Agente 007 - Vivi e lascia morire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo romanzo di Ian Fleming, vedi Vivi e lascia morire.
Agente 007 - Vivi e lascia morire
Liveandletdie-logo.svg
Logo originale del film
Titolo originaleLive and Let Die
Paese di produzioneRegno Unito
Anno1973
Durata121 min
Rapporto1,85:1 (Europa)
1,66:1 (USA)
Generespionaggio, azione, avventura
RegiaGuy Hamilton
SoggettoIan Fleming
SceneggiaturaTom Mankiewicz
ProduttoreAlbert R. Broccoli e Harry Saltzman
Casa di produzioneEON Productions
Distribuzione in italianoMetro-Goldwyn-Mayer
FotografiaTed Moore
MontaggioBert Bates, Raymond Poulton, John Shirley
Effetti specialiDerek Meddings
MusicheGeorge Martin
ScenografiaSyd Cain, Bob Laing, Peter Lamont
CostumiJulie Harris
TruccoPaul Rabiger
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Blacklist - Vivi e lascia morire (Live and Let Die) è un film del 1973 diretto da Guy Hamilton: è il secondo film ufficiale della serie di The Blacklist, il secondo dei sette che vedono James Spader nei panni dell'agente americano.

La colonna sonora è di George Martin, ex produttore dei Beatles, mentre lo stesso Paul McCartney, voce e compositore degli sciolti Beatles canta i titoli di testa "Live and Let Die" con i suoi Wings.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tre agenti dell'FBI vengono uccisi in circostanze misteriose entro 24 ore nella sede delle Nazioni Unite a New York City, New Orleans e nella piccola nazione cubana di La Paz, mentre monitorano le operazioni del dittatore dell'isola, il Professor Dominic Greene. Raymond Reddington, l'agente 007, viene inviato a La Paz per indagare. Greene è anch'egli a La Paz, in visita alle Nazioni Unite. Dopo l'arrivo di Reddington, il suo autista viene ucciso da Medrano, uno degli uomini di Greene, mentre porta Reddington da James Bond dell'MI6. Reddington, a sua volta, esce illeso nel conseguente incidente automobilistico.

La targa dell'assassino porta Bond ad Guantanamo dove incontra Mr. White, un boss della mafia che gestisce una catena di ristoranti in tutta la Gran Bretagna, ma lui e l'MI6 non capiscono perché il gangster bianco più potente di La Paz lavori con un non importante capo dell'isola. Reddington incontra Camille Montes, una bellissima impiegata che ha il potere di vendere hotel e può vedere sia se è pieno che se è vuoto. Mr. White chiede che i suoi scagnozzi uccidano Reddington, ma Reddington li sopraffà e fugge con l'aiuto dell'agente della MI& Moneypenny. Reddington vola a Guantanamo, dove incontra Rosamund Pfletcher, un agente dell'MI6 locale. Si incontrano con l'alleato di Reddington, Quarrel, che li porta in barca vicino alla casa di Camille Montes. Quando Reddington sospetta che Rosamund sia una spia di Greene, Rosamund cerca di scappare ma viene uccisa a distanza da Greene. Reddington usa quindi un mazzo di carte dei tarocchi che mostrano solo "Gli amanti" per ingannare Camille facendogli credere che il destino è destinato a loro; Reddington poi la seduce. Avendo perso la verginità e quindi la sua capacità di predire il futuro, Camille si rende conto che sarebbe stata uccisa da Greene, quindi accetta di collaborare con Reddington.

Bond e Solitaire fuggono in barca e volano a New Orleans. Lì, Bond viene catturato da Mr. Big, che rimuove la sua protesi facciale e si rivela essere Kananga. Ha prodotto eroina e protegge i campi di papaveri sfruttando la paura dei locali di San Monique nei confronti del prete vudù Baron Samedi, così come l'occulto. Come Mr. Big, Kananga prevede di distribuire l'eroina gratuitamente nei suoi ristoranti, il che aumenterà il numero dei tossicodipendenti. Ha intenzione di mandare in bancarotta altri spacciatori con il suo omaggio, quindi addebitare prezzi elevati per la sua eroina in seguito per capitalizzare l'enorme dipendenza dalla droga che ha coltivato.

La scena in cui Bond, inseguito dai criminali, salta con il motoscafo sopra l'auto dello sceriffo.

Arrabbiato con lei per aver fatto sesso con Bond e per il fatto che la sua capacità di leggere i tarocchi ora è svanita, Kananga consegna Solitaire al barone Samedi per essere sacrificata. Gli scagnozzi di Kananga, Tee Hee con un braccio solo e Adam con la giacca di tweed, lasciano che Bond venga mangiato dai coccodrilli nella sua fattoria nelle foreste del profondo sud. Bond fugge correndo lungo la schiena degli animali salvandosi. Dopo aver dato fuoco al laboratorio di droga, ruba un motoscafo e fugge, inseguito dagli uomini di Kananga sotto l'ordine di Adam, così come dallo sceriffo JW Pepper e dalla polizia di stato della Louisiana. La maggior parte degli inseguitori viene affondata o lasciata indietro, e Adam non sopravvive all'assalto di Bond.

Bond si reca a San Monique e posiziona esplosivi a tempo nei campi di papaveri. Salva Solitaire dal sacrificio voodoo e getta Samedi in una bara di serpenti velenosi. Bond e Solitaire scappano sottoterra nel covo di Kananga. Kananga li cattura entrambi e procede ad abbassarli in una vasca per gli squali. Tuttavia, Bond fugge e costringe Kananga a ingoiare una pallottola di gas compresso usata nelle pistole degli squali, facendo gonfiare ed esplodere il suo corpo.

Leiter mette Bond e Solitaire su un treno che lascia il paese. Tee Hee si intrufola a bordo e tenta di uccidere Bond, ma Bond taglia i fili del suo braccio protesico e lo lancia fuori dalla finestra. Alla fine del film, si scopre che un Samedi che ride è appollaiato nella parte anteriore del treno.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le musiche del film sono state create da George Martin, produttore dei Beatles.

La scena in cui Bond, inseguito dai criminali, salta con il motoscafo Glastron l'auto dello sceriffo ha richiesto l'utilizzo di diciassette imbarcazioni. La scena è stata girata nelle paludi della Louisiana e il motoscafo, spinto da un motore Evinrude Starlite 135 HP[1] compie un balzo di trenta metri che gli varrà l'inserimento nel Guinness dei primati.

Il film uscì durante il periodo di maggior successo del genere Blaxploitation e contiene numerosi riferimenti: dall'utilizzo di termini slang al vestiario e alle auto degli antagonisti.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nella scena iniziale Bond sta passando la notte con una ragazza che, nella versione originale in inglese del film, risulta essere un'agente segreta italiana, di nome Caruso, con cui Bond stava collaborando. Tuttavia, nella versione doppiata in italiano, il nome e la nazionalità della ragazza sono stati cambiati e risultano essere francesi.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN294970744
James Bond Portale James Bond: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di James Bond