Don't Stop Me Now

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Don't Stop Me Now
Don't Stop Me Now.png
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaQueen
Tipo albumSingolo
Pubblicazione26 gennaio 1979
Durata3:31
Album di provenienzaJazz
GenerePiano rock
EtichettaEMI (UK)
Elektra Records (USA)
ProduttoreQueen, Roy Thomas Baker
RegistrazioneAgosto - settembre 1978
Formati7", MC
Certificazioni
Dischi di platinoDanimarca Danimarca[1]
(vendite: 90 000+)
Italia Italia (3)[2]
(vendite: 150 000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[3]
(vendite: 1 200 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[4]
(vendite: 1 000 000+)
Queen - cronologia
Singolo successivo
(1978)

Don't Stop Me Now è un brano musicale del gruppo rock britannico Queen, incluso nell'album Jazz del 1978, e pubblicato su singolo nel gennaio 1979.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

La canzone è stata scritta da Freddie Mercury,[5] ed è stata registrata tra l'agosto e il settembre del 1978 a Nizza, in Francia, ai Super Bear Studios di Berre-les-Alpes.[6]

Inno liberatorio a qualsiasi tipo di sfrenatezza sessuale, musicalmente, la canzone è basata sulla parte pianistica di Mercury, con John Deacon e Roger Taylor al basso e alla batteria. La traccia è un esempio lampante del caratteristico stile dei Queen, infarcito di armonie vocali multitraccia.[7]

Nella versione in studio, Brian May suonò esclusivamente un assolo di chitarra, ma durante le esibizioni live nel corso dei Jazz Tour e Crazy Tour, May eseguì anche parti alla chitarra ritmica per donare al brano una sonorità maggiormente rock. Una versione dal vivo della canzone è stata inclusa nell'album live del 1979 Live Killers.[8] Inoltre, Don't Stop Me Now appare anche nella raccolta Greatest Hits del 1981, e nel giugno 2011, una vecchia take della canzone con maggiori parti di chitarra è stata inclusa nell'EP bonus della ristampa rimasterizzata dell'album Jazz.[9][10]

Versioni alternative[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2004 questa canzone è stata usata nel film L'alba dei morti dementi (Shaun of the Dead).
  • Nel 2005 il brano è stato votato come "The Greatest Driving Song Ever" dagli spettatori del programma televisivo Top Gear della BBC, ma durante la consegna del premio a Roger Taylor il titolo è stato erroneamente "tagliato", in Stop Me Now.[11]
  • Nel 2006 è stata usata nel film Notte prima degli esami, in una folle corsa d'amore giovanile.
  • È stata usata per una pubblicità in Giappone.
  • È stata suonata in American Dad! nell'episodio, Roger e io.
  • La canzone è stata usata nella versione europea di Donkey Konga.
  • David Morrisey e Steve Pemberton l'hanno cantata per la città di Blackpool.
  • Alla fine del suo First Class Scamp DVD, Harry Hill si è vestito come Freddie Mercury (giacca gialla stile Wembley) ed ha cantato il brano.
  • La canzone appare anche nel film Notte prima degli esami - oggi.
  • Il brano è stato usato nella pubblicità del talent show Italia's Got Talent.
  • Nel 2013 è presente nello spot pubblicitario della Visa e per la campagna pubblicitaria di Radio2.
  • La canzone è presente nel film Hardcore durante il combattimento fra il protagonista e dei soldati potenziati.
  • Il brano viene utilizzato dal 2016 in ogni Gran Premio del Motomondiale trasmesso da Sky Sport MotoGP, a pochi minuti dall'inizio della gara della classe MotoGP: nel lanciarlo il telecronista Guido Meda usa l'espressione: Non fermateci!, prendendo spunto dalla traduzione italiana del titolo del brano.
  • La canzone è utilizzata (insieme a parte del video) come inizio dei titoli di coda del film Bohemian Rhapsody (2018).

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DA) Certificeringer, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 1º maggio 2019.
  2. ^ Don't Stop Me Now (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 21 ottobre 2019.
  3. ^ (EN) Queen, Don't Stop Me Now, British Phonographic Industry. URL consultato il 27 aprile 2019.
  4. ^ (EN) Queen, Don't Stop Me Now – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 5 marzo 2019.
  5. ^ a b Don't Stop Me Now (Jazz) su ultimatequeen.co.uk
  6. ^ Jazz - Don't Stop Me Now Ultimate Queen.
  7. ^ Donald A. Guarisco, Don't Stop Me Now. Allmusic.
  8. ^ Live Killers Allmusic.
  9. ^ Queen Greatest Hits, Vols. 1 & 2 Allmusic.
  10. ^ Jazz (Remastered) Queen Archiviato il 17 agosto 2011 in Internet Archive. iTunes.
  11. ^ Queen win Top Gears Best Driving Song ever poll Archiviato il 30 settembre 2011 in Internet Archive. Queen Zone.
  12. ^ https://www.youtube.com/watch?v=VgLYsVelq8Y

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]