Casacanditella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casacanditella
comune
Casacanditella – Stemma Casacanditella – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia di Chieti-Stemma.png Chieti
Amministrazione
SindacoAlessandro Monaco (lista civica "Casacanditella svolta") dal 04-10-2021
Territorio
Coordinate42°14′51.02″N 14°11′59.75″E / 42.247506°N 14.199931°E42.247506; 14.199931 (Casacanditella)Coordinate: 42°14′51.02″N 14°11′59.75″E / 42.247506°N 14.199931°E42.247506; 14.199931 (Casacanditella)
Altitudine432 m s.l.m.
Superficie12,54 km²
Abitanti1 184[2] (31-7-2021)
Densità94,42 ab./km²
FrazioniSemivicoli[1]
Comuni confinantiBucchianico, Fara Filiorum Petri, Filetto, San Martino sulla Marrucina, Vacri
Altre informazioni
Cod. postale66010
Prefisso0871
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT069013
Cod. catastaleB859
TargaCH
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)[3]
Cl. climaticazona D, 1 844 GG[4]
Nome abitanticasacanditellesi
PatronoSan Gregorio Magno
Giorno festivo3 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Casacanditella
Casacanditella
Casacanditella – Mappa
Posizione del comune di Casacanditella all'interno della provincia di Chieti
Sito istituzionale

Casacanditella è un comune italiano di 1 184 abitanti[2] della provincia di Chieti in Abruzzo. Fa parte dell'Unione delle Colline Teatine.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Sorge su un colle spartiacque tra il fiume Foro ed il torrente Dendalo. Il territorio del comune è esteso per 12,41 km² su un'area collinare ricca di case sparse e nuclei abitativi.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome è di origine latino-medievale, e significa "cassa bianca", dall'abitudine di dipingere le pareti di bianco per ragioni igieniche. Altra origine potrebbe essere quella di "Cese Canditellae", ossia letteralmente "bosco bianco", dovuto alla notevole presenza di robinie presso il paese, le quali in primavera danno vita a cospicue fioriture di colore bianco.[senza fonte]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un nucleo esisteva in epoca romana come attestano scavi archeologici, tuttavia la prima menzione storica risale al IX secolo, successivamente, nel XVIII secolo risulta feudo dei De Letto e poi dei Valignani.[5] È denominata in dialetto "Li Schiavunë", a testimonianza di insediamenti serbo-croati avvenuti nel XVI secolo al fine di ripopolare l'area e di coltivarne i terreni. Costoro edificarono alcune "pinciaie" in campagna, che richiamavano le abitazioni originarie: in particolare, si tratta di case costruite con la terra cruda, tuttora molto frequenti nelle campagne, specie in quelle del vicino comune di Casalincontrada. Qualsiasi vestigia di tradizione o lingua slava risulta tuttavia essere stata completamente assorbita in poco tempo dalla locale popolazione abruzzese, anche se sporadiche tracce permangono nei toponimi ed in alcuni cognomi locali.[senza fonte]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone del comune di Casacanditella sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 26 gennaio 1987.[6]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Vari elementi di architettura civile risalente all'Ottocento.[5]
  • La chiesa di San Rocco. Ha la facciata a coronamento orizzontale con terminazione a elementi barocchi. Il portale consta di un piccolo timpano. Sopra il portale, invece del classico rosone vi è una finestra ad oblò. Il campanile è posto sul retro ed è a vela.[7]
  • Chiesa parrocchiale di San Gregorio, in stile barocco. La facciata è suddivisa in due parti da una cornice marcapiano. Il portale è incorniciato da lastre in marmo con decorazioni barocche. Sul secondo livello vi è un finestrone anch'esso incorniciato. Ai lati dell'edificio vi sono due ordini di lesene. Su una lesena è posto un orologio. Il timpano, posto in cima alla facciata, è a forma di lunetta.[8]
  • Santuario della Madonna dell'Assunta. L'esterno è in stile romanico con, ai lati due colonne che sorreggono il frontone con, in cima, una croce. Il portale è squadrato con, sopra, un'epigrafe ed una finestra oblò.[9]
  • Castello Baronale di Semivicoli. Si trova nella contrada omonima e fu costruito nel XVII secolo, come struttura baronale. La struttura è a pianta rettangolare, con un corpo quadrangolare a torre tozza, alla sua estremità.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 gennaio si tiene la festa delle farchie di Sant'Antonio.[10]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Matteo Nanni, Giuseppe Ciavatta notaio : 1899 : Casacanditella, Casalbordino, Fara Filiorum Petri, Francavilla al Mare, Giuliano Teatino, Miglianico, Ripa Teatina, Pescara, Tipografia La Stampa, luglio 2019, p. 160, ISBN 9791220041294, SBN IT\ICCU\UDA\0241998.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

}}
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
6 giugno 1993 13 maggio 2001 Carlo Del Duca Lista Civica Sindaco [12][13]
14 maggio 2001 15 maggio 2011 Bruno Della Pelle Lista Civica di Centro-destra Insieme Sindaco [14][15]
16 maggio 2011 4 ottobre 2021 Giuseppe Erminio D'Angelo Lista Civica Ricominciamo Sindaco [16][17]
5 ottobre 2021 in carica Alessandro Monaco Lista Civica Casacanditella Svolta Sindaco [18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Casacanditella - Statuto.
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 luglio 2021.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ a b Informazioni generali del Comune di Casacanditella, su abruzzocitta.it.
  6. ^ Casacanditella, decreto 1987-01-26 DPR, concessione di stemma e gonfalone, su dati.acs.beniculturali.it. URL consultato il 1º ottobre 2021.
  7. ^ Descrizione dalla foto sul sito
  8. ^ descrizione dalla foto sul sito
  9. ^ Descrizione dalla foto sul sito
  10. ^ (EN) Unione delle Colline Teatine: Casacanditella e San Martino sulla Marrucina: le farchie di Sant'Antonio, su unionedellecollineteatine.blogspot.it. URL consultato il 25 giugno 2017.
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  12. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 6 giugno 1993, su elezionistorico.interno.it.
  13. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 27 aprile 1997, su elezionistorico.interno.it.
  14. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 13 maggio 2001, su elezionistorico.interno.it.
  15. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 28 maggio 2006, su elezionistorico.interno.it.
  16. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 15 maggio 2011, su elezionistorico.interno.gov.it.
  17. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 5 giugno 2016, su elezioni.interno.gov.it.
  18. ^ Archivio delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 3 ottobre 2021, su elezioni.interno.gov.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN235691260 · WorldCat Identities (ENviaf-235691260