Corinne Cléry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corinne Cléry in Kleinhoff Hotel (1977)

Corinne Cléry, pseudonimo di Corinne Marie Picolo (Parigi, 23 marzo 1950), è un'attrice francese. Inizialmente ha usato lo pseudonimo Corinne Piccoli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Il suo primo film di successo è stato Histoire d'O, film erotico del 1975[1]. Una delle parti per cui viene ricordata maggiormente all'estero è la Bond girl Corinne Dufour nel film di James Bond Agente 007 - Moonraker - Operazione spazio (1979)[1]. Successivamente la gran parte della sua carriera cinematografica si è svolta in Italia, lavorando per lo più in film erotici e commedie, al servizio di registi quali Sergio Corbucci, Salvatore Samperi, Pasquale Festa Campanile, Carlo Vanzina, Carlo Lizzani, Giorgio Capitani, Lucio Fulci e molti altri.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni ottanta è stata protagonista di diversi sceneggiati, fra cui Benedetta & Company (1983), Disperatamente Giulia (1989) e Vita coi figli (1990). Nel 2006 e nel 2007 è protagonista nella fiction e poi soap opera di Rai 1 Incantesimo 8-9[1] con il ruolo di Viola Dessì, madre di Aldo Dessì, interpretato da Paolo Romano. Nel dicembre 1983 ha presentato per Rai 1 con Sammy Barbot il programma settimanale, in onda alle 18:40 da Torino, intitolato Forte Fortissimo TV Top, su testi di Marco Di Tillo e Annabella Cerliani.

Nel gennaio 2009 ha partecipato come concorrente al reality show di Rai 1 Ballando con le stelle[1], in coppia con il ballerino Chuck Danza. La coppia è stata eliminata al termine della prima puntata. Nel settembre 2013 ha partecipato come concorrente alla seconda edizione del reality di Rai 2 Pechino Express con l'attore Angelo Costabile, suo compagno. I due sono stati eliminati al termine della quinta puntata. Il 15 maggio 2015, per i 40 anni di Histoire d'O, è stata ospite al Grand Hotel Chiambretti su Canale 5.

Dall'ottobre 2017 partecipa come concorrente alla seconda edizione del reality di Canale 5 Grande Fratello VIP, entrando in gara durante la sesta puntata e venendo eliminata nel corso della nona puntata con il 41% dei voti contro Raffaello Tonon e Aída Yéspica.

Il 19 marzo 2021 pertecipa ad una puntata del gioco televisivo "I Soliti Ignoti", condotto da Amadeus su Rai1, vincendo la ragguardevole cifra di 20.400 euro da devolvere all'Istituto "Spallanzani" di Roma.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 è in teatro con Pier Maria Cecchini nella commedia Casina. Tra il 2006 e il 2015 prende parte a diverse rappresentazioni teatrali come C'è un uomo nudo in casa, Otto donne e un mistero e Tre donne in cerca di guai.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1967, all'età di 17 anni, si è sposata con Hubert Wayaffe. Dall'unione è nato Alexandre, unico figlio dell'attrice[1]. La Cléry ha poi sposato nel 2004 l'arredatore Beppe Ercole[2], ex marito di Serena Grandi. La coppia è rimasta insieme fino alla morte dell'uomo, avvenuta nel 2010[2]. Nel 2017 l'attrice risultava legata sentimentalmente ad Angelo Costabile,[1] da cui poi si è separata[3].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Preludio, regia di Stefania Rossella Grassi (2019)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Casina (2004)
  • C'è un uomo nudo in casa (2006)
  • Otto donne e un mistero
  • Il Tartuffo, di Molière, regia di Giovanni Anfuso, Borgio Verezzi (2012)
  • Tre donne in cerca di guai (2015)
  • 4 donne e una canaglia (2017)
  • Sul lago dorato (2020)

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • 1975 - Je ne suis que de l'amour/Le ruban (7")

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9785980 · ISNI (EN0000 0001 1467 5605 · LCCN (ENnr2003002600 · GND (DE1061560619 · BNF (FRcb139308228 (data) · BNE (ESXX821289 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr2003002600