Palmoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palmoli
comune
Palmoli – Stemma
Palmoli – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia di Chieti-Stemma.png Chieti
Amministrazione
SindacoGiuseppe Rosario Masciulli[1] (lista civica Rinnovamento) dal 25-5-2014
Territorio
Coordinate41°56′22″N 14°34′53″E / 41.939444°N 14.581389°E41.939444; 14.581389 (Palmoli)Coordinate: 41°56′22″N 14°34′53″E / 41.939444°N 14.581389°E41.939444; 14.581389 (Palmoli)
Altitudine727 m s.l.m.
Superficie32,78 km²
Abitanti926[2] (31-3-2017)
Densità28,25 ab./km²
FrazioniCannavela, Fonte la Casa, Immerse, Melania, Pezzo Grosso, Santo Ianni ecc.
Comuni confinantiCarunchio, Celenza sul Trigno, Dogliola, Fresagrandinaria, Furci, Liscia, San Buono, Tufillo
Altre informazioni
Cod. postale66050
Prefisso0873
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT069061
Cod. catastaleG290
TargaCH
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantipalmolesi
PatronoSan Valentino
Giorno festivo14 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Palmoli
Palmoli
Palmoli – Mappa
Posizione del comune di Palmoli all'interno della provincia di Chieti
Sito istituzionale

Palmoli (Pàlmërë in abruzzese) è un comune italiano di 926 abitanti della provincia di Chieti in Abruzzo. Fa parte della Comunità montana Medio Vastese.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Palmoli.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il paese si chiamò Palmula Monteverde quando gli abitanti, lasciando i vari vicus si insediarono sul monte ricoperto degli ulivi silvestri dalle foglie di colore verde scuro.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del paese vanno ricercate quando la zona fu abitata dai Frentani divenendo in seguito dipendenza romana. Verso l'anno 1000 gli abitanti si arroccarono sul monte attuale. In questo periodo venne costruito il castello.[3] Viene citato come Palmulam nel Catalogus Baronum del XII secolo, fu possedimento di Philippus Grandenatus feudatario del conte di Loreto. Nella prima metà del XV secolo fu feudo di Paolo di Sangro ed in seguito dei Severino-Longo.[4]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La Fundanelle
Rubellino

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Tra i prodotti tipici ricordiamo:

  • la Viscica (ventricina) palmolese, insaccato prodotto con carne di suino, peperoncino e vari aromi lasciato stagionare almeno 100 giorni;
  • lo spezzatino d'agnello.;
  • sagne a pezzate: impasto fatto con farina e uova, lavorate a mano, stese con il matterello, tagliate grossolonamente a rombi, condite con pomodoro fresco o sugo alla ventricina e asparagi.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • 14 febbraio: Festa in onore del patrono San Valentino.
  • Festeggiamenti in onore della SS. Madonna del Carmine:
    • 16 luglio: Processione con la statua della Vergine portata a braccio dal Santuario fino alla Parrocchia del paese, la chiesa di S. Maria delle Grazie, dove vi rimane fino al 27 luglio.
    • 26 luglio: Festa in onore dei santi Gioacchino e Anna.
    • 27 luglio: Il mattino, alle ore 9:30, parte la tradizionale sfilata delle "Pacchianelle", donne e uomini vestiti in abiti tradizionali che portano donativi alla Madonna. Questi donativi vengono poi messi all'asta nel pomeriggio a piazza Marconi.
  • 10 agosto: Sagra della Ventricina presso il Castello Marchesale
  • 13 agosto: Sagra dello Spezzatino d'agnello presso la località Contrada Fonte la casa

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 13 giugno 2004 Giuseppe Rosario Masciulli Lista Civica di Centro-sinistra Sindaco [8][9]
14 giugno 2004 25 maggio 2014 Roberta Zita Marulli Lista Civica Rinnovamento Sindaco [10][11]
26 maggio 2014 in carica Giuseppe Rosario Masciulli Lista Civica Rinnovamento Sindaco [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 25 maggio 2014, su elezionistorico.interno.it.
  2. ^ Dato Istat
  3. ^ a b Cenni storici[collegamento interrotto]
  4. ^ Autori Vari, "Palmoli - Il castello" in Guida ai Castelli d'Abruzzo, pag. 142, Carsa Edizioni, 2000 Pescara, ISBN 88-85854-87-7
  5. ^ Info sulle mura del centro storico nella pagina "Il Castello di Palmoli"[collegamento interrotto]
  6. ^ Info sulla Fonte delle Coste
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 23 aprile 1995, su elezionistorico.interno.it.
  9. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 13 giugno 1999, su elezionistorico.interno.it.
  10. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 12 giugno 2004, su elezionistorico.interno.it.
  11. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 7 giugno 2009, su elezionistorico.interno.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo