifica wikitesto]

    Essa era fissamente presente solo nelle prime quattro puntate, nella quale i concorrenti rispondevano a turno ad un semplice quesito fatto da Bonolis, dove automaticamente i due che sbagliavano venivano eliminati e gli altri tre continuavano con il gioco. I quesiti erano suddivisi in tre parti:

    • 1ª parte: I concorrenti cantavano brevemente una canzone legata ad un artista o gruppo italiano, ma senza base musicale;
    • 2ª parte: Il conduttore lanciava una parola (es: "Il buco"), e loro dovevano dire un oggetto, una parte, ecc. fatta con quella parola. Inoltre, dovevano anche dire un proverbio;
    • 3ª parte: In quest'ultima parte i concorrenti, nelle prime tre puntate, cercavano di individuare due monete (rappresentate dal logo del programma), nascoste casualmente sotto cinque bicchieri. Nella quarta puntata, dovevano invece scegliere la persona maschile che aveva la parrucca.

    NOTA: La terza parte della prova, per l'ultima volta, era presente anche nella quinta puntata; consisteva sempre nella scelta della persona che aveva una caratteristica, ma questa volta era la femmina con la culotte.

    Lista dei 90 concorrenti[modifica | modifica wikitesto]

    Di seguito sono elencati i nomi di tutti i partecipanti al gioco ufficiale, provenienti da tutta Italia, che i quali si basavano sui numeri "napoletani" de La Smorfia. Molti di loro avevano mantenuto i nomi originali, mentre pochi venivano modificati per adattarli come stereotipi.
    Inizialmente, i concorrenti nelle prime cinque puntate furono misti, mentre nelle ultime sei puntate venivano suddivisi in varie categorie specifiche.

    1. "L'Italia"
    2. "La bambina"
    3. "La gatta"
    4. "Il maiale"
    5. "La mano"
    6. "Guarda a terra"
    7. "Il vaso di Creta"
    8. "Incudine e martello"
    9. "La figliolanza"
    10. "I fagioli"
    11. "I topolini"
    12. "I soldati"
    13. "Fiasco e candela"
    14. "L'ubriacone"
    15. "Il ragazzo"
    16. "Il capitano di vascello"
    17. "La disgrazia"
    18. "Il cuore"
    19. "La risata"
    20. "La festa"
    21. "La donna nuda"
    22. "Il pazzo"
    23. "Bocca d'Ercole"
    24. "Le guardie"
    25. "Natale"
    26. "Astolfo"
    27. "Il vaso da notte"
    28. "I seni"
    29. "Il padre di famiglia"
    30. "Le palle del tenente"
    31. "Il padrone di casa"
    32. "Il capitone"
    33. "Gli anni di Cristo"
    34. "Il teschio"
    35. "L'uccellino"
    36. "Le nacchere"
    37. "Il monaco"
    38. "Le sberle"
    39. "La fune al collo"
    40. "L'osteria"
    41. "Il coltello"
    42. "Il caffè"
    43. "La donna al balcone"
    44. "Le carceri"
    45. "Il vino buono"
    46. "I soldi"
    47. "Il morto"
    48. "Morto che parla"
    49. "L'innamorata"
    50. "Il pane"
    51. "Il giardino"
    52. "La mamma"
    53. "Il nonno"
    54. "Il cappello"
    55. "La musica"
    56. "La caduta"
    57. "Il gobbetto"
    58. "Il fagotto"
    59. "I peli"
    60. "Il cervo che fugge"
    61. "Il cacciatore"
    62. "L'assassinato"
    63. "La sposa"
    64. "La marsina"
    65. "Il pianto"
    66. "Le due zitelle"
    67. "Polipo nella chitarra"
    68. "La minestra cotta"
    69. "Sottosopra"
    70. "Il palazzo"
    71. "Il porcospino"
    72. "La meraviglia"
    73. "L'ospedale"
    74. "La grotta"
    75. "Pulcinella"
    76. "La fontana"
    77. "I diavoletti"
    78. "La bella figliola"
    79. "Il mariuolo"
    80. "La bocca"
    81. "I fiori"
    82. "La tavola imbandita"
    83. "Il maltempo"
    84. "La chiesa"
    85. "Le anime del Purgatorio"
    86. "La bottega"
    87. "I pidocchi"
    88. "I caciocavalli"
    89. "La vecchia"
    90. "La paura"

    NOTA 1: I 90 concorrenti erano vestiti da spermatozoi nelle prime cinque puntate.
    NOTA 2: Solo nella quarta e quinta puntata, tre concorrenti su 90 furono sostituiti da dei Vip: Pasquale Africano, Antonella Mosetti e Carmen Russo nella quarta, Samantha De Grenet, Jimmy Ghione e Wendy Windham nella quinta.

    Il gioco telefonico[modifica | modifica wikitesto]

    Era il secondo ed ultimo gioco del programma rivolto solo al pubblico da casa, nella quale Bonolis poneva a loro cinque domande valenti per ogni risposta esatta 1.000.000 di lire per un totale di 5.000.000 di lire. Nelle prime puntate le domande riguardavano l'Italia o gli italiani, mentre nelle successive dovevano indovinare un cantante, il titolo di una canzone o una caratteristica di entrambe.
    Una volta averle risposte egli li introduceva a scegliere una delle due porte, di colore argento ed oro, dietro le quali si celavano due personaggi: il cinese Chang Ran Qu e la tirolese Pia Telander (che rispettivamente facevano aumentare o dimezzare l'accumulo). Infine, il valore di aumento e diminuzione variava solo in base a quante di codeste risposte sono state date.

    (ESEMPIO: 5 risposte su 5 = Più di 5.000.000 di lire; Meno di 2.500.000 lire)

    L'insuccesso[modifica | modifica wikitesto]

    Il programma, format unico e completamente italiano, avrebbe dovuto replicare il successo di Ciao Darwin. In quel periodo la stagione televisiva non era cominciata bene, a causa della tragedia delle Torri Gemelle di New York dell'11 settembre 2001, fatto che causò la mancata partecipazione di Valentino. Teo Teocoli, previsto come membro del cast con le sue parodie e i suoi personaggi, se ne andò dopo la seconda puntata, e con non poche polemiche. Ancor prima di andare in onda, la trasmissione era stata accusata di volgarità.

    Il programma risultò un flop, surclassato dallo show di Rai 1 presentato da Giorgio Panariello Torno sabato, che era abbinato alla Lotteria Italia.[6] Vari furono i tentativi di risollevare gli ascolti: collegamenti in una puntata con la Casa del Grande Fratello (allora in onda con la sua seconda edizione), modifiche al gioco ufficiale ed ospiti più famosi.[7]

    Fu infine chiuso all'undicesima puntata, e il sabato successivo alla sua chiusura, su Canale 5 andò in onda un programma di attualità del TG5 curato e presentato da Enrico Mentana, chiamato Nel centro del mirino.[8]

    Gli spot[modifica | modifica wikitesto]

    Il programma fu preannunciato da 35 spot demenziali (tutti prodotti dallo stesso Bonolis)[9], in cui venivano prese in giro le cartoline dell'Italia mandate in onda dalla Rai durante l'intervallo negli anni sessanta e settanta. Esse erano all'insegna dei "doppi sensi", cioè che furono accostate (come nell'originale) alcune città e/o località italiane ma con dei personaggi, come ad esempio:

    Gli ascolti[modifica | modifica wikitesto]

    Puntata Data Telespettatori Share Ospiti
    1 22 settembre 2001 4.521.000 25,70% Teo Teocoli, Aldo Giovanni e Giacomo, ed Edoardo Bennato.
    2 29 settembre 2001 3.195.000 15,89% Teo Teocoli
    3 6 ottobre 2001[10] 3.481.000 18,28% Emilio Fede e Massimo Giuliani.
    4 13 ottobre 2001 3.676.000 18,23% Pietro Taricone e Massimo Ranieri.
    5 20 ottobre 2001[11] 3.704.000 17,79% Gigi D'Alessio, Walter Zenga, Gianni Fantoni e Gabriella Germani.
    6 27 ottobre 2001 3.464.000 16,69% La Premiata Ditta, Gai Mattiolo e Girolamo Panzetta.
    7 3 novembre 2001 3.838.000 18,34% Enrico Montesano e Irene Grandi.
    8 10 novembre 2001[12] 3.575.000 17,00% Enrico Brignano e Nino D'Angelo.
    9 17 novembre 2001 3.111.000 14,77% Franco Califano, Selen e Massimo Ranieri.
    10 24 novembre 2001 3.006.000 14,34% I Pooh.
    11 1º dicembre 2001 2.951.000 14,21%

    Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

    • Il famoso singolo di Paolo Bonolis e Luca Laurenti, la Bucatini Disco Dance, veniva spesso eseguita nel programma fino a quando nella decima puntata, per l'enorme successo ottenuto i due ricevettero il disco d'oro (consegnatogli dai Pooh).
    • Dentro il C.E.D. (Centro Elaborazione Dati) del programma, era presente l'attrice Laura Pestellini.
    • Nelle prime puntate del programma, dopo la sua sigla d'apertura, compariva brevemente la scena della "pernacchia" di Alberto Sordi (tratta dal film I vitelloni di Federico Fellini).
    • In una intervista del 2014, Paolo Bonolis affermò che Italiani fu uno dei peggiori programmi che lui abbia mai fatto e condotto nella sua carriera.[13]

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    1. ^ Lord Lucas, Paolo Bonolis torna al sabato dopo il flop di Italiani, in TVblog, 22 novembre 2007. URL consultato il 18-07-2013.
    2. ^ www.mediaset.it/gruppomediaset/bin/73.$plit/giorno_20_09_01_italiani.pdf
    3. ^ Alessandra Rota, Teo Teocoli primo ospite di Italiani, in la Repubblica, 22 settembre 2001, p. 51. URL consultato il 10-10-2012.
    4. ^ Francesca Fornario, Al via la coppia Bonolis-Laurenti, in Film.it, 14 marzo 2003. URL consultato il 18-07-2013.
    5. ^ Antonio Dipollina, Gli Italiani di Bonolis tutti latrina e pernacchie, in la Repubblica, 23 settembre 2001, p. 43. URL consultato il 17-03-2010.
    6. ^ archiviostorico.corriere.it, http://archiviostorico.corriere.it/2001/ottobre/15/Bonolis_sconfitta_del_sabato_co_0_0110153490.shtml.
    7. ^ archiviostorico.corriere.it, https://web.archive.org/web/20150614103248/http://archiviostorico.corriere.it/2001/ottobre/20/Bonolis_mai_piu_pernacchie_liberta_co_0_0110201037.shtml. (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2015).
    8. ^ archiviostorico.corriere.it, https://web.archive.org/web/20150614100342/http://archiviostorico.corriere.it/2001/dicembre/06/Bonolis_flop_negli_ascolti_Italiani_co_0_0112066079.shtml. (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2015).
    9. ^ Leandro Palestini, Bonolis-Laurenti: doppi sensi e allusioni per lanciare Italiani, in la Repubblica, 21 luglio 2001, p. 41. URL consultato l'08-10-2013.
    10. ^ archiviostorico.corriere.it, https://web.archive.org/web/20151216080020/http://archiviostorico.corriere.it/2001/ottobre/08/Migliora_show_Bonolis_dopo_flop_co_0_0110082788.shtml. (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2015).
    11. ^ archiviostorico.corriere.it, https://web.archive.org/web/20150614102142/http://archiviostorico.corriere.it/2001/ottobre/22/Panariello_batte_ancora_Bonolis_con_co_0_011022089.shtml. (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2015).
    12. ^ archiviostorico.corriere.it, https://web.archive.org/web/20150614102145/http://archiviostorico.corriere.it/2001/novembre/12/Record_per_Panariello_oltre_milioni_co_0_0111127126.shtml. (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2015).
    13. ^ Quattro chiacchiere a TuPerTu con... Paolo Bonolis - SWIFT BRAINS POST
    Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione