Wendy Windham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Wendy Windham (Los Angeles, 13 gennaio 1967) è una showgirl statunitense.

È stata particolarmente nota in Italia dalla fine degli anni ottanta e per tutti gli anni novanta, partecipando a diverse trasmissioni televisiva in onda sia sulla RAI che sui canali Mediaset grazie al suo personaggio, caratterizzato da un improbabile accento italo-americano.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nipote del celebre attore Stan Laurel[2], dopo essere giunta in Italia nel 1988 ha esordito in televisione nel varietà Raimondo, in onda su Rai 1. Subito dopo è passata a Canale 5 in qualità di ospite ricorrente del quiz Il gioco dei 9 e del Maurizio Costanzo Show.

Nelle estati 1991 e 1992 ha condotto una rubrica comica all'interno del TG delle vacanze, durante la quale, con il suo caratteristico accento italo-americano, spiegava alle donne come difendersi dai playboy.[1] Sempre nei primi anni novanta ha preso parte alle trasmissioni Sabato al circo, Ma mi faccia il piacere e alla sit com Casa dolce casa.[1]

In seguito ha preso parte a diverse edizioni del varietà I cervelloni, affiancando prima Paolo Bonolis e successivamente Giancarlo Magalli. Ha condotto Il gioco delle coppie beach su Rete 4 (con i Trettré), Faccia tosta su Raiuno (con Teo Teocoli) e Miss Italia nel mondo su Raiuno e Il gatto e la volpe su Canale 5 (ambedue con Paolo Bonolis). Nel 1995 ha partecipato inoltre alla versione serale de I fatti vostri e recitato nel film Gratta e vinci. Dal 1995 al 1997 è stata testimonial per la Balocco.

Dal 2001 cessa di apparire sulla televisione italiana, ritirandosi a vita privata a Miami, dove si è sposata con il costruttore Jeff Safchik.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Grasso, p. 921
  2. ^ Giovanna Grassi, Wendy: "C'è una testa su questo corpo", in Corriere della Sera, 23 giugno 1996, p. 33. URL consultato il 4 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il ).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]