Darío Verón

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Darío Verón
Dario Veron.jpg
Nazionalità Paraguay Paraguay
Altezza 181 cm
Peso 83 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Pumas UNAM
Carriera
Squadre di club1
1999-200012 de Octubre? (?)
2001Guaraní? (?)
2001-200212 de Octubre24 (1)
2003Cobreloa20 (4)
2003-Pumas UNAM405 (19)
Nazionale
2001- Paraguay Paraguay 50 (1)
Palmarès
Coppa America calcio.svg Coppa America
Argento Argentina 2011
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 marzo 2012

Darío Anastacio Verón Maldonado (pron. darío anastásjo berón maldonáðo; San Ignacio, 26 luglio 1979) è un calciatore paraguaiano con passaporto messicano, difensore dei Pumas e della nazionale paraguaiana.

È soprannominato el Hechicero (in lingua italiana lo Stregone).[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Difensore centrale di gran forza fisica, è molto abile nel gioco di testa, rendendosi spesso pericoloso anche nell'area avversaria su calcio piazzato. Grazie al suo carisma e alla sua esperienza è diventato capitano dei Pumas, squadra nella quale riveste il ruolo di marcatore centrale dal 2003, dimostrando sempre attenzione nella marcatura e tempismo nei contrasti.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Paraguay e Cile[modifica | modifica wikitesto]

Debutta nella Primera División paraguagia il 25 luglio 1999, con la maglia del 12 de Octubre, nella partita pareggiata per 0-0 contro il Cerro Porteño. Ceduto in prestito al Guaraní nel 2001, ha l'opportunità di giocare la Copa Libertadores, in cui la squadra è eliminata giungendo terza nel proprio girone.[3] Gioca la massima competizione per club sudamericana anche l'anno seguente con la maglia del 12 de Octubre, con il quale conquista anche a novembre il campionato di clausura, segnando il goal decisivo del 3-2 nella finale contro la sua ex squadra, il Guaraní, a 5 minuti dal termine.[4] Nel 2003 viene ceduto ai cileni del Cobreloa, con i quali vince il torneo di apertura e partecipa alla Copa Libertadores. Nel corso della competizione viene notato dai messicani dei Pumas,[2] affrontati dal Cobreloa negli ottavi di finale, i quali subito dopo la partita giocata in Messico gli propongono un contratto, che Verón è felice di firmare.[5]

Pumas[modifica | modifica wikitesto]

Il Bicampeonato nel 2004[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua nuova squadra trova immediatamente posto come titolare nella difesa accanto a Joaquín Beltrán, con il quale forma una coppia centrale di ottimo rendimento.[2] Alla prima partita di campionato contro l'América va subito in goal aprendo le marcature al 28º minuto con un tiro dalla lunetta, in una partita che terminerà 4-3 per i Pumas.[6] Dopo un errore ininfluente per la vittoria finale dei Pumas contro il Veracruz, va di nuovo in goal nell'andata dei quarti di Liguilla contro il Toluca, realizzando su assist di Beltrán il goal del definitivo 2-2.[7] La squadra sarà però eliminata al ritorno perdendo in casa 0-2. In totale colleziona 19 presenze e 2 reti nel torneo.[8] Nel torneo di clausura, dove i Pumas trionfano, conferma le sue ottime prestazioni giocando (da titolare) tutte e 25 le partite del campionato. Sfiora il goal di testa nel finale della partita pareggiata contro il San Luis alla terza giornata,[9] poi va in rete alla nona contro i Gallos Blancos segnando all'88° il goal del pareggio (3-3),[10] e si ripete alla terzultima giornata contro il Veracruz, siglando al 51° il goal del momentaneo 1-1 (i Pumas vinceranno poi 6-1).[11] Nell'andata dei quarti di Liguilla in casa dell'Atlas una sua sfortunata deviazione sul tiro di Gerardo Espinoza causa il goal avversario che accorcia le distanze, ma l’equipo universitario riesce lo stesso a vincere per 1-2.[12] Dopo aver eliminato il Cruz Azul, i Pumas ottengono il trofeo battendo ai rigori i Chivas di Guadalajara.

Il torneo di apertura 2004 comincia con un'espulsione rimediata al 92° della prima partita contro l'Estudiantes (sconfitta per 0-1), che lo obbliga a saltare per squalifica le due giornate successive.[13] Torna in campo contro il Toluca alla quarta giornata, e nel match seguente contro il Veracruz apre le marcature dopo dieci minuti con un goal in semisforbiciata su calcio d'angolo, anche se saranno poi gli ospiti a vincere la partita.[14] Alla sesta è invece un suo errore a permettere a Walter Gaitán dei Tigres di segnare il goal del sorpasso a 8 minuti dalla fine;[15] inoltre provoca un calcio di rigore due partite dopo contro l'Atlas per il 2-1 degli avversari. Le prestazioni poco brillanti di Verón coincidono con la peggior serie negativa dei Pumas con Hugo Sánchez alla guida.[16] Nonostante un nuovo rigore provocato alla giornata seguente contro i Dorados nei minuti di recupero,[17] i Pumas riescono ad uscire dalla crisi e da lì iniziano una lunga serie positiva. A differenza delle due precedenti occasioni, alla dodicesima giornata contro il Puebla è Verón a conquistare un penalty, subendo fallo in area da Francisco Arrué e permettendo così a Joaquín Botero di marcare il goal dell'1-2.[18] I Pumas superano nella Liguilla il Veracruz e l'Atlas, e battendo nel doppio confronto i Rayados del Monterrey vincono il loro quinto titolo nazionale.[13] Nello stesso anno, inoltre, i Pumas battono il Toluca nel Campeón de Campeones, il trofeo che vedeva opposte le due squadre vincitrici dei tornei di apertura e clausura.[19]

Tornei transcontinentali fra 2005 e 2006[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il doppio trionfo del 2004, la squadra risulta scarica nel torneo di clausura 2005, dove non ottiene nemmeno la qualificazione alla Liguilla.[20] Alla seconda giornata contro l'Atlante Verón si fa rubare palla da Carlos Alberto Ramírez, che serve un compagno per il goal decisivo che dà la sconfitta in casa ai Pumas,[21] ma in seguito si rifà servendo di testa l'assist per l'1-3 vincente di Diego Alonso contro il Pachuca[22] e a Jaime Lozano contro i Tigres.[23] Alla 14ª giornata contro il Monterrey, con la sconfitta casalinga per 1-2, i Pumas sono ufficialmente fuori dalla Liguilla. A complicare la partita, Verón viene espulso al 68° per doppia ammonizione.[24] Termina il torneo con 15 presenze.[20] Le cattive prestazioni della squadra possono essere parzialmente spiegate dalla partecipazione alla Champions’ Cup, in cui i Pumas raggiungono la finale contro il Saprissa, che ha però la meglio nel doppio confronto.

Con le vittorie nei tornei precedenti, i Pumas hanno diritto a partecipare alla Copa Sudamericana 2005 ed alla Copa Libertadores 2006. Nella prima, Verón gioca tutte e 8 le partite disputate dai Pumas, che iniziano negli ottavi contro i boliviani del The Strongest, battuti 3-1 in casa ed eliminati con la sconfitta di misura (2-1) al ritorno.[25] Nei quarti gli universitari sono inizialmente sconfitti per 2-1 dal Corinthians, ma poi con un sonoro 3-0 i Pumas ottengono l'accesso alle semifinali,[26] dove affrontano il Vélez Sarsfield. All'andata in Argentina la partita termina 0-0, ma ancora una volta nell'Estadio Olímpico Universitario i Pumas travolgono l'avversario, andando a vincere stavolta 4-0.[27] Le due finali, che vedono i messicani opposti al Boca Juniors detentore del titolo, terminano entrambe sull'1-1, e sono necessari i rigori per determinare il vincitore della coppa. La lotteria dal dischetto non premia i Pumas, che quindi finiscono la coppa in seconda posizione.[28] Nella Libertadores il club non ha altrettanta fortuna: con un solo punto conquistato, termina il suo girone all'ultimo posto. Nella prima partita contro il Nacional arriva una sconfitta per 2-0. Verón è espulso al 76° per doppia ammonizione,[29] saltando così la partita successiva persa in casa 0-1 contro il Maracaibo. Non gioca nemmeno nelle sconfitte per 1-2 e 3-2 contro l'Internacional. Torna in campo per la trasferta di Maracaibo, che si trasforma in una disfatta, con la squadra che perde 3-0,[30] e per il pareggio casalingo contro il Nacional (1-1) in cui si fa nuovamente espellere al 55º minuto.[31]

Nel frattempo in campionato i Pumas continuano la loro fase negativa, e né nell'apertura 2005 né nel clausura riescono a qualificarsi alla Liguilla. Saltate per infortunio la quinta e la sesta dell'apertura,[32] alla nona giornata contro il Morelia segna allo scadere il goal che permette ai felinos di raggiungere i padroni di casa sul 2-2.[33] Due giornate dopo, nella sconfitta contro l'Estudiantes, è protagonista di un curioso episodio: al 92° commette un brutto fallo su Antonio Huerta a centrocampo, l'arbitro Armando Archundia lascia correre per la regola del vantaggio e i padroni di casa segnano il goal del 3-1; poi Archundia, convalidato il goal, torna indietro ed espelle Verón per la dura entrata.[34] Al termine del torneo, sono 14 le presenze per lui, con un goal.[35] Nel torneo di clausura gioca tutte le 17 partite per intero, ma senza segnare goal.[36]

Partito Beltrán nel 2006, ceduto al Necaxa, con il nuovo allenatore Ricardo Ferretti il suo compagno di reparto diventa Marco Antonio Palacios nella difesa a 4, poi cambiata occasionalmente in una difesa a 3 in cui lui occupa il ruolo di marcatore centrale. Alla 12ª giornata viene espulso all'85° per doppia ammonizione nella sconfitta interna contro l'Atlante.[37] La squadra si qualifica alla Liguilla grazie alla vittoria per 5-0 all'ultima giornata contro i Tigres, venendo poi eliminata al primo turno dal Pachuca. Chiude con 18 presenze il torneo.[38] Nel clausura 2007 va in rete alla 14ª giornata aprendo le marcature nel derby contro l'América (goal di testa su corner di Leandro Augusto),[39] ma poi gli ospiti si riportano sull'1-1 nel secondo tempo. A causa di una lunga serie di pareggi nella seconda metà del torneo, i Pumas non si qualificano alla Liguilla. In totale mette assieme 16 partite con un goal.[40]

Il ritorno al successo: 2009 e 2011[modifica | modifica wikitesto]

Nel torneo di apertura 2007 il suo compagno di reparto al centro della difesa è il giovane Héctor Moreno, poi passato in Europa all'AZ Alkmaar. Alla nona giornata sblocca la trasferta contro il Morelia segnando di testa su calcio di punizione, dando il via alla vittoria per 0-3 della sua squadra.[41] Alla 14° viene espulso per una gomitata a César Delgado nel finale contro il Cruz Azul, lasciando la sua squadra in dieci negli ultimi minuti dell'incontro perso 1-2.[42] Squalificato per le successive 3 giornate e saltata l'andata dei quarti di Liguilla perché convocato con la nazionale paraguagia,[43] rientra al ritorno entrando all'intervallo al posto dell'attaccante Ismael Íñiguez per proteggere il vantaggio.[44] Si tratta della prima volta che subentra a partita in corso dall'inizio dell'avventura con i Pumas. Grazie ai buoni risultati ottenuti nella Liguilla, Ferretti decide di mantenere lo stesso schieramento titolare anche in semifinale contro il Santos Laguna,[45] per cui Verón non gioca la partita di andata (vinta 3-0 dagli universitari) ed entra nel primo tempo al ritorno al posto di Rubens Sambueza, che rischiava l'espulsione.[46] In finale i Pumas affrontano l'Atlante, con Verón che ritorna nel quadro titolare. Dopo il pareggio interno per 0-0 (con un salvataggio essenziale sulla linea da parte di Verón a pochi minuti dal termine)[47] l'Atlante si impone nel suo stadio per 2-1 e sottrae il sesto titolo al club auriazul. L'apertura si conclude con 16 presenze e 2 goal.[48] Il torneo di clausura non è altrettanto fortunato e la squadra non si qualifica alla Liguilla. Verón totalizza 17 presenze senza reti.[49] Alla prima giornata, una sua sfortunata deviazione permette ai Chivas di segnare il 3-0 definitivo,[50] mentre alla seconda giornata contro l'Atlante (sconfitta 1-2) commette un fallo di mano che provoca un rigore per il temporaneo pareggio ospite.[51] Dopo la pesante sconfitta interna 0-3 alla settima giornata, Ferretti decide di affiancargli nuovamente Palacios invece che Carlos Humberto González. Alla dodicesima contro i Tigres concorre alla sconfitta della sua squadra commettendo due errori grossolani sull'azione del secondo goal.[52]

Nonostante alcune occasionali sbavature, è comunque lui il leader della difesa, e le prestazioni nel campionato successivo lo confermano. Sempre in coppia con Palacios, costituisce una delle difese meno battute del torneo. Guadagna un fallo da rigore alla settima giornata contro l'Atlas per il goal di Juan Carlos Cacho[53] (mentre in precedenza ne aveva commesso uno contro il Santos). Nel pareggio interno 1-1 contro gli Indios un suo errore permette il vantaggio ospite, ma poi si riscatta salvando il goal dell'1-2.[54] Nella partita seguente apre le marcature contro i Chivas al 52° su corner di Jehu Chiapas, ma poi i padroni di casa trovano il pareggio.[55] La squadra accede alla Liguilla, dove contro il Cruz Azul Verón disputa una grande partita all'andata per mantenere il risultato sullo 0-0,[56] ma al ritorno la Máquina si impone per 1-3 ed elimina i Pumas. In totale per Verón sono 17 le presenze, con un goal,[57] cui si aggiungono le due partite in Concachampions, con una rete segnata nel 4-4 contro lo Houston Dynamo. Nel clausura 2009 è ancora il pilastro della difesa universitaria con Palacios al fianco. Dopo un buon rendimento nella fase regolare del torneo, nell'andata dei quarti di Liguilla contro l'Estudiantes commette all'85° il fallo da rigore che permette ai padroni di casa di segnare il goal del 2-0;[58] inoltre per un colpo rifilato a Jorge Zamogilny non visto dall'arbitro, viene squalificato attraverso la prova TV per la partita di ritorno, vinta dai Pumas 3-0, rimontando di fatto la sconfitta dell'andata e passando alla semifinale.[59] Qui, contro il Puebla, dopo aver vinto l'andata per 1-2, la squadra subisce due goal in casa e rischia l'eliminazione, ma Verón a tre minuti dal termine realizza uno dei goal più importanti della sua carriera insaccando di testa su cross di Israel Castro, permettendo così ai Pumas di passare in finale grazie alla miglior posizione conclusiva in campionato.[60] Nella Gran Final i Pumas vincono nell'Estadio Olímpico per 1-0 sul Pachuca, e bloccano al ritorno i padroni di casa sul 2-2 per il loro sesto titolo nazionale della storia. A fine torneo, Verón conta 22 presenze e 1 goal.[61] Nella stagione 2009-2010 ottiene 4 presenze in Concachampions, tra cui le due semifinali in cui i Pumas sono battuti per un globale di 5-1 dal Cruz Azul e dove rimedia un'espulsione. In campionato la squadra non ripete i fasti del torneo precedente e non riesce ad accedere alla Liguilla. Alla seconda giornata, in casa contro il Cruz Azul, si rende protagonista di un incredibile autogoal, quando al 42° su rilancio del portiere avversario lascia rimbalzare la palla e colpisce di testa all'indietro verso Sergio Bernal, che viene scavalcato dalla traiettoria della palla per il goal dello 0-1.[1] La partita terminerà poi 0-3. A rimarcare ulteriormente l'errore del difensore, i tifosi del Toluca alla partita successiva (vinta 3-0 dai Diablos) si fanno beffe di lui gridando “gol!” ad ogni sua azione.[62] Alla quarta giornata viene espulso al 65° per fallo da ultimo uomo su Gastón Fernández dei Tigres, che si stava involando verso la porta di Bernal. Gli ospiti però riusciranno lo stesso a vincere la partita.[63] Salta per squalifica la partita persa 3-0 contro l'Estudiantes, ed anche, due giornate dopo, quella contro l'Atlante (altra sconfitta 1-0), stavolta perché impegnato con la nazionale.[64] Alla 15ª giornata realizza la sua prima doppietta in terra messicana contro i rivali dell'América: i suoi due goal, entrambi di testa su corner di Jehu Chiapas, permettono alla squadra di vincere per 3-2,[65] anche se questo non servirà per raggiungere la Liguilla, e il torneo dei Pumas finisce lì, con 14 presenze e 2 reti per Verón.[66] Nel torneo di clausura continua a rappresentare l'elemento-chiave della difesa auriazul, come dimostra nella partita (0-0) contro i Chivas alla 10ª giornata, quando annulla un Javier Hernández allora in piena esplosione.[67] Nella successiva giornata contro i Jaguares segna un goal di testa, ma l'arbitro annulla per un fallo di Martín Bravo in area.[68] A seguito di ottime prestazioni, la squadra si qualifica per la Liguilla, dove incontra il Santos Laguna, che però ferma il suo cammino sconfiggendola per 2-0 all'andata e perdendo di misura al ritorno. Al termine della partita, il difensore lagunero Felipe Baloy accusa il paraguagio, assieme a Marco Antonio Palacios, di averlo offeso con insulti razzisti. I due si impegnano di conseguenza con il CONAPRED (Consiglio Nazionale per la Prevenzione della Discriminazione) per cercare di favorire la diffusione di una cultura basata sulla tolleranza e l'integrazione.[69] Per Verón le presenze nel torneo sono 19 (tutte le partite dei Pumas e per intero) senza segnare goal.[70]

Per il campionato 2010-2011 il club promuove come tecnico della prima squadra Guillermo Vázquez, e il titolare della corsia di sinistra Efraín Juárez è ceduto al Celtic, ma Verón viene riconfermato come perno al centro della difesa. Così come alla seconda giornata del torneo precedente, anche nell'apertura 2010 Verón e Bernal confezionano un autogoal che permette ai rivali (in questo caso il Santos, che andrà a vincere 4-0) di sbloccare la partita. Dopo un rimbalzo sul palo, la palla arriva a Verón, che da terra cerca di allontanarla, ma la fa carambolare contro Bernal posizionato alla sua destra, col risultato che la palla finisce in rete.[2] La sua assenza si fa comunque pesare, infatti alla 11ª giornata, quando manca contro il Pachuca, la squadra subisce 3 goal dagli avversari.[71] Vive un momento estremamente importante all'ultima giornata contro l'América, cui segna nuovamente un goal, l'unico della partita, che dà ai Pumas la qualificazione alla Liguilla.[72] La squadra felina nei quarti ribalta la sconfitta interna 1-2 contro il Cruz Azul andando a vincere nell'Estadio Azul per 0-2, ma non può nulla contro il Monterrey, che vince in casa per 2-0. Nella Liguilla il tecnico Vázquez propone anche per la prima volta la difesa a 3, che manterrà poi per tutti i tornei successivi, con Verón centrale al fianco di Pikolín Palacios ed Efraín Velarde. Il torneo si chiude per lui con 20 partite e 1 goal.[73] Nel torneo di clausura i Pumas tornano alla vittoria in campionato, con Verón sempre punto di riferimento per la retroguardia del club. Gioca infatti per intero tutte le 23 partite della stagione.[74] Alla seconda giornata è suo l'assist che permette a Juan Carlos Cacho di piegare il Santos Laguna,[75] ed alla giornata dopo è lui stesso a segnare il goal che dà il momentaneo pareggio nel 3-3 contro il Cruz Azul.[76] Va ancora in rete per il 2-0 all'Estudiantes dopo pochi minuti del primo tempo,[77] mentre un fallo su di lui da parte di Ever Alfaro dell'Atlante ne provoca l'epulsione alla nona, contribuendo alla vittoria puma 0-2.[78] La squadra, piazzatasi seconda in classifica, accede alla Liguilla dove affronta il Monterrey. L'andata termina 3-1 per i campioni in carica, ma al ritorno i Pumas ribaltano il risultano e passano il turno con un secco 2-0. In semifinale contro i Chivas l'andata in trasferta si conclude sull'1-1 (con un goal annullato ai padroni di casa proprio per un fallo su Verón)[79] ma ancora una volta al ritorno i Pumas vincono per 2-0 e si qualificano per la finale. Il 2-0, segnato da Dante López, nasce da una palla recuperata da Verón, che una volta entrato in area serve il suo connazionale che insacca.[80] L'andata della finale si conclude sull'1-1, ma al ritorno i Pumas trionfano nel loro stadio grazie ad un grandissimo goal di Javier Cortés che fissa il punteggio sul 2-1. Per i Pumas si tratta del settimo titolo nazionale, il quarto in sette anni. A fine torneo, Verón viene votato come miglior difensore centrale del campionato.[81]

2011-2012[modifica | modifica wikitesto]

Nel torneo di apertura 2011 la squadra non esprime la stessa qualità di gioco e non riesce ad accedere alla fase finale. Verón salta la prima partita contro il San Luis perché impegnato nella Copa América e rientra alla seconda giornata contro il Morelia, entrando al 65° al posto di Aarón Sandoval.[82] Giocando alla nona giornata contro il Toluca, raggiunge le 300 presenze in campionato con i Pumas, secondo giocatore straniero a raggiungere questo record dopo Leandro Augusto.[5] Al 27° della penultima giornata contro i Jaguares un suo fallo determina il rigore per il 3-0 dei padroni di casa,[83] e con il pareggio casalingo 1-1 contro il Tijuana gli universitari danno l'addio alla Liguilla. 15 in totale le presenze di Verón.[84] A fine torneo firma un nuovo contratto di tre anni ed è scelto come nuovo capitano della squadra, in seguito al ritiro di Palencia.[85] I Pumas si ritrovano nelle ultime posizioni di classifica dopo 10 giornate, ma in compenso la squadra riesce ad accedere alle semifinali di Concachampions grazie ad un 8-0 ai salvadoregni dell'Isidro Metapán. In questa partita, tuttavia, Verón si infortuna ad inizio secondo tempo, subendo una frattura al quinto metatarso del piede destro mentre rincorre un avversario. Operato il giorno seguente, è costretto a saltare tutto il resto della stagione,[86] chiudendo il torneo con 10 presenze per intero.[87]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il suo esordio con la nazionale paraguagia avviene il 24 gennaio 2001 nel corso del torneo amichevole Carlsberg Cup a Hong Kong contro una selezione di giocatori locali, quando subentra al 73° a Jacinto Zorrilla.[88] La prima partita giocata da titolare è quella 3 giorni dopo contro la rappresentativa sudcoreana nello stesso torneo. Sarà poi sostituito all'intervallo da Luis Torres.[88] Nello stesso anno il CT Sergio Markarián lo inserisce nella lista convocati per la Copa América 2001, dove però non ottiene presenze.

Non torna a giocare in nazionale sino al 2007, quando grazie alle sue ottime prestazioni con la maglia dei Pumas il CT Gerardo Martino lo riconvoca per l'amichevole a Monterrey contro il Messico.[89] Nell'amichevole del 2 giugno contro il Messico, uno scontro con il compagno Paulo da Silva lo costringe a lasciare il campo al 42°, sostituito da Víctor Cáceres.[90] Successivamente figura nella lista dei convocati per la Copa América 2007, in cui gioca tutte e 4 le partite dell’Albirroja, la quale, dopo un ottimo inizio nel suo girone, viene eliminata nei quarti dal Messico con una goleada (6-0 finale). Nelle qualificazioni per il mondiale 2010 gioca 11 partite, la prima delle quali nel 5-1 contro l'Ecuador il 17 novembre.[91] Nel match contro il Brasile si fa espellere ad inizio ripresa per doppia ammonizione, ma il Paraguay vince lo stesso la partita per 2-0.[92] Nonostante in Messico sia il leader della difesa dei Pumas che vincono il torneo di clausura 2009, il CT Martino nel 2010 lo relega a seconda scelta, ed infatti al Mondiale in Germania l'unica partita che gioca è il quarto di finale contro la Spagna, che batte i sudamericani per 0-1, andando poi a laurearsi campione del mondo.

Dopo il Mondiale riguadagna la titolarità al centro della difesa della selezione, giocando la maggior parte delle amichevoli che precedono la Copa América 2011. Qui, dopo aver pareggiato tutte e 5 le partite (tra cui quella in semifinale col Venezuela, in cui segna il rigore decisivo nella lotteria finale)[93], il Paraguay accede alla finale, dove perde per 3-0 contro l'Uruguay. Di fronte alla velocità del suo diretto avversario Luis Suárez Verón non riesce ad arginare gli attacchi rivali e disputa una delle sue peggiori partita con la maglia dell’Albirroja.[94]

Viene comunque confermato titolare al centro della difesa dal nuovo selezionatore Fernando Arce. Il 12 novembre 2011 trova il suo primo goal con la nazionale nella partita contro l'Ecuador valida per le qualificazioni al mondiale 2014, aprendo le marcature al 57° su calcio d'angolo.[95]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornate al 2 marzo 2012.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1999-2000 Paraguay 12 de Octubre PD ? ? - - - - - - ? ?
2000-2001 PD ? ? - - - - - - ? ?
gen.-giu. 2001 Paraguay Club Guaraní PD ? ? - - - CL ? ? ? ?
2001-2002 Paraguay 12 de Octubre PD 24 1 - - - CL ? ? 24+ 1+
Totale 12 de Octubre ? ? - - - - ? ?
2003 Cile Cobreloa PD 20 4 - - - CL ? ? 20+ 4+
2003-2004 Messico Pumas PD 44 4 CdC 2 0 - - - 46 4
2004-2005 PD 35 1 CdC 2 0 CCC ? ? 37+ 1+
2005-2006 PD 31 1 - - - CL+CS 3+8 0 42 1
2006-2007 PD 34 1 - - - - - - 34 1
2007-2008 PD 33 1 IL 0 0 - - - 33 1
2008-2009 PD 39 2 - - - CCL 2 1 41 3
2009-2010 PD 33 2 - - - CCL 4 0 37 2
2010-2011 PD 43 3 - - - SL 3 0 46 3
2011-2012 PD 25 0 - - - CCL 4 0 29 0
Totale Pumas 317 15 4 0 24 1 345 16
Totale 361 20 4 0 24 1 389 21

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Paraguay
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
24-1-2001 Hong Kong Hong Kong Hong Kong 0 – 0 Paraguay Paraguay Amichevole -
27-1-2001 Hong Kong Corea del Sud Corea del Sud 1 – 1 Paraguay Paraguay Amichevole -
25-3-2007 Monterrey Messico Messico 2 – 1 Paraguay Paraguay Amichevole -
2-6-2007 Vienna Austria Austria 0 – 0 Paraguay Paraguay Amichevole -
5-6-2007 Città del Messico Messico Messico 0 – 1 Paraguay Paraguay Amichevole -
28-6-2007 Maracaibo Paraguay Paraguay 5 – 0 Colombia Colombia Coppa America 2007 - 1º turno -
2-7-2007 Barinas Stati Uniti Stati Uniti 1 – 3 Paraguay Paraguay Coppa America 2007 - 1º turno -
5-7-2007 Barquisimeto Argentina Argentina 1 – 0 Paraguay Paraguay Coppa America 2007 - 1º turno -
8-7-2007 Maturín Messico Messico 6 – 0 Paraguay Paraguay Coppa America 2007 - Quarti -
8-9-2007 Puerto Ordaz Venezuela Venezuela 3 – 2 Paraguay Paraguay Amichevole -
12-9-2007 Bogotá Colombia Colombia 1 – 0 Paraguay Paraguay Amichevole -
17-11-2007 Asunción Paraguay Paraguay 5 – 1 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2010 -
6-2-2008 San Pedro Sula Honduras Honduras 2 – 0 Paraguay Paraguay Amichevole -
22-5-2008 Yokohama Paraguay Paraguay 1 – 1 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Kirin Cup -
27-5-2008 Saitama Giappone Giappone 0 – 0 Paraguay Paraguay Kirin Cup -
31-5-2008 Tolosa Francia Francia 0 – 0 Paraguay Paraguay Amichevole -
15-6-2008 Asunción Paraguay Paraguay 2 – 0 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 -
6-9-2008 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2010 -
11-10-2008 Bogotá Colombia Colombia 0 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2010 -
11-2-2009 Lima|Lima (Perù)|Lima Perù Perù 0 – 1 Paraguay Paraguay Amichevole -
28-3-2009 Montevideo Uruguay Uruguay 2 – 0 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2010 -
1-4-2009 Quito Ecuador Ecuador 1 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2010 -
10-6-2009 Recife Brasile Brasile 2 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2010 -
5-9-2009 Asunción Paraguay Paraguay 1 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2010 -
9-9-2009 Asunción Paraguay Paraguay 1 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 -
10-10-2009 Puerto Ordaz Venezuela Venezuela 1 – 2 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Asunción Paraguay Paraguay 0 – 2 Colombia Colombia Qual. Mondiali 2010 -
18-11-2009 Heerenveen Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Paraguay Paraguay Amichevole -
30-5-2010 Thonon-les-Bains Paraguay Paraguay 2 – 2 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Amichevole -
2-6-2010 San Gallo Grecia Grecia 0 – 2 Paraguay Paraguay Amichevole -
3-7-2010 Johannesburg Paraguay Paraguay 0 – 1 Spagna Spagna Mondiali 2010 - Quarti -
12-8-2010 Asunción Paraguay Paraguay 2 – 2 Costa Rica Costa Rica Amichevole -
9-10-2010 Sydney Australia Australia 1 – 0 Paraguay Paraguay Amichevole -
12-10-2010 Wellington Nuova Zelanda Nuova Zelanda 0 – 2 Paraguay Paraguay Amichevole -
26-3-2011 Oakland Messico Messico 3 – 1 Paraguay Paraguay Amichevole -
30-3-2011 Nashville Stati Uniti Stati Uniti 0 – 1 Paraguay Paraguay Amichevole -
5-6-2011 Santa Cruz de la Sierra Bolivia Bolivia 0 – 2 Paraguay Paraguay Amichevole -
24-6-2011 Asunción Paraguay Paraguay 0 – 0 Cile Cile Amichevole -
3-7-2011 Santa Fe Paraguay Paraguay 0 – 0 Ecuador Ecuador Coppa America 2011 - 1º turno -
9-7-2011 Córdoba Brasile Brasile 2 – 2 Paraguay Paraguay Coppa America 2011 - 1º turno -
14-7-2011 Salta Paraguay Paraguay 3 – 3 Venezuela Venezuela Coppa America 2011 - 1º turno -
17-7-2011 La Plata Brasile Brasile 0 – 0 Paraguay Paraguay Coppa America 2011 - Quarti -
21-7-2011 Mendoza Paraguay Paraguay 0 – 0 Venezuela Venezuela Coppa America 2011 - Semifinali -
24-7-2011 Buenos Aires Uruguay Uruguay 3 – 0 Paraguay Paraguay Coppa America 2011 - Finale -
3-9-2011 Panama Panama Panama 0 – 2 Paraguay Paraguay Amichevole -
7-9-2011 San Pedro Sula Honduras Honduras 0 – 3 Paraguay Paraguay Amichevole -
8-10-2011 Lima|Lima (Perù)|Lima Perù Perù 2 – 0 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2014 -
12-10-2011 Asunción Paraguay Paraguay 1 – 1 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2014 -
12-11-2011 Asunción Paraguay Paraguay 2 – 1 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2014 1
16-11-2011 Santiago del Cile Cile Cile 2 – 0 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2014 -
Totale Presenze 50 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

12 de Octubre: Clausura 2002.
Cobreloa: Apertura 2003.
Pumas: Apertura 2004, Clausura 2004, Clausura 2009, Clausura 2011.
Pumas: 2004.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposato con Diana, anche lei naturalizzata messicana, con la quale ha tre figli, tutti nati in Messico: Diana Montserrat (2006), Melisa Ilen (2008) e Sebastián Tadeo (2011).[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Darío Verón va al quirófano Expedientenoticias.com
  2. ^ a b c Profilo su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  3. ^ Copa Libertadores 2001 su Rsssf
  4. ^ Empapado de gloria el 12 de Octubre grita campeón www.abc.com
  5. ^ a b c Darío Verón, la torre felina hace historia msn.mediotiempo.com
  6. ^ ¡Aquí no me ganas!...en un juegazo Kikín dió el triunfo a Pumas en el último minuto[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  7. ^ Como Orfeo, Pumas entró a los infiernos y salió vivo[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  8. ^ Apertura 2003 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  9. ^ Lucha, intensidad y poco fútbol[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  10. ^ Gallos Blancos-Pumas 3-3 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  11. ^ Pumas-Veracruz 6-1 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  12. ^ “La victoria puma”, última obra de Botero[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  13. ^ a b Apertura 2004 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  14. ^ Los Tiburones comieron Felinos en CU[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  15. ^ Bajo un diluvio, los Tigres vencen bien a Pumas[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  16. ^ El campeón vive la peor racha de Hugo[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  17. ^ Por fin llegó la victoria en casa[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  18. ^ Alonso define un partidazo en el Cuauhtémoc[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  19. ^ Pumas consigue el título Campeón de campeones elsiglodetorreon.com
  20. ^ a b Clausura 2005 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  21. ^ El Potro relincha en la casa del Bicampeón[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  22. ^ Pachuca-Pumas 1-3 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  23. ^ Pumas-Tigres 2-1 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  24. ^ Pumas-Monterrey 1-2 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  25. ^ The Strongest-Pumas 2-1 su Espndeportes
  26. ^ Pumas-Corinthians 3-0 su Espndeportes
  27. ^ Pumas-Vélez 4-0 su Espndeportes
  28. ^ Boca-Pumas 1-1 su Espndeportes
  29. ^ Nacional-Pumas 2-0 su Espndeportes
  30. ^ Maracaibo-Pumas 3-0 su Espndeportes
  31. ^ Pumas-Nacional 1-1 su Espndeportes
  32. ^ La Máquina paseó en CU con cielo azul[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  33. ^ Morelia-Pumas 2-2 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  34. ^ Nueva voltereta de Tecos y Acevedo salva el puesto[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  35. ^ Apertura 2005 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  36. ^ Clausura 2006 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  37. ^ Puas-Atlante 0-1 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  38. ^ Apertura 2006 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  39. ^ América le robó un punto a un Puma que no supo matar[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  40. ^ Clausura 2007 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  41. ^ Pumas toma ritmo y saca 3 puntos de casa del Morelia[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  42. ^ De nuevo Sabah, domina a los Pumas[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  43. ^ Pumas dio zarpazo aunque dejó con vida al Diablo[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  44. ^ Toluca-Pumas 1-1 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  45. ^ Pumas con garra y media en la final[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  46. ^ Con las garras, Pumas echa a Santos en cardíaco final[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  47. ^ La final se definirá en Cancún[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  48. ^ Apertura 2007 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  49. ^ Clausura 2008 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  50. ^ En medio de una fiesta, Chivas acabó con Pumas en 10 miutos[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  51. ^ Atlante ya le tomó la medida a Pumas[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  52. ^ En un duelo muy parejo, Tigres sacá un triunfo de oro puro[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  53. ^ Juan Carlos hizo ‘Cacho-s' al Atlas[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  54. ^ Pumas rescató el empate 1-1 ante los Indios[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  55. ^ Intenso y caliente 1-1 entre Chivas y Pumas[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  56. ^ Empate sin goles pero intenso entre Celestes y Pumas[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  57. ^ Apertura 2008 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  58. ^ Tecos 2-0 Pumas... Rodrigo Ruiz como en los buenos tiempos, da triunfo a los Tecos msn.mediotiempo.com
  59. ^ Desplumaron al Tecolote y están en semis msn.mediotiempo.com
  60. ^ Con gran sufrimiento los Pumas alcanzaron la final msn.mediotiempo.com
  61. ^ Clausura 2009 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  62. ^ Se mete la afición escarlata con Bernal y Verón msn.mediotiempo.com
  63. ^ Los Pumas cayeron por cuarta vez al hilo msn.mediotiempo.com
  64. ^ Los Pumas volvieron a caer, ahora en Cancún msn.mediotiempo.com
  65. ^ Con puro orgullo los Pumas por fin vencieron al América msn.mediotiempo.com
  66. ^ Apertura 2009 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  67. ^ Chivas y Pumas reparten puntos en el Jalisco[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  68. ^ Los Pumas no ceden terreno en el grupo 3 msn.mediotiempo.com
  69. ^ Pikolín y Verón actuarán en contra de la discriminación msn.mediotiempo.com
  70. ^ Clausura 2010 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  71. ^ Cuidado, los Tuzos ya se engancharon msn.mediotiempo.com
  72. ^ América-Pumas 0-1 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  73. ^ Apertura 2010 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  74. ^ Clausura 2011 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  75. ^ Los felinos doblegaron al subcampeón msn.mediotiempo.com
  76. ^ Cruz Azul-Pumas 3-3 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  77. ^ Manita universitaria que hunde al Chelís[collegamento interrotto] msn.mediotiempo.com
  78. ^ Ganó, mantuvo invicto y rompió maleficio msn.mdiotiempo.com
  79. ^ Protagonizaron gran duelo de canteras msn.mediotiempo.com
  80. ^ Se instala Pumas en la final del C2011 msn.mediotiempo.com
  81. ^ Darío Verón es elegido como mejor defensor del fútbol mexicano abc.com
  82. ^ Morelia-Pumas 0-1 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  83. ^ Rugió el Jaguar en la selva chiapaneca msn.mediotiempo.com
  84. ^ Apertura 2011 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  85. ^ Desea Verón terminar su carrera en Pumas msn.mediotiempo.com
  86. ^ Confirman que Darío Verón se pierde lo que resta del torneo por fractura msn.mediotiempo.com
  87. ^ Clausura 2012 su Mediotiempo[collegamento interrotto]
  88. ^ a b International matches su Rsssf
  89. ^ Revés en la primera prueba de la nueva etapa albirroja abc.com
  90. ^ Primer triunfo albirrojo en la era Martino abc.com
  91. ^ Albirroja hace feliz al País abc.com
  92. ^ En casa manda la Albirroja abc.com
  93. ^ Paraguay-Venezuela 0-0 su Goal.com
  94. ^ Con goleada ante Paraguay, Uruguay se quedó con el título de la Copa América elcolombiano.com
  95. ^ Ecuador tuvo la pelota pero Paraguay ganó por arriba elcomercio.com

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]