Casacanditella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casacanditella
comune
Casacanditella – Stemma Casacanditella – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia di Chieti-Stemma.png Chieti
Amministrazione
SindacoAlessandro Monaco (lista civica "Casacanditella svolta") dal 04-10-2021
Territorio
Coordinate42°14′51.02″N 14°11′59.75″E / 42.247506°N 14.199931°E42.247506; 14.199931 (Casacanditella)
Altitudine432 m s.l.m.
Superficie12,54 km²
Abitanti1 155[2] (31-12-2021)
Densità92,11 ab./km²
FrazioniSemivicoli[1]
Comuni confinantiBucchianico, Fara Filiorum Petri, Filetto, San Martino sulla Marrucina, Vacri
Altre informazioni
Cod. postale66010
Prefisso0871
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT069013
Cod. catastaleB859
TargaCH
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)[3]
Cl. climaticazona D, 1 844 GG[4]
Nome abitanticasacanditellesi
Patronosan Gregorio Magno
Giorno festivo3 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Casacanditella
Casacanditella
Casacanditella – Mappa
Posizione del comune di Casacanditella all'interno della provincia di Chieti
Sito istituzionale

Casacanditella è un comune italiano di 1 155 abitanti[2] della provincia di Chieti in Abruzzo. Fa parte dell'Unione delle Colline Teatine.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Sorge su un colle spartiacque tra il fiume Foro ed il torrente Dendalo. Il territorio del comune è esteso per 12,41 km² su un'area collinare ricca di case sparse e nuclei abitativi.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome è di origine latino-medievale, e significa "cassa bianca", dall'abitudine di dipingere le pareti di bianco per ragioni igieniche.[senza fonte]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un nucleo esisteva in epoca romana come attestano scavi archeologici, tuttavia la prima menzione storica risale al IX secolo, successivamente, nel XVIII secolo risulta feudo dei De Letto e poi dei Valignani.[5] È denominata in dialetto "Li Schiavunë", a testimonianza di insediamenti serbo-croati avvenuti nel XVI secolo al fine di ripopolare l'area e di coltivarne i terreni. Costoro edificarono alcune "pinciaie" in campagna, che richiamavano le abitazioni originarie: in particolare, si tratta di case costruite con la terra cruda, tuttora molto frequenti nelle campagne, specie in quelle del vicino comune di Casalincontrada. Qualsiasi vestigia di tradizione o lingua slava risulta tuttavia essere stata completamente assorbita in poco tempo dalla locale popolazione abruzzese, anche se sporadiche tracce permangono nei toponimi ed in alcuni cognomi locali.[senza fonte]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone del comune di Casacanditella sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 26 gennaio 1987.[6]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Vari elementi di architettura civile risalente all'Ottocento.[5]
  • La chiesa di San Rocco. Ha la facciata a coronamento orizzontale con terminazione a elementi barocchi. Il portale consta di un piccolo timpano. Sopra il portale, invece del classico rosone vi è una finestra ad oblò. Il campanile è posto sul retro ed è a vela.[7]
  • Chiesa parrocchiale di San Gregorio, in stile barocco. La facciata è suddivisa in due parti da una cornice marcapiano. Il portale è incorniciato da lastre in marmo con decorazioni barocche. Sul secondo livello vi è un finestrone anch'esso incorniciato. Ai lati dell'edificio vi sono due ordini di lesene. Su una lesena è posto un orologio. Il timpano, posto in cima alla facciata, è a forma di lunetta.[8]
  • Santuario della Madonna dell'Assunta. L'esterno è in stile romanico con, ai lati due colonne che sorreggono il frontone con, in cima, una croce. Il portale è squadrato con, sopra, un'epigrafe ed una finestra oblò.[9]
  • Castello Baronale di Semivicoli. Si trova nella contrada omonima e fu costruito nel XVII secolo, come struttura baronale. La struttura è a pianta rettangolare, con un corpo quadrangolare a torre tozza, alla sua estremità.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[10]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 gennaio si tiene la festa delle farchie di Sant'Antonio.[11]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
6 giugno 1993 13 maggio 2001 Carlo Del Duca Lista Civica Sindaco [12][13]
14 maggio 2001 15 maggio 2011 Bruno Della Pelle Lista Civica di Centro-destra Insieme Sindaco [14][15]
16 maggio 2011 4 ottobre 2021 Giuseppe Erminio D'Angelo Lista Civica Ricominciamo Sindaco [16][17]
5 ottobre 2021 in carica Alessandro Monaco Lista Civica Casacanditella Svolta Sindaco [18]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Matteo Nanni, Giuseppe Ciavatta notaio : 1899 : Casacanditella, Casalbordino, Fara Filiorum Petri, Francavilla al Mare, Giuliano Teatino, Miglianico, Ripa Teatina, Pescara, Tipografia La Stampa, luglio 2019, p. 160, ISBN 9791220041294, SBN IT\ICCU\UDA\0241998.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Casacanditella - Statuto.
  2. ^ a b Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ a b Informazioni generali del Comune di Casacanditella, su abruzzocitta.it.
  6. ^ Casacanditella, decreto 1987-01-26 DPR, concessione di stemma e gonfalone, su dati.acs.beniculturali.it. URL consultato il 1º ottobre 2021.
  7. ^ Descrizione dalla foto sul sito
  8. ^ descrizione dalla foto sul sito
  9. ^ Descrizione dalla foto sul sito
  10. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  11. ^ (EN) Unione delle Colline Teatine: Casacanditella e San Martino sulla Marrucina: le farchie di Sant'Antonio, su unionedellecollineteatine.blogspot.it. URL consultato il 25 giugno 2017.
  12. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 6 giugno 1993, su elezionistorico.interno.gov.it.
  13. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 27 aprile 1997, su elezionistorico.interno.gov.it.
  14. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 13 maggio 2001, su elezionistorico.interno.gov.it.
  15. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 28 maggio 2006, su elezionistorico.interno.gov.it.
  16. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 15 maggio 2011, su elezionistorico.interno.gov.it.
  17. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 5 giugno 2016, su elezioni.interno.gov.it.
  18. ^ Archivio delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 3 ottobre 2021, su elezioni.interno.gov.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN235691260 · WorldCat Identities (ENviaf-235691260