The Show Must Go On (Queen)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Show Must Go On
Show must screenshot.png
Screenshot del video, tra gli ultimi, anch'esso realizzato con spezzoni di altri video, live e backstage del gruppo
Artista Queen
Tipo album Singolo
Pubblicazione 14 ottobre 1991
Durata 4 min : 36 s
Album di provenienza Innuendo
Dischi 1
Tracce 2
Genere[1] Hard rock
Glam rock
Art rock
Album-oriented rock
Arena rock
Etichetta Parlophone (Regno Unito)
Hollywood Records (USA)
Produttore David Richards
Queen
Registrazione 1990
Note
Certificazioni
Dischi d'argento Francia Francia[2]
(vendite: 187 000)[3]
Dischi d'oro Italia Italia[4]
(vendite: 15 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[5]
(vendite: 500 000+)
Queen - cronologia
Singolo precedente
(1991)

The Show Must Go On è un brano della rock band inglese Queen, dodicesima e ultima traccia dell'album Innuendo del 1991. Fu pubblicata come singolo nel Regno Unito il 14 ottobre 1991 in promozione del disco Greatest Hits II, appena sei settimane prima che Freddie Mercury morisse. È una delle poche hit del repertorio dei Queen che raggiunse al momento dell'uscita una posizione più elevata negli Stati Uniti (#2) che nel Regno Unito (#16).

Inizialmente si è pensato che questo brano fosse un testamento di Freddie Mercury e che parlasse del suo stato d'animo prima di morire, invece è una poesia triste e struggente nata dalla penna di Brian May[6]. Il risultato finale è comunque frutto della collaborazione di tutti i membri del gruppo. La successione di accordi dell'introduzione (che si ripetono per quasi tutto il brano) è infatti opera di John Deacon, mentre Mercury e Roger Taylor contribuirono alla stesura del testo.

Nelle prime versioni demo della canzone diverse tonalità vocali sono in falsetto, perché troppo alte. Per questi motivi, inizialmente May nutriva alcuni dubbi sul fatto che Mercury potesse cantarla, a causa dell'AIDS. Con sorpresa dello stesso May, quando venne il momento di registrare le parti vocali, Mercury disse: "Cazzo se lo farò!", e interpretò il brano senza problemi (il tutto dopo aver bevuto un bicchiere di Vodka).[7].

« The Show Must Go On è venuta fuori dalla riproduzione di una sequenza effettuata da Roger e Deacon, con me che iniziai a lavorarci sopra. All'inizio, si trattava solo di vari accordi messi assieme, ma sentivo dentro di me che sarebbe potuta diventare qualcosa di importante. Ne iniziai a parlare anche con Freddie e, dopo esserci seduti insieme, decidemmo il tema del brano e scrivemmo i primi versi. Ho sempre pensato che sarebbe stato importante farla perché avevamo a che fare con cose che erano difficile da discutere, in quel momento. Ma nel mondo della musica, tutto si può fare. »
(Brian May - 1994[8])

Tracce del singolo[modifica | modifica wikitesto]

Edizione originale 1991, 7"
  1. The Show Must Go On (Vinyl Edit) - 4:24 (Queen)
  2. Keep Yourself Alive (Album Version) - 3:47 (May)
Edizione originale 1991, 12"
  1. The Show Must Go On (Vinyl Edit) - 4:24 (Queen)
  2. Keep Yourself Alive (Album Version) - 3:47 (May)
  3. Queen Talks (Non-Album B-side) - 1:44 (Queen)
Edizione originale 1991, 12" per il mercato tedesco
  1. The Show Must Go On (Vinyl Edit) - 4:24 (Queen)
  2. Las Palabras de Amor (The Words of Love) - 4:32 (May)
  3. Keep Yourself Alive (Album Version) - 3:48 (May)
  4. Queen Talks (Non-Album B-side) - 1:44 (Queen)
Edizione originale 1991, CD
  1. The Show Must Go On (Album Version) - 4:36 (Queen)
  2. Keep Yourself Alive (Album Version) - 3:47 (May)
  3. Queen Talks (Non-Album B-side) - 1:44 (Queen)
Riedizione CD 2010 (The Singles Collection Volume 4)
  1. The Show Must Go On (Album Version) - 4:32 (Queen)
  2. Queen Talks (Non-Album B-side) - 1:44 (Queen)

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip di The Show Must Go On è un collage di vecchi video, concerti e altri momenti della band (dal 1981 in poi). Questa scelta fu dettata dalla salute di Mercury, che ai tempi si trovava nelle ultime sei settimane di vita; Freddie aveva già registrato il suo ultimo video il 31 maggio 1991, quello di These Are the Days of Our Lives, e da allora le sue condizioni fisiche erano peggiorate.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Show Must Go On su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (FR) French albums certifications, InfoDisc. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  3. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, SNEP. URL consultato il 31 agosto 2014. Inserire Queen e premere il tasto OK.
  4. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 19 maggio 2015. Settimana "51", anno "2014".
  5. ^ (EN) Gold & Platinum Searchable Database, RIAA. URL consultato il 13 maggio 2015.
  6. ^ (EN) The Show Must Go On (brano musicale) su AllMusic, All Media Network.
  7. ^ 100 greatest singers of all time — Freddie Mercury, Rolling Stone. URL consultato il 1º ottobre 2011.
  8. ^ The Show Must Go On in queenpedia.com. URL consultato il 10 marzo 2010.