Roccamontepiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roccamontepiano
comune
Roccamontepiano – Stemma Roccamontepiano – Bandiera
Roccamontepiano – Veduta
Il Santuario di San Rocco
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia di Chieti-Stemma.png Chieti
Amministrazione
SindacoCarulli Adamo (Lista Civica "Insieme per Roccamontepiano") dall'11-06-2017
Territorio
Coordinate42°14′41.02″N 14°07′38.37″E / 42.244728°N 14.127325°E42.244728; 14.127325 (Roccamontepiano)Coordinate: 42°14′41.02″N 14°07′38.37″E / 42.244728°N 14.127325°E42.244728; 14.127325 (Roccamontepiano)
Altitudine500 m s.l.m.
Superficie18,22 km²
Abitanti1 620[1] (31-5-2019)
Densità88,91 ab./km²
FrazioniBaroni, Cappuccini, Cinquina, Corsi, Fanatici, Francione, Giancamillo, Giancoli, Legnini, Liberati, Manicottelli, Moreto, Pilati, Pioppi, Pomaro, Reginaldo, Sant'Angelo, Terranova, Tracanna
Comuni confinantiBucchianico, Casalincontrada, Fara Filiorum Petri, Pretoro, Serramonacesca (PE)
Altre informazioni
Cod. postale66010
Prefisso0871
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT069073
Cod. catastaleH424
TargaCH
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Nome abitantiroccolani
PatronoSan Carlo
Giorno festivo4 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Roccamontepiano
Roccamontepiano
Roccamontepiano – Mappa
Posizione del comune di Roccamontepiano all'interno della provincia di Chieti
Sito istituzionale

Roccamontepiano (La Ròcchë in dialetto abruzzese) è un comune italiano di 1 620 abitanti[1] della provincia di Chieti in Abruzzo. Il capoluogo, chiamato in passato anche San Rocco[2], ha assunto ormai il nome del comune, come si desume dai segnali stradali di delimitazione dell'abitato e dallo statuto comunale, per cui non si tratta di un comune sparso. Fa parte della Comunità montana della Maielletta.

Con i suoi 18,22 km² a 500 metri sul livello del mare, comprende un territorio in parte montano ed in parte collinare nella fascia pedemontana nordorientale del massiccio della Maiella. È posta lungo la strada che sale fino al comprensorio di Passolanciano-Maielletta.

Appartiene all'Unione delle Colline Teatine.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo si sviluppò intorno ad una rocca longobarda posta a difesa del lato orientale della Maiella. Tra il X ed l'XI secolo l'abitato fu interessato da una colonizzazione benedettina. Difatti nelle vicinanze i monaci vi costruirono l'abbazia di San Liberatore a Majella, attualmente però ubicata nel vicino comune di Serramonacesca, in provincia di Pescara. Del periodo del feudo gestito dal castello vi sono scarse notizie, si sa solo che il paese fu feudo: degli Orsini nel XV secolo, indi di Bartolomeo d'Alviano e dei Colonna dal XVIII secolo. L'odierno abitato si è sviluppato nel XIX secolo quando l'antico abitato posto sul Montepiano venne colpito da una frana nel 1765.[4]Dell'antica rocca medievale, andata distrutta nel 1765, si ha menzione nelle carte del geografo arabo Al Idrisi per il sovrano Ruggero I di Sicilia, descritta come Ruqqa N Lan, in altri documenti del XIV secolo è citata come Rocca Montis Plani o Rocca de Monte Plano. L'odierno abitato, attraversato anche dalla seconda guerra mondiale, senza però subire distruzioni, conserva poco dell'antico paese, al cataclisma della frana della Majella, sono sopravvissuti il monastero di San Pietro della Majella dei Padri Celestini, il convento di San Francesco Caracciolo che sorgeva presso la Rocca, la chiesa di San Rocco, rifatta negli anni '50 come santuario, la chiesetta di Santa Maria della Neve e la chiesa della Madonna delle Grazie.

La chiesa di Santa Maria de Lepide, anch'essa antica e andata distrutta nel Settecento, è stata ricostruita in contrada Terranova negli anni '50, dedicata anche a San Carlo Borromeo patrono. Il centro è l'ultimo, lungo la Majella orientale, della provincia di Chieti, confinando con quella di Pescara (Serramonacesca e Roccamorice). Il centro è sparso, diviso in vari abitati, quello principale è Borgo San Rocco con il santuario, le altre ville sono Cappuccini (area del convento di San Francesco), Cinquina, Giancamillo, Sant'Angelo, Terranova, Tracanna-San Pietro, Baroni e Manicottelli.

Di recente il paese è divenuto più facile da raggiungere mediante l'uscita della Strada statale 81 da Guardiagrele verso Chieti e Francavilla al Mare.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Statua votiva di San Rocco nel santuario omonimo
  • Convento di San Francesco Caracciolo: si trova isolato sopra l'altura di Roccamontepiano. In origine era dedicato a San Giovanni Battista (XIV sec ca.), fu per trecento anni il monastero principale del Comune, e venne soppresso nel 1861 con le leggi piemontesi, salvo poi tornare ai monaci Francescani. Il convento oggi ha un aspetto rinascimentale-barocco, con la chiesa a pianta rettangolare, e il complesso conventuale a pianta quadrangolare, con chiostro interno porticato, e pozzo centrale. L'esterno della chiesa è assai semplice e austero, e l'unico elemento di interesse è il portale romanico lunettato, ad arco tutto sesto. All'interno, a navata unica in stile tardo barocco, con stucchi e pennacchi della seconda metà del Settecento, la chiesa custodisce quadri religiosi del XV-XVII secolo. Il nuovo convento venne eretto nel XV secolo, con datazione 1421, e vi risiedevano i Frati Minori Osservanti, della sezione del convento di San Giuliano a L'Aquila, fondato da Giovanni di Capestrano, mentre altri monaci proveniva dai monasteri di Sant'Andrea di Chieti, San Cristoforo di Penne e San Giovanni Battista a Stroncone di Teramo. Roccamontepiano godette di grande prestigio con la cellula dell'ordine, nel 1338 fu eletto rettore della Provincia francescana d'Abruzzo il Padre Antonio Cervi, proveniente proprio da Rocca, e da qui forse partirono i presupposti per la fondazione di un convento, data la decadenza del vecchio monastero di San Pietro Celestino. Nel convento sono conservate anche le spoglie di Tommaso da Firenze e del beato Giovanni Lombardo.
  • Il Monastero di San Pietro a Maiella. Risalente al XIII secolo, ne rimangono pochi ruderi in contrada Tracanna. Fu fondato dal monaco Roberto da Salle, seguace di Pietro da Morrone (Celestino V), a cui il cenobio è dedicato, e acquistò subito grande prestigio nella Maiella orientale, venendo citato anche dai regesti Angioini. Nel XVI secolo il cenobio cadde lentamente in decadenza e vi furono ospitate le Clarisse per carenza di frati. Alla soppressione successiva dell'ordine dei Celestini, il monastero fu completamente abbandonato, venendo inoltre danneggiato dallo smottamento del 1756. Il complesso oggi è stato recuperato, è trasformato in sito archeologico, in quanto rimane leggibile perfettamente la pianta con complesso monastico, visibile per le mura perimetrali, e la chiesa vera e propria, visibile nel corpo esterno, con la facciata intatta.

La facciata, molto austera, costa di un ingresso rettangolare e di una finestra ad oblò.[5]

  • Il Santuario di San Rocco. La chiesa principale del centro lungo via Roma, ricostruita negli anni cinquanta sopra la grotta presso cui, fino alla frana del 1765, stava l'antica chiesetta. Il santuario è in stile moderno e monumentale, con la statua originale del santo, un percorso di via Crucis, e la grotta sotterranea con l'acqua benedetta.

La facciata è molto moderna suddivisa a salienti terminante in alto con un corpo pentagonale prominente dalla facciata con tre tele entro la faccia pentagonale posta all'esterno. Il campanile, in stile medievale, è a pianta quadrata.[6]

  • Chiesa di Santa Maria de Lapide: il santuario attuale è una ricostruzione degli anni cinquanta della vecchia chiesa di Santa Maria della Pietra, distrutta dalla frana del 1765. Il santuario si trova in cima al colle di contrada Terranova, ed ha un aspetto moderno, con pianta rettangolare che rispetta l'aspetto sobrio delle chiese romaniche abruzzesi, con campanile turrito ed esterno scandito da pilastri in cemento e rivestimento in mattoni. La copertura è in mattoni semplici, il tetto a spiovente, internamente è a capriate. L'interno a tre navate ha un altare in pietra con facciata a bassorilievo di bronzo, e un'abside a semicerchio. Vi si venera e festeggia il patrono San Carlo Borromeo.

Leggende[modifica | modifica wikitesto]

  • La leggenda di San Rocco. Una leggenda narra che San Rocco fu ospite dei Colonna nel loro castello. Tuttavia, la sua permanenza nel paese avvenne in una grotta nei pressi dell'abitato. La leggenda continua che il santo sopravvisse grazie all'acqua che scaturiva dalla grotta e da una pagnotta di pane portatagli da un cane. Sul luogo venne costruita una chiesa.[7]

La festa di San Rocco, benché la patronale sia quella di San Carlo celebrata in contrada Terranova presso la chiesa relativa, si celebra insieme alla festa dell'Assunzione di Maria tra il 15 e il 16 agosto. La festa preveder messe solenni nel santuario relativo, la processione della statua per il paese, le abluzioni all'acqua benedetta della grotta sotterranea, la sfilata di donne in costume tipico abruzzese con le conche in rame, e abbuffate presso i mercatini e gli stand lungo via Roma.

Eventi e manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Incentrata sull'agricoltura, il vino, e il turismo religioso per quanto riguarda il santuario di San Rocco. Negli anni '90 Roccamontepiano ha beneficiato anche del turismo sciistico, trovandosi in estrema vicinanza col comune di Pretoro, e con gli impianti del comprensorio Passo Lanciano - Majelletta - Blockaus.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
12 giugno 1994 26 maggio 2002 Giovanni Legnini Lista Civica di Centro-sinistra - DS Sindaco [10][11]
27 maggio 2002 6 maggio 2012 Adamo Carulli Lista Civica di Centro-sinistra (2002-2007)
Lista Civica (2007-2012)
Sindaco [12][13]
7 maggio 2012 11 giugno 2017 Orlando Donatucci Lista Civica Crescere in libertà Sindaco [14]
11 giugno 2017 in carica Adamo Carulli Lista Civica Insieme per Roccamontepiano Sindaco [15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2019.
  2. ^ Censimento 2001
  3. ^ http://www.chietitoday.it/politica/roccamontepiano-aderisce-unione-comuni-colline-teatine.html
  4. ^ Cenni storici
  5. ^ Descrizione dalla foto sul sito
  6. ^ Descrizione dalla foto sul sito
  7. ^ leggende Archiviato il 3 maggio 2009 in Internet Archive.
  8. ^ Lista dal sito Archiviato il 20 agosto 2009 in Internet Archive.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28 dicembre 2012.
  10. ^ Archivio Storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 12 giugno 1994, su elezionistorico.interno.it.
  11. ^ Archivio Storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 24 aprile 1998, su elezionistorico.interno.it.
  12. ^ Archivio Storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 26 maggio 2002, su elezionistorico.interno.it.
  13. ^ Archivio Storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 27 maggio 2007, su elezionistorico.interno.it.
  14. ^ Archivio Storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 6 maggio 2012, su elezionistorico.interno.it.
  15. ^ Archivio Storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 6 maggio 2012, su elezionistorico.interno.gov.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN146783814 · LCCN (ENn2004024476 · WorldCat Identities (ENn2004-024476
Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Abruzzo