Division 1 1969-1970

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Division 1 1969-1970
Competizione Ligue 1
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 32ª
Organizzatore LFP
Date dal 5 agosto 1969
al 23 giugno 1970
Luogo Francia Francia
Partecipanti 18
Risultati
Vincitore Saint-Étienne
(6º titolo)
Retrocessioni Rouen
Statistiche
Miglior marcatore Francia Hervé Revelli (28)
Incontri disputati 306
Gol segnati 973 (3,18 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1968-1969 1970-1971 Right arrow.svg

L'edizione 1969-70 della Division 1 fu il trentaduesimo campionato di calcio francese, che vide la vittoria finale del Saint-Étienne.

Avvenimenti[1][modifica | modifica wikitesto]

Il campionato, iniziato il 5 agosto 1969, fu quasi interamente dominato dal Saint-Étienne, che alla quinta giornata sopravanzò l'Olympique Lione, capolista solitaria alla terza giornata, e allungò sulle inseguitrici concludendo il girone di andata imbattuto e con sette punti di vantaggio sul Bordeaux. I Verts mantennero la posizione anche nel girone di ritorno, arrivando a raggiungere un distacco di dieci punti sulle inseguitrici che permise alla squadra di laurearsi campione di Francia con tre giornate di anticipo e due partite da recuperare.

La zona retrocessione fu ridotta a tre squadre perché l'anno successivo il numero delle squadre partecipanti sarebbe stato allargato a venti: il Valenciennes retrocesse direttamente, mentre l'Ajaccio e il Bastia dovettero disputare dei play-off promozione-salvezza contro le prime due classificate della Division 2, vinti poi dal Bastia e dal Nancy[2]. Tuttavia, la retrocessione d'ufficio del Rouen per problemi finanziari[3] favorì il ripescaggio dell'Ajaccio, penultimo ai playoff, e del Valenciennes[2]. Capocannoniere del torneo fu Hervé Revelli del Saint-Étienne, con 28 reti.

Capoliste solitarie[1][modifica | modifica wikitesto]

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Classifica finale 1969-70 Pt G V N P GF GS DR
Ligue1 trophy.svg 1. Saint-Étienne 56 34 25 6 3 88 30 +58
2. O. Marsiglia 45 34 18 9 7 75 41 +34
3. Sedan 42 34 17 8 9 54 42 +12
4. Angoulême 38 34 12 14 8 53 43 +10
5. Strasburgo 36 34 15 6 13 65 55 +10
6. Bordeaux 36 34 13 10 11 54 48 +6
7. Angers 35 34 13 9 12 53 53 0
8. Metz 34 34 13 8 13 50 44 +6
9. Sochaux 34 34 12 10 12 48 55 -7
10. Nantes 33 34 13 7 14 62 56 +6
11. Nîmes 32 34 13 6 15 60 55 +5
The death.svg 12. Rouen[6] 32 34 10 12 12 41 45 -4
13. Red Star 30 34 11 8 15 45 67 -22
14. Rennes 29 34 9 11 14 52 73 -21
15. O. Lione 28 34 12 4 18 57 78 -21
Noatunloopsong.png 16. Ajaccio 26 34 11 4 19 34 51 -17
Noatunloopsong.png 17. Bastia 24 34 10 4 20 50 74 -24
18. Valenciennes[7] 22 34 8 6 20 32 63 -31

Record[modifica | modifica wikitesto]

Spareggi interdivisionali[2][modifica | modifica wikitesto]

Playoff promozione/salvezza Pt G V N P GF GS DR
1uparrow green.svg 1. Bastia 5 4 2 1 1 8 5 +3
1uparrow green.svg 2. Nancy 5 4 2 1 1 5 4 +1
1uparrow green.svg 3. Ajaccio[7] 4 4 2 0 2 8 5 +3
1downarrow red.svg 4. O. Avignone 2 4 1 0 3 5 12 -7

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

Squadra campione[8][modifica | modifica wikitesto]

600px pentasection HEX-008736 White HEX-0000BB HEX-FF0000 bordered White star.svg
AS Saint-Étienne

Classifica marcatori[3][modifica | modifica wikitesto]

Gol Marcatore Squadra
1rightarrow.png 28 Francia Hervé Revelli Saint-Étienne
24 Camerun Joseph Yegba Maya O. Marsiglia
21 Mali Salif Keïta Saint-Étienne
20 Francia Philippe Piat Strasburgo
- Cecoslovacchia Adolf Scherer Nîmes
- Germania Wolfgang Kaniber Strasburgo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Cronologia della classifica della stagione 1969-1970 della Division 1, dal sito ufficiale della Ligue 1
  2. ^ a b c d e f Classifica della stagione 1969-70 della Division 1, dal sito falcu.net/Semprebastia/
  3. ^ a b c Scheda della stagione 1969-70 della Division 1, dal sito pari-et-gagne.com
  4. ^ a b Promosso dalla Division 2 1968-69
  5. ^ Campione di Francia in carica
  6. ^ Retrocesso d'ufficio per problemi finanziari
  7. ^ a b Ripescato in seguito alla retrocessione d'ufficio del Rouen
  8. ^ Cronologia del Saint-Etienne, dal sito pari-et-gagne.com