Don't Stop Me Now

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Don't Stop Me Now
Don't Stop Me Now.png
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaQueen
Tipo albumSingolo
Pubblicazione26 gennaio 1979
Durata3:31
Album di provenienzaJazz
GenerePiano rock
EtichettaEMI (UK)
Elektra Records (USA)
ProduttoreQueen
Roy Thomas Baker
RegistrazioneAgosto - settembre 1978
Formati7", audiocassetta
Noten. 9 (Regno Unito)
n. 10 (Irlanda)
n. 14 (Olanda)
n. 35 (Germania)
n. 86 (USA)
Certificazioni
Dischi d'oroStati Uniti Stati Uniti[1]
(vendite: 500 000+)
Dischi di platinoItalia Italia[2]
(vendite: 50 000+)
Regno Unito Regno Unito[3]
(vendite: 600 000+)
Queen - cronologia
Singolo precedente
(1978)
Singolo successivo

Don't Stop Me Now è un brano musicale del gruppo rock britannico Queen, incluso nell'album Jazz del 1978, e pubblicato su singolo nel gennaio 1979.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

La canzone è stata scritta da Freddie Mercury,[4] ed è stata registrata tra l'agosto e il settembre del 1978 a Nizza, in Francia, ai Super Bear Studios di Berre-les-Alpes.[5]

Inno liberatorio a qualsiasi tipo di sfrenatezza sessuale, musicalmente, la canzone è basata sulla parte pianistica di Mercury, con John Deacon e Roger Taylor al basso e alla batteria. La traccia è un esempio lampante del caratteristico stile dei Queen, infarcito di armonie vocali multitraccia.[6]

Nella versione in studio, Brian May suona solo un assolo di chitarra, ma durante le esibizioni live nel corso dei Jazz Tour e Crazy Tour, May suonava anche la chitarra ritmica nel brano per donarle una sonorità maggiormente rock. Una versione dal vivo della canzone è stata inclusa nell'album live del 1979 Live Killers.[7] Inoltre, Don't Stop Me Now appare anche nella raccolta Greatest Hits del 1981, e nel giugno 2011, una vecchia take della canzone con maggiori parti di chitarra è stata inclusa nell'EP bonus della ristampa rimasterizzata dell'album Jazz.[8][9]

Versioni alternative[modifica | modifica wikitesto]

  • Versione con una chitarra differente (3:33);
  • Versione strumentale (3:37);
  • Versione per il film documentario del 2007 The Alps (0:52);
  • Live Killers (4:16);
  • Versione soft cantata da Foxes per la puntata "Mummia sull'Orient Express" dell'ottava stagione di Doctor Who (3:22);
  • Versione cantata da Darren Criss per la serie Glee (3:16);
  • Versione registrata per il musical We Will Rock You
    • dal cast di Londra (0:46);
    • dal cast spagnolo (0:47).[4]

Riferimenti nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2004 questa canzone è stata usata nel film L'alba dei morti dementi (Shaun of the Dead).
  • Nel 2005 il brano è stato votato come "The Greatest Driving Song Ever" dagli spettatori del programma televisivo Top Gear della BBC, ma durante la consegna del premio a Roger Taylor il titolo è stato erroneamente "tagliato", in Stop Me Now.[10]
  • Nel 2006 è stata usata nel film Notte prima degli esami, in una folle corsa d'amore giovanile.
  • È stata usata per una pubblicità in Giappone.
  • È stata suonata in American Dad! nell'episodio, Roger e io.
  • Nel videoclip, mentre i Queen suonano dietro al palco compaiono due persone che non dovrebbero esserci.
  • La canzone è stata usata nella versione europea di Donkey Konga.
  • David Morrisey e Steve Pemberton l'hanno cantata per la città di Blackpool.
  • Alla fine del suo "First Class Scamp DVD", Harry Hill si è vestito come Freddie Mercury (giacca gialla stile Wembley) ed ha cantato il brano.
  • La canzone appare anche nel film Notte prima degli esami - oggi.
  • Il brano è stato usato nella pubblicità del talent show: Italia's Got Talent.
  • Nel 2013 è presente nello spot pubblicitario della Visa e per la campagna pubblicitaria di Radio2.
  • La canzone è presente nel film Hardcore durante il combattimento fra il protagonista e dei soldati potenziati

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 13 maggio 2015.
  2. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 12 settembre 2016.
  3. ^ (EN) BPI Awards, British Phonographic Industry. Digitare "Queen" in "Keywords", dunque premere "Search".
  4. ^ a b Don't Stop Me Now (Jazz) su ultimatequeen.co.uk
  5. ^ Jazz - Don't Stop Me Now Ultimate Queen.
  6. ^ Donald A. Guarisco, Don't Stop Me Now. Allmusic.
  7. ^ Live Killers Allmusic.
  8. ^ Queen Greatest Hits, Vols. 1 & 2 Allmusic.
  9. ^ Jazz (Remastered) Queen Archiviato il 17 agosto 2011 in Internet Archive. iTunes.
  10. ^ Queen win Top Gears Best Driving Song ever poll Archiviato il 30 settembre 2011 in Internet Archive. Queen Zone.
  11. ^ https://www.youtube.com/watch?v=VgLYsVelq8Y

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]