Fiona Volpe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiona Volpe
Fiona Volpe.png
SagaFilm di James Bond
Alter egoFatima Blush
1ª app. inAgente 007 - Thunderball: Operazione tuono (1965)
Interpretato da
Voce italianaRita Savagnone
Speciecaucasica
Sessofemminile
Professionekiller
AffiliazioneSPECTRE

Fiona Volpe è un personaggio di Agente 007 - Thunderball: Operazione tuono, quarto film della serie cinematografica di James Bond. Non è presente nell'omonimo romanzo di Ian Fleming, ma è un'invenzione cinematografica.

Interpretata dall'attrice italiana Luciana Paluzzi, è una delle Bond Girl del film nonché nemica del protagonista James Bond.

Nel remake Mai dire mai del 1983, il nome del personaggio è stato cambiato in Fatima Blush nonostante il ruolo rimanga lo stesso del film originale. In questa versione è stata interpretata da Barbara Carrera.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Come assassina al servizio della SPECTRE, Fiona Volpe gioca il ruolo dell'amante del pilota della NATO Maggiore Francois Derval. Lo scopo è quello di rubare l'Avro 698 Vulcan, un bombardiere che equipaggia due bombe nucleari, armi con le quali la SPECTRE intende minacciare l'intero pianeta.

Organizza l'omicidio del maggiore Derval il quale, affinché venga compiuto il furto del bombaridere, viene sostituito da Angelo, un suo sosia. Inoltre, uccide - reo di aver ripetutamente fallito nel tentativo di eliminare James Bond -, durante un emozionante inseguimento (terminato il quale decide di distruggere il proprio veicolo per depistare i sospetti di Bond) Count Lippe distruggendo la sua automobile per mezzo di un missile lanciato dalla sua motocicletta.

L'incontro tra i due avviene a Nassau dove Bond si trova costretto a fare l'autostop. Fiona Volpe accetta di riportarlo in albergo - dove anche lei alloggia - dando prova di una guida spericolata. Più tardi, catturerà Paula Caplan, agente dei servizi segreti britannici e alleata di Bond, tentando - senza successo, dal momento che la Caplan si ucciderà assumendo tempestivamente del cianuro - di estorcerle delle confessioni. Subito dopo questo fallimento prepara un agguato a Bond: facendosi trovare nella vasca da bagno della sua camera d'albergo lo seduce e trascorrono una notte d'amore dopo la quale però lei si vanta di non essersi fatta incantare da Bond e quindi indotta da lui a passare dalla sua parte.

« Fiona Volpe: Che colpo dev'essere per lei aver fatto fiasco
James Bond: Beh, non si può mica vincere sempre[1] »

Bond viene così catturato e Fiona rivelerà la sua reale identità - anche se questa non costituisce una sorpresa per l'agente segreto che l'aveva notata indossare lo stesso anello di Emilio Largo - e verrà scortato da due sicari del capo. Prima però di essere condotto dal cattivo, riesce a liberarsi nascondendosi tra la folla di una festa popolare. Rifugiatosi al Kiss Kiss Club viene nuovamente identificato a ballare con una sconosciuta; Fiona Volpe gli si avvicina facendo allontanare la donna. Bond e Fiona iniziano a ballare un lento. Nel frattempo, uno dei due sicari, da dietro una tenda, punta la pistola contro Bond il quale finge di non accorgersene, ma nel momento dello sparo frappone il corpo di Fiona alla direzione della traiettoria del proiettile. Fiona Volpe così muore e il suo corpo viene accasciato, senza suscitare sospetti, dolcemente su una sedia.

In Mai dire mai[modifica | modifica wikitesto]

Nel film rivale della serie originale, Mai dire mai, il personaggio, interpretato dall'attrice nicaraguense Barbara Carrera, è una psicopatica killer di nome Fatima Blush, affiliata all'organizzazione criminale della SPECTRE.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scambio di battute nel momento in cui Fiona Volpe cattura James Bond

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

James Bond Portale James Bond: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di James Bond