Raoul Silva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tiago Rodriguez
SagaJames Bond
SoprannomeRaoul Silva
1ª app. inSkyfall (2012)
Interpretato daJavier Bardem
Voce italianaRoberto Pedicini
SessoMaschio
Professioneex agente MI6, cyber-terrorista

«Cos'è questo se non tradimento? Ti ha mandato a cercarmi sapendo che non sei pronto, che probabilmente morirai... mammina è stata molto cattiva.»

(Raoul Silva)

Tiago Rodriguez (alias Raoul Silva) è il principale antagonista del film di James Bond Skyfall del 2012. Silva è un ex agente dell'MI6 diventato un cyber-terrorista, determinato a cercare vendetta contro coloro che egli ritiene responsabili di averlo tradito, in particolare M. È stato interpretato da Javier Bardem.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Durante i suoi anni all'MI6, Raoul Silva (il cui vero nome è Tiago Rodriguez), era distaccato all'ufficio di Hong Kong dal 1986 al 1997, periodo in cui era stato l'agente di punta di M, capo della sezione, impegnata in un'indagine contro la pirateria non autorizzata dei cinesi. Mentre stava supervisionando la missione ad Hong Kong, M, che era convinta della completa malafede e del doppio gioco di Silva, decise di cedere Silva in cambio di prigionieri detenuti dal governo cinese. Durante la sua cattura, la tortura e l'incarcerazione, Silva ha tentato di togliersi la vita con una capsula di cianuro impiantata in uno dei suoi molari. Il tentativo di suicidio non riuscì, e orribili cicatrici restarono sul volto di Silva. Il tentativo fallito aveva gravemente danneggiato gli organi interni e la mascella superiore e con il passare del tempo i denti restanti si sono sciolti deformando il volto, costringendo Silva all'utilizzo di una protesi.

Skyfall[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Skyfall.

L'MI6 sta affrontando una crisi e Bond è a Istanbul per fermare il mercenario Patrice che ha rubato un disco rigido che contiene le identità di tutti gli agenti NATO infiltrati nelle organizzazioni terroristiche di tutto il mondo. Patrice riesce a fuggire e consegna l'hard disk a Silva, il quale dopo alcuni mesi riuscendo ad infiltrarsi nel sistema di sicurezza dell'MI6 ed entrando nel computer di M fa esplodere mediante una fuoriuscita di gas, una parte degli uffici dei servizi segreti, causando la morte di 6 agenti. Bond riesce a raggiungere Silva grazie all'aiuto di Sévérine, una prostituta salvata da Silva. A bordo di uno yacht Bond è portato su un'isola al largo della costa di Macao, sede di un vecchio stabilimento chimico che Silva aveva preso possesso in seguito alla dichiarazione di un falso allarme che aveva spinto tutti i lavoratori ad evacuare la zona. Sull'isola, gli uomini di Silva portano via Séverine e conducono Bond in una grande sala dove sono posizionate le apparecchiature elettroniche; qui incontrerà Silva che gli rivelerà il suo precedente status di agente MI6 e il presunto tradimento di M. Silva poi porta fuori Bond e lega Sévérine ad una statua crollata, mettendo un piccolo bicchiere di alcool sulla sua testa, obbligando Bond a colpire il bersaglio con un singolo colpo sparato da una vecchia pistola a pietra focaia. Bond sbaglia volontariamente ma Silva punta l'arma verso Sévérine e la uccide. Silva quindi ordina ai suoi uomini di uccidere Bond, ma egli riesce a salvarsi uccidendo prima loro e proprio in quel momento giunge la squadra di soccorso che Bond aveva avvisato prima di giungere sull'isola, catturando così Silva. A Londra è imprigionato e isolato in una cella di massima sicurezza e qui incontra M rivelandogli il perché del suo odio. Nel frattempo Q sta analizzando il computer di Silva che però si rivela avere un virus che oltrepassa nuovamente i sistemi di sicurezza del rifugio MI6, permettendo a Silva di fuggire dalla prigione e dare inizio al suo piano malefico. Silva infatti era in possesso di una dettagliata mappa della metropolitana di Londra che utilizza per raggiungere M durante l'inchiesta sulla perdita del disco rigido. Tuttavia Bond insegue il fuggitivo nel sottosuolo della città dove tra l'altro Silva fa scoppiare una bomba facendo deragliare un treno. Silva pertanto raggiunge M e incomincia a sparare, ma fortunatamente ella viene salvata da Mallory che dopo essere stato colpito ad un braccio fornisce fuoco di copertura insieme a Bond e Eve. Silva scappa e Bond si rifugia con M presso Skyfall, la tenuta dove abitava con i genitori in Scozia. Grazie all'aiuto di Q, il quale aveva lasciato delle piccole tracce elettroniche che solo Silva poteva captare, trae in trappola l'ex agente. I due si scontreranno in un conflitto senza precedenti dove Bond sarà aiutato da M e dal vecchio guardaboschi Kincade ad organizzare la trappola. Silva tuttavia riesce nuovamente a salvarsi e raggiunge in una piccola cappella M che stava scappando con Kincade dalla tenuta ormai distrutta. Proprio nel momento in cui Silva costringe M a premere il grilletto, Bond arriva stremato da un combattimento in un lago ghiacciato e uccide Silva lanciandogli nella schiena il vecchio coltello da combattimento del padre.

In altri film[modifica | modifica wikitesto]

Nel successivo film di Bond, Spectre, Ernst Stavro Blofeld rivela che Silva, al pari di Le Chiffre e Dominic Greene (rispettivamente i cattivi di Casino Royale e Quantum of Solace), era un agente della SPECTRE, un'organizzazione criminale mondiale.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

James Bond Portale James Bond: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di James Bond