Agente 007 - Vivi e lascia morire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo romanzo di Ian Fleming, vedi Vivi e lascia morire.
Agente 007 - Vivi e lascia morire
Glastron gip.jpg
La famosa scena in cui Bond, inseguito dai criminali, salta col motoscafo l'auto dello sceriffo
Titolo originale Live and Let Die
Paese di produzione USA, Regno Unito
Anno 1973
Durata 121 min
Colore colore
Audio mono
Rapporto 1,85:1 (Europa)
1,66:1 (USA)
Genere spionaggio, azione, thriller
Regia Guy Hamilton
Soggetto Ian Fleming
Sceneggiatura Tom Mankiewicz
Produttore Albert R. Broccoli e Harry Saltzman
Casa di produzione EON Productions
Distribuzione (Italia) Metro-Goldwyn-Mayer
Fotografia Ted Moore
Montaggio Bert Bates, Raymond Poulton, John Shirley
Musiche George Martin
Tema musicale Live and Let Die - Paul McCartney & Wings
(Paul e Linda McCartney)
Scenografia Simon Wakefield; Frederic C. Weiler
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Agente 007 - Vivi e lascia morire (Live and Let Die) è un film del 1973 diretto da Guy Hamilton: è l'ottavo Film ufficiale della serie di James Bond, il primo dei 7 che vedono Roger Moore nei panni dell'agente britannico.

La colonna sonora è di George Martin, mentre Paul McCartney canta i titoli di testa Live And Let Die con i suoi Wings.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tre agenti inglesi vengono fatti fuori: il primo, fulminato tramite delle cuffie che indossava durante una riunione dell' Organizzazione delle Nazioni Unite; il secondo, pugnalato mentre assiste ad un finto funerale che diviene il suo a New Orleans e il terzo, che viene morso al collo da un serpente velenoso durante un rito vudù in un isola dei Caraibi. 007 è svegliato nel cuore della notte dal suo superiore M che lo informa dei fatti accaduti e lo invia in missione a New York, con il compito di verificare se dietro alle tre morti ci sia la mano del dottor Kananga, diplomatico dell'isola tropicale.

Giunto a New York Bond sfugge a un attentato. Il suo amico della CIA Felix Leiter, lo informa che la macchina che ha tentato di ucciderlo risulta essere intestata a un collaboratore di Kananga. Bond si reca subito ad Harlem dove viene fatto prigioniero da un certo Mr. Big, un narcotrafficante di colore che ha al suo fianco Tee Hee, un losco figuro con un braccio meccanico che termina in una tenaglia, e l'affascinante cartomante Solitaire. Nel breve incontro 007 prende una delle carte della ragazza e trova il simbolo degli amanti. Dopo essere riuscito a fuggire Bond giunge a Sante Monique per cercare di capire che legame c'è tra Kananga e Mr. Big. Qui trova ad attenderlo in albergo Rosie Carver, un'impacciata agente della CIA che dovrebbe aiutarlo. Ben presto Bond capisce che quest'ultima lavora al soldo di Kananga. Rosie si rifiuta di collaborare e, in un tentativo di fuga, viene uccisa da una pistola nascosta in una statua.

Bond si reca a trovare Solitaire, che vive in cima a villa situata in una collina presidiata dagli scagnozzi di Kananga. Dopo essere atterrato con un deltaplano nel giardino dell'abitazione, Bond trova Solitaire preoccupata per il presagio mostrato durante il loro primo incontro. La ragazza cede infine al fascino di 007. La ragazza è convinta di aver perso i suoi poteri: la leggenda vuole infatti che con la perdita della verginità si perda anche la dote della preveggenza. Bond prende con sé Solitaire e decide di esplorare l'isola; scopre così che nel cimitero in cui è stato assassinato uno degli agenti durante un rito vudù si cela un'enorme campo di coltivazione dell'eroina.

Bond e Solitaire vengono assaliti dagli uomini di Kananga, ma riescono a fuggire in Lousiana dove però vengono entrambi catturati. 007 incontra di nuovo Mr. Big che vuole sapere se Solitaire ha perso la sua verginità. Bond non rivela il segreto, ma Mr. Big riesce lo stesso a scoprirlo. Questi poi rivela che lui e Kananga sono la stessa persona. Il suo piano prevede di lanciare sul mercato americano un'enorme partita d'eroina gratis. In questo modo spazzerebbe via in un colpo solo la concorrenza e conquisterebbe il monopolio dello spaccio nelle strade per diversi anni.Kananga lascia la spia nelle grinfie di Tee Hee. Quest'ultimo porta Bond in una fattoria dove si allevano coccodrilli. In realtà si tratta dell'ennesima copertura, questa volta per coprire la raffineria di droga. Bond viene lasciato su una piattaforma in balia degli alligatori, ma riesce a fuggire e, dopo uno spettacolare inseguimento in motoscafo, a mettersi in salvo.

Bond torna a Sante Monique di notte, libera Solitaire, proprio nel momento in cui stava per essere sacrificata durante un rito vudù dal Baron Samedi e fa esplodere le piantagioni di droga. L'ultimo incontro con Kananga prevede un combattimento tra i due in una piscina infestata dagli squali in cui Bond elimina il suo antagonista sparandogli un proiettile ad aria compressa che lo fa esplodere come un palloncino. 007 e Solitaire, dopo aver completato la missione, viaggiano in treno e mentre si stanno godendo la meritata vacanza, all'improvviso vengono assaliti da Tee Hee, deciso a vendicarsi dei due, ma che viene gettato fuori dal treno da 007 mentre il braccio meccanico rimane appeso al finestrino.

L'ultima inquadratura è riservata al temibile Baron Samedi, sopravvissuto allo scontro con Bond che sghignazza seduto sul muso del treno.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Roger Moore è il primo attore che non indossa il cappello nella scena introduttiva della canna di pistola. Le musiche del film sono state create da George Martin, produttore dei Beatles.

Il cognome di Rosie, Carver è stato riutilizzato per l'antagonista del film Il domani non muore mai. Sul retro dei tarocchi maneggiati da Solitaire si può notare la scritta "007" utilizzata come trama delle carte. La scena in cui Bond, inseguito dai criminali, salta col motoscafo Glastron l'auto dello sceriffo, ha richiesto l'utilizzo di 17 imbarcazioni. La scena è stata girata nelle paludi della Louisiana e il motoscafo, spinto da un motore Evinrude Starlite 135 HP[1] compie un balzo di 30 metri che gli varrà l'inserimento nel Guinness dei primati.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

In questo film è assente il personaggio di Q interpretato da Desmond Llewelyn.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nel film di James Bond "Vivi e lascia morire" un Evinrude Starlite 135 HP spinge un motoscafo Glastron in un balzo di 30 metri

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

James Bond Portale James Bond: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di James Bond