Barbara Bach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barbara Bach nel 1978

Barbara Bach, pseudonimo di Barbara Goldbach, e nota agli esordi anche come Barbara Gregorini[1] (New York, 27 agosto 1947), è un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata negli Stati Uniti da una famiglia di emigrati ebrea e irlandese, già in giovane età inizia a lavorare come modella prendendo parte ad alcune campagne pubblicitarie. In seguito studia in Italia dove, ancora adolescente, conosce il suo primo marito[1] che le darà due figli, tra cui la regista e cantautrice Francesca Gregorini.[2] Nella penisola, presentandosi inizialmente con il cognome dell'allora consorte, nella seconda metà degli anni 1960 inizia la carriera nel mondo dello spettacolo, lasciando via via la moda per la recitazione[1] e apparendo in sceneggiati televisivi e piccoli film.

A metà degli anni 1970 si separa dal primo marito e, assieme ai figli, si trasferisce da Roma a Los Angeles. Nel 1977 ottiene fama internazionale come Bond girl grazie al ruolo di Anya Amasova ne La spia che mi amava, al fianco di Roger Moore. Malgrado il successo raggiunto alla fine di questo decennio, la sua carriera non decolla e nel corso dei successivi anni 1980 registra solo partecipazioni in pellicole minori, sino al ritiro dalle scene. Dal 1981 è moglie dell'ex Beatles Ringo Starr, conosciuto durante le riprese del film Il cavernicolo, con cui oggi vive a Cranleigh, in Inghilterra.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Barbara Bach in uno scatto di scena sul set de La tarantola dal ventre nero di Paolo Cavara (1971)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Vittoria Febbi in L'Odissea, La spia che mi amava, Ecco noi per esempio...

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Dice sempre la stessa battuta ed è popolare come una diva, in Stampa Sera, 25 settembre 1967, p. 7.
  2. ^ E James Bond scese in Sardegna, in Stampa Sera, 9 ottobre 1976, p. 13.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN56234652 · LCCN: (ENno98101937 · ISNI: (EN0000 0001 0903 415X · GND: (DE1093573473 · BNF: (FRcb13891025d (data)