Bond girl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Bond girl è l'appellativo che viene dato al personaggio femminile principale dei romanzi o dei film aventi quale protagonista James Bond. Per estensione, viene detta Bond girl anche l'attrice che interpreta tale personaggio.

Le Bond girl assumono diversi ruoli all'interno della vicenda: spesso sono vittime salvate da Bond, compagne e/o alleate, ma possono anche essere membri delle organizzazioni nemiche e, in modo particolare, l'assistente del cattivo. Alcune di esse hanno una funzione ornamentale: sono ininfluenti e non hanno alcun tipo di coinvolgimento nelle missioni di Bond (si pensi, ad esempio, a Sylvia Trench in Agente 007 - Licenza di uccidere); altre, invece, rappresentano un ruolo chiave per il successo dell'operazione (si pensi, in questo caso, a Pussy Galore in Agente 007 - Missione Goldfinger e a Domino Derval in Agente 007 - Thunderball (Operazione tuono)). Altri personaggi femminili della serie, come Judi Dench nel ruolo di M e Miss Moneypenny, non sono Bond girl.

Frequentemente i loro nomi costituiscono doppi sensi o giochi di parole; ad esempio: Pussy Galore[1], Plenty O'Toole, Honey Ryder[2], Xenia Onatopp, Holly Goodhead. Le Bond girl sono concordemente considerate simbolo di fascino e raffinatezza[3].

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

«Se c'era una cosa che davvero toccava l'animo di James Bond era essere sorpassato con velocità da una bella ragazza...»

(Da Al servizio segreto di Sua Maestà di Ian Fleming)

Quasi in ogni romanzo di Ian Fleming, così come nei racconti, è presente un personaggio femminile qualificabile come Bond girl; e la maggior parte di esse ha avuto una rappresentazione al cinema. Nonostante ognuna di loro possieda tratti significativi e individuali, nella forma letteraria identificano un canone ben preciso; molte sono infatti le caratteristiche in comune.[4] Il primo è l'età: tranne eccezioni tra venti e venticinque anni (si vedano, ad esempio, Tatiana Romanova 24,[5] Solitaire 25,[6] Vivienne Michel 23,[7] Kissy Suzuki 23[8]), dieci in meno di Bond – che sembra sempre averne trentacinque. La più giovane sembrerebbe essere Gala Brand; ma due sono le ipotesi avanzate riguardo alla sua età: una prima che la vede non oltre i vent'anni; e una seconda – meno accreditata[9] – che la porrebbe tra i trentacinque e i quaranta. Si dovranno allora prendere, come più giovane, la diciottenne massaggiatrice Mariko Ichiban in Si vive solo due volte; e, come più "vecchie", le trentenni Pussy Galore e Domino Vitali.

Tutte le Bond girl si rifanno ad un preciso schema di bellezza. Donne dal corpo sinuoso e magnifico, dal comportamento deciso e dal carattere sufficientemente sfacciato, uniscono - nel vestiario - i modelli più diretti di femminilità ben evidenziati dai pochi elementi di gioielleria, e un modello mascolino: larghe cinture e scarpe di pelle. Tuttavia, la presentazione secondo questi caratteri non sarà univoca, e le variazioni nel vestiario sono frequenti: si passa da apparizioni in abito da sera a apparizioni in costume da bagno, e occasionalmente si mostreranno svestite. Ostentano spesso una notevole abbronzatura (anche se qualcuna, ed è il caso di Solitaire, Tatiana Romanova, Pussy Galore, sarà evidentemente pallida), e non sono solite usare - se non quel poco - il trucco o smaltare unghie di mani e piedi. Non c'è un canone per il colore dei capelli; dal biondo oro di Mary Goodnight si passa gradatamente al biondo rame di Gala Brand, al castano di Tatiana Romanova, al castano scuro di Solitaire e, infine, al nero di Vesper Lynd, tuttavia condividono tutte un'acconciatura disinvolta che cade naturalmente sulle spalle. Non esiste canone nemmeno per il colore degli occhi, nel maggiore dei casi azzurro, ma anche scuro (Pussy Galore) e, come nel caso di Tiffany Case, variabile dal grigio al grigio-blu, a seconda del colore e della intensità della luce.

«Oh, James...»

(Espressione detta quando una Bond girl si fa conquistare da 007)

La prima Bond girl - paradigma del genere - è Vesper Lynd in Casino Royale, e rappresenta il modello di aspetto e di carattere sul quale tutte le successive figure femminili, in un certo senso, si appiattiranno: può vantare tutte quelle qualità sopra elencate.[10] D'altra parte, però, c'è Domino Vitali, che si allontana dal precedente modello incarnando tutte quelle caratteristiche rimaste escluse in Vesper: tratti sottilmente mascolini, forte abbronzatura, un taglio di capelli in stile Brigitte Bardot e un costume da bagno sportivo bianco e nero.

Oltre l'aspetto fisico e l'indiscussa bellezza, la caratteristica più rilevante e più conosciuta delle Bond girl è il doppio senso, il gioco di significati della loro onomastica. Alcuni di questi sono spiegati nei romanzi. Ad esempio, il vero nome di Solitaire, soprannome per Simone Latrelle, lo si deve al fatto che esclude gli uomini dalla propria vita. Inoltre, la già nominata Gala Brand prende il nome dall'incrociatore su cui il padre faceva il comandante: HMS Galatea (71). Si ritiene che il gioco dei nomi cominci fin da Casino Royale, primo romanzo di Ian Fleming; qui il personaggio femminile di Vesper Lynd costituirebbe un gioco di parole, e più specificamente una paronomasia di West Berlin, che ricondurrebbe alla falsa lealtà e al doppio gioco tenuto nei confronti dell'Unione sovietica. In alcuni dei nomi vi sono anche riferimenti sessuali: Pussy Galore, per esempio, può essere tradotto in italiano con "gatta in calore". Tuttavia, altri personaggi femminili hanno nomi comuni (Tatiana Romanova, Mary Ann Russell, Judy Havelock, Tracy Bond).

Lista delle Bond girl[modifica | modifica wikitesto]

Ian Fleming[modifica | modifica wikitesto]

  • Vesper Lynd, è un personaggio del romanzo Casino Royale del 1953. È una dipendente dei servizi segreti britannici a cui viene affidato il compito di assistere James Bond durante la sua missione, che consiste nel battere al tavolo da gioco Le Chiffre. Nel romanzo Vesper è l'assistente personale del capo della sezione S dell'MI6, teoricamente coinvolta in un semplice "lavoro di collegamento", rivelatosi in seguito un affare serio. Nel film invece rappresenta il Ministero delle finanze britannico nel delicato compito di contabile, un compito di controllo sui fondi messi a disposizione di Bond.
  • Solitaire, è un personaggio del romanzo Vivi e lascia morire del 1954.
  • Gala Brand, è la Bond girl di Moonraker: il grande slam della morte del 1955.
  • Tiffany Case, dal romanzo Una cascata di diamanti del 1956. È una contrabbandiera professionista che lavora a sua insaputa per la SPECTRE. Donna di forte temperamento e di forte carattere con gli uomini, è coinvolta in un traffico di diamanti tra Olanda e Stati Uniti per conto di Ernst Stavro Blofeld, capo dell'organizzazione criminale. Nel film si evince l'origine del suo nome, legato all'accidentale luogo di nascita: Tiffany & Co.. Si presenta spesso in bikini e guida una Ford Mustang di colore rosso.
  • Tatiana Romanova, è un personaggio del romanzo A 007, dalla Russia con amore del 1957. È un caporale dell'intelligence sovietica. Viene reclutata da Rosa Klebb per portare James Bond a Istanbul al fine di rubare il Lektor, una macchina in grado di decodificare codici segreti. Nella versione cinematografica il personaggio non subisce grandi adattamenti. Nonostante la trama del film sia differente da quella del libro, questo non riguarda il ruolo della principale Bond girl che rimane inalterato anche se meno approfondito psicologicamente.
  • Honey Ryder, dal romanzo Licenza di uccidere del 1958. È una commerciante di conchiglie giamaicana, discendente da una vecchia famiglia coloniale. Rimase orfana all'età di cinque anni, quando la casa dei genitori venne distrutta a causa di un incendio. Fino a quindici anni visse insieme a suo nonno in una cantina, poi il nonno morì. Quindi, trovata la stabilità e una residenza, racconta di essere stata violentata da colui che sorvegliava la sua abitazione; ma ebbe modo, in seguito, di vendicarsi uccidendolo. Nella serie cinematografica Ryder viene considerata la prima Bond girl, anche se non è la prima ragazza che Bond incontra nella missione; prima di lei, infatti, si incontrano Sylvia Trench e Miss Taro. L'apparizione nel film, l'emersione dall'oceano in costume bianco con due grandi conchiglie, mentre il sole risplende sui capelli biondi, è un momento classico nell'iconografia di James Bond ed è anche una delle scene più famose nella storia del cinema. Nel ventesimo film della serie, Agente 007 - La morte può attendere, Halle Berry interpretò come omaggio una scena simile, indossando un costume arancione.
  • Pussy Galore, personaggio del romanzo Missione Goldfinger del 1959. È presentata come l'unica donna degli Stati Uniti d'America a guidare un'organizzazione criminale. Prima guidò un gruppo di trapeziste, Pussy Galore and her Abrocats; un'esperienza fallimentare, così lo allenò al crimine e alla rapina. Il suo gruppo crebbe all'interno di un'organizzazione lesbica di Harlem conosciuta con il nome di The Cement Mixers. Pussy ha i capelli neri, la carnagione pallida, e possiede gli unici occhi viola che Bond abbia mai visto nella sua vita. Ha circa trent'anni, una voce bassa e seducente. Anche lei lesbica, racconta a Bond di esserlo diventata dopo aver subito, all'età di dodici anni, violenza sessuale da parte di suo zio. Nella serie cinematografica, la sua precedente storia è taciuta e, allo stesso tempo, non vengono apertamente dichiarate le sue tendenze sessuali - delle quali permangono soltanto brevi accenni. In accordo con le indicazioni della censura, i produttori pensarono di cambiare nome in Kitty Galore, più neutro e meno volgare, ma quando i giornali britannici pubblicarono alcune indiscrezioni che vedevano Honor Blackman nel ruolo di Pussy, anche la produzione decise per questo nome. È l'attrice più vecchia nel ruolo di Bond girl.
  • Jill Masterton e Tilly Masterton, dal romanzo Missione Goldfinger del 1959. Sorelle intente a vendicarsi di Auric Goldfinger, Jill, assistente personale di Auric, viene uccisa dallo stesso in seguito al suo tradimento. Tilly, decisa a vendicarsi della morte di sua sorella è diretta verso il proprio stabilimento dalle parti di Ginevra, in Francia. Si imbatte in James Bond, agente segreto in missione per scoprire i piani del malvagio contrabbandiere. La Jill Masterton di Shirley Eaton - che nel film prende il nome di Jill Masterson - è una delle bond girl preferite dal pubblico, ed è entrata, insieme a Honey Ryder di Ursula Andress, alla Pussy Galore di Honor Blackman e alla Vesper Lynd di Eva Green, nella classifica delle migliori dieci.[11]
  • Mary Ann Russell, è un personaggio del romanzo Paesaggio e morte del 1960.
  • Judy Havelock, dal romanzo Solo per i tuoi occhi del 1960.
  • Lisl Baum, dal romanzo Rischio del 1960.
  • Liz Krest, dal romanzo La rarità Hildebrand del 1960.
  • Domino Vitali, è un personaggio del romanzo Operazione tuono del 1961. È la principale Bond girl del romanzo. Dominetta Petacchi - questo il suo vero nome - è una ragazza italiana che, dopo aver frequentato il Cheltenham Ladies College in Inghilterra e dopo aver studiato recitazione alla Royal Academy of Dramatic Art, è costretta a tornare nel paese natale a seguito della morte dei suoi genitori in un incidente ferroviario. Proprio in Italia, diventa l'amante del pericoloso criminale e nemico di James Bond, Emilio Largo. Bond e Domino si incontrano a Nassau, sul Disco Volante, lo yacht di Largo, il quale nel frattempo è con i suoi compagni (chiamati da Domino "azionisti") a caccia di tesori nascosti in mare. Alla fine Domino ritorna sul Disco Volante aiutando Bond nella missione, tuttavia viene scoperta e catturata da Largo, che la tortura. Infine, però, riesce a liberarsi mentre Largo cerca di ultimare i suoi piani. Proprio mentre Largo sta per eliminare Bond, Domino interviene e lo colpisce alle spalle con un fucile subacqueo, uccidendolo. Riesce così a vendicare la morte del fratello e le ingiustizie subite dal criminale. Nel primo film Thunderball nella prima stesura della sceneggiatura il personaggio aveva nome Dominetta Palazzi. Poi, quando venne assegnato il ruolo a Claudine Auger, il nome fu cambiato in Dominique Derval per rispecchiare la nazionalità francese dell'attrice[senza fonte]. Il primo incontro con Bond avviene a Nassau, in mare; Domino, nuotando, rimane incastrata sul fondale marino, ma l'agente segreto interviene tempestivamente e la salva. A quel punto, Bond torna alla sua imbarcazione dove Paula Caplan lo stava aspettando, ma decide di fingere un guasto al motore per poter imbarcarsi con Domino e scoprire qualcosa in più su di lei. In Mai dire mai il personaggio interpretato questa volta da Kim Basinger venne rinominato Domino Petachi, sulla struttura di Domino Derval. Domino non è più solo il soprannome, ma diventa il nome vero e proprio. Diversamente da quanto avveniva in Agente 007 - Thunderball (Operazione tuono), è da lungo tempo l'amante di Emilio Largo. Incontra Bond a Monte Carlo in un centro termale; lui finge di essere un massaggiatore e offre un massaggio alla ragazza, dandole molto piacere. Solo in seguito Domino realizzerà che non era chi fingeva di essere. Poco prima di essere interrotti da Largo, Bond rivela a Domino la morte del fratello Jack.
  • Patricia Fearing, seconda Bond girl del romanzo Operazione tuono del 1961. Nel romanzo, come nel film, Patricia è un'infermiera che lavora in un centro benessere col compito di tenere in cura James Bond durante la sua permanenza. Al primo incontro respinge le consuete avance di Bond dimostrandosi fredda e impassibile; ma, in seguito ad un incidente con una macchina per la trazione muscolare, durante il quale il Conte Lippe aveva cercato di uccidere l'agente segreto mandando fuori controllo i comandi della macchina, sarà proprio Patricia a salvarlo.
  • Vivienne Michel, dal romanzo La spia che mi amava del 1962.
  • Tracy Bond, personaggio del romanzo Al servizio segreto di sua maestà del 1963. Nasce dal matrimonio fra il capu della Mafia corsa, Marc-Ange Draco, e sua moglie, una donna inglese. Dopo la morte della madre, viene mandata a terminare il ciclo scolastico in Svizzera. Diviene, da adolescente, la pupilla del padre sebbene inizi a divenire nota in quanto protagonista della cronache mondane di tutto il mondo. Durante un tentativo di suicidio il suo destino si unisce a quello della spia britannica James Bond. Lui la salva in extremis e viene assoldato dal padre di lei per distrarla dalla tristezza. Sebbene rifiuti, fra i due si rivela esserci vero amore che culmina con il matrimonio. Partiti per il viaggio di nozze, durante una sosta in cui 007 toglie i fiori dalla sua Aston Martin, addobbata per l'occasione, Tracy viene uccisa per sbaglio (al posto del vero obbiettivo, cioè Bond). Nel film Agente 007 - Al servizio segreto di Sua Maestà del 1969, è interpretata da Diana Rigg.
  • Ruby Windsor, è una Bond Girl del romanzo Al servizio segreto di sua maestà del 1963.
  • Solange, personaggio del romanzo 007 a New York del 1963.
  • Kissy Suzuki, dal romanzo Si vive solo due volte del 1964. È la bond girl principale nel romanzo. È una pescatrice. Quando Bond, in seguito allo scontro con Ernst Stavro Blofeld, perde la memoria, Kissy, innamorata di lui, decide di tenerlo con sé, e lei rimane incinta. Bond questo lo scoprirà anni dopo, conoscendo proprio il figlio di Kissy, morta di cancro anni dopo la fine della loro relazione, avvenuta a causa di un lavaggio del cervello subito da Bond durante il suo soggiorno nell'Unione Sovietica. Nell'omonimo film, è interpretata dall'attrice giapponese Mie Hama.
  • Mariko Ichiban, è una Bond Girl del romanzo Si vive solo due volte del 1964.
  • Mary Goodnight, dal romanzo L'uomo con la pistola d'oro del 1965. Diventa la seconda segretaria di Bond, di cui si innamora e con cui intreccia una relazione. Nel film, Mary (interpretata da Britt Ekland) è un agente segreto dell'MI6, che deve aiutare Bond a sconfiggere Francisco Scaramanga, ovvero "l'uomo dalla pistola d'oro".
  • Trigger, Bond girl del romanzo Il lume dell'intelletto del 1966.
  • Maria Freudenstein, personaggio del romanzo Di proprietà di una signora del 1966.
  • Trudi Oberhauser, dal romanzo Octopussy del 1966.

Robert Markham[modifica | modifica wikitesto]

Romanzo Bond girl
Il colonnello Sun Arianna

John Gardner[modifica | modifica wikitesto]

Romanzo Bond girl
Rinnovo di licenza Lavender Peacock
Ann Reilly
Per servizi speciali Cedar Leiter
Nena Bismaquer
Ann Reilly
Nella morsa di ghiaccio Paula Vacker
Rivke Inberg
Ruolo d'onore Persephone Proud
Cindy Chalmer
Nessuno vive per sempre principessa Sukie Tempesta
Nannette Tata Norrich
Senza tregua Ebbie Heritage
Operazione Scorpius Harriet Horner
Operazione Invincible Beatrice Maria da Ricci
Nikki Ratnikov
Vendetta privata Pam Bouvier
Lupe Lamora
James Bond: Scatole cinesi Sue Chi-Ho detta Chi-Chi
James Bond: Operazione Barbarossa Nina Bibikova
Stéphanie Adoré
Niente è per sempre Elizabeth St. John
Niente fiori per James Bond Fredericke Flicka von Grüsse
Mai giocare col fuoco Fredericke Flicka von Grüsse
GoldenEye Natalia Simonova
Xenia Onatopp
Missione COLD principessa Sukie Tempesta
Toni Nicoletti
Felicia Fliss
Beatrice Maria de Ricci

Raymond Benson[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi/Racconti Bond girl
La morte viene dal passato Cheryl Haven
Conto alla rovescia Sunni Pei
Il Domani non muore mai Wai Lin
Paris Carver
Prof.ssa Inga Bergstrom
Obiettivo Decada Niki Mirakos
Tempo di uccidere Helena Marksbury
Hope Kendall
Cindy Chalmer
Morte in una notte di mezza estate Lisa Dergan
Omicidio in diretta Natalia Lustokova
Janet Davies
Il mondo non basta Elektra King
dr. Christmas Jones
Doppio gioco Heidi Taunt
Hedy Taunt
Dr. Kimberley Feare
Mai sognare di morire Tylyn Mignonne
L'uomo dal tatuaggio rosso Mayumi McMahon
Reiko Temura
La morte può attendere Jinx
Miranda Frost

Charlie Higson[modifica | modifica wikitesto]

Romanzo Bond girl
Silverfin. Missione segreta Selvaggia Lawless
Sete di sangue Amy Goodenough
Vendetta
Spara o muori Kelly Kelly

Sebastian Faulks[modifica | modifica wikitesto]

Jeffrey Deaver[modifica | modifica wikitesto]

William Boyd[modifica | modifica wikitesto]

  • Solo
    • Bryce Fitzjohn
    • Aleesha Belem

Anthony Horowitz[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Film Bond girl Attrice
Licenza di uccidere Honey Ryder
Sylvia Trench
Miss Taro
Ursula Andress
Eunice Gayson
Zena Marshall
Dalla Russia con amore Tatiana Romanova
Sylvia Trench
ragazze zingare
Daniela Bianchi
Eunice Gayson
Martine Beswick, Aliza Gur
Missione Goldfinger Pussy Galore
Jill Masterson
Tilly Masterson
Dink
Bonita
Honor Blackman
Shirley Eaton
Tania Mallet
Margaret Nolan
Nadja Regin
Thunderball: Operazione tuono Domino Derval
Fiona Volpe
Patricia Fearing
Paula Caplan
Mille. La Porte
Claudine Auger
Luciana Paluzzi
Molly Peters
Martine Beswick
Marise Mitsouko
Si vive solo due volte Kissy Suzuki
Aki
Ling
Helga Brandt
Mie Hama
Akiko Wakabayashi
Tsai Chin
Karin Dor
Al servizio segreto di Sua Maestà Tracy di Vincenzo
Nancy
Ruby Bartlett
Diana Rigg
Catherine Schell
Angela Scoular
Una cascata di diamanti Tiffany Case
Marie
Plenty O'Toole
Bambi
Tamburino
Jill St. John
Denise Perrier
Lana Wood
Lola Larson
Trina Parks
Vivi e lascia morire Solitaire
Rosie Carver
Miss Caruso
Jane Seymour
Gloria Hendry
Madeline Smith
L'uomo dalla pistola d'oro Mary Goodnight
Andrea Anders
Saida
Chew Mee
Britt Ekland
Maud Adams
Carmen Sautoy
Francoise Therry
La spia che mi amava Anya Amasova
Harem Tent Girl
Log Cabin Girl
Naomi
Felicca
Barbara Bach
Felicity York
Sue Vanner
Caroline Munro
Olga Bisera
Moonraker - Operazione spazio Holly Goodhead
Corinne Dufor
Manuela
Hostess Private Jet
Lois Chiles
Corinne Cléry
Emily Bolton
Leila Shenna
Solo per i tuoi occhi Melina Havelock
Lisl von Schlaf
Bibi Dahl
Carole Bouquet
Cassandra Harris
Lynn-Holly Johnson
Octopussy - Operazione piovra Octopussy
Magda
Penelope Smallbone
Bianca
Maud Adams
Kristina Wayborn
Michaela Clavell
Tina Hudson
Bersaglio mobile Stacey Sutton
Kimberly Jones
May Day
Pola Ivanova
Jenny Flex
Pan Ho
Tanya Roberts
Mary Stävin
Grace Jones
Fiona Fullerton
Alison Doody
Papillon Soo Soo
Zona pericolo Kara Milovy
Rosika Miklos
Linda
Rubavitch
Maryam d'Abo
Julie T. Wallace
Kell Tyler
Virginia Hey
Vendetta privata Pam Bouvier
Lupe Lamora
Della Churchill
Loti
Carey Lowell
Talisa Soto
Priscilla Barnes
Diana Lee-Hsu
GoldenEye Natalya Simonova
Xenia Onatopp
Caroline
Irina
Izabella Scorupco
Famke Janssen
Serena Gordon
Minnie Driver
Il domani non muore mai Wai Lin
Paris Carver
Prof. Inga Bergstøm
Michelle Yeoh
Teri Hatcher
Cecile Thomsen
Il mondo non basta Christmas Jones
Elektra King
Dr. Molly Warmflash
Cigar Girl
Denise Richards
Sophie Marceau
Serena Scott Thomas
Maria Grazia Cucinotta
La morte può attendere Giacinta Johnson
Miranda Frost
Halle Berry
Rosamund Pike
Casino Royale Vesper Lynd
Solange
Valenka
Eva Green
Caterina Murino
Ivana Miličević
Quantum of Solace Camille Montes
Strawberry Fields
Olga Kurylenko
Gemma Arterton
Skyfall Sévérine Bérénice Marlohe
Spectre Madeleine Swann
Lucia Sciarra
Estrella
Léa Seydoux
Monica Bellucci
Stephanie Sigman
No Time to Die Madeleine Swann
Paloma
Nomi
Léa Seydoux
Ana de Armas
Lashana Lynch

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pussy Galore è, in senso lato, traducibile in italiano con «molto figa»; infatti galore è parola del gergo che traduce espressioni come «in abbondanza», «a bizzeffe», «a fiumi»; mentre pussy è termine volgare per «vagina»
  2. ^ Ryder si riferisce alla classica posizione sessuale
  3. ^ Robert A. Caplen, Shaken & Stirred: The Feminism of James Bond (Xlibris, 2010)
  4. ^ Per gli aspetti generali delle Bond girl si veda il capitolo dedicato in O. F. Snelling, 007 James Bond: A Report (Signet, 1965)
  5. ^ I. Fleming, Dalla Russia con amore, trad. di Eva Kampmann, Ugo Guanda Editore, 2006, cap. IX.
  6. ^ I. Fleming, Vivi e lascia morire, traduzione di Stefano Bortolussi, Ugo Guanda Editore, 2005, cap. X.
  7. ^ I. Fleming, La spia che mi amava, traduzione di Grazia M. Griffini, Arnoldo Mondadori Editore, 1991, cap. II.
  8. ^ I. Fleming, Si vive solo due volte, traduzione di Enrico Cicogna, Mondadori, 1991, cap. XII.
  9. ^ Si tratta, con ogni probabilità, di un'ipotesi errata perché, anche non potendo escludere che sia stata descritta una Bond girl più che ventenne, le stesse indicazioni di Fleming vanno in direzione contraria. Cfr., I. Fleming, Moonraker: il grande slam della morte, traduzione di Massimo Bocchiola, Mondadori, cap. XVI.
  10. ^ I. Fleming, Casino Royale, traduzione di Massimo Bocchiola, Guanda, 2004, cap. V.
  11. ^ Le 10 migliori Bond girl | Time.com Archiviato il 14 novembre 2011 in Internet Archive. URL consultato il 03-11-2011

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]