Secret Intelligence Service

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Secret Intelligence Service
Descrizione generale
Attivo 1909
Nazione Regno Unito Regno Unito
Tipo Servizio segreto
Ruolo Servizio di controspionaggio per l'estero
Sede Londra - Vauxhall Cross
Soprannome MI6
SIS
Sito internet http://www.sis.gov.uk/
Comandanti
Direttore Alex Younger

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il Secret Intelligence Service (SIS) è l'agenzia di spionaggio per l'estero della Gran Bretagna. È più comunemente noto con il nome di MI6 (Military Intelligence, Sezione 6). . Dipende dal Foreign Office ed è sotto la formale direzione del Joint Intelligence Committee (JIC).

La sede del SIS a Vauxhall Cross, Londra, vista dal Vauxhall Bridge.

L'insegna del SIS era un tempo costituita da una C in verde (il primo direttore firmava tutti i documenti ufficiali con inchiostro verde) con un'immagine di un cervello all'interno di essa, e con le parole Semper Occultus.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stato fondato nel 1909 come sezione esteri del Secret Service Bureau. Il suo primo direttore è stato il capitano Sir George Mansfield Smith-Cumming, che prese per primo il nome in codice C (dalle iniziali del cognome) che distinguerà tutti i direttori del servizio succedutigli.

Prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

I primi significativi test avvennero durante la Prima guerra mondiale, come sezione 6 dedicata allo spionaggio del Military Intelligence, durante la quale l'organizzazione ottenne successi alterni, soprattutto di intelligence militare e commerciale; non riuscì però a penetrare in Germania.

Primo dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la prima guerra mondiale, il MI 6 venne gradualmente ridotto, ed una parte del suo controllo venne assegnata ai suoi usufruitori, come il War Office (l'allora ministero della guerra per le truppe terrestri) e l'Admiralty (l'allora ministero della Marina), attraverso l'assegnazione di legami di consumo o sezioni 'circolari'. Le Sezioni Circolari fissavano i requisiti per le sezioni del 'gruppo' operativo, e poi trasmettevano ai propri ministeri il risultato del lavoro MI6. Questo sistema di relazione venne chiamato "il sistema del 1921", e costituì la struttura interna di fondo dell'agenzia che, in modo prevalente, è stata adottata e rimane adottata fino ai giorni odierni.

Il MI6 nel 1922 fu reso autonomo dal Military Intelligence e dagli anni venti come Secret Intelligence Service iniziò ad operare principalmente attraverso un sistema di cooperazione, a volte non gradita o non voluta, con il servizio diplomatico, sotto l'egida del Foreign Office. In molte ambasciate fu creato l'incarico di "Responsabile del controllo dei passaporti" (Passport Control Officer), che nei fatti era il capo del Secret Intelligence Service in quella nazione. Questo incarico diede agli agenti del SIS un certo grado di copertura e l'immunità diplomatica, ma il sistema probabilmente durò troppo e divenne un segreto di pulcinella fin dagli anni trenta. Negli anni dell'immediato primo dopoguerra, e per la maggior parte degli anni venti, il SIS si occupò del Comunismo, e in particolare del Partito Comunista dell'Unione Sovietica.

Sidney Reilly venne strettamente ricollegato al SIS dopo la sua cattura, e il SIS favorì e appoggiò il suo tentativo (insieme a quello di Boris Savinkov) di far cadere il regime comunista, oltre a dirigere iniziative spionistiche più convenzionali contro la Russia.

Cumming morì (nel suo ufficio) nel 1923, e venne sostituito come "C" dall'ammiraglio Sir Hugh 'Quex' Sinclair, che pur mancando dello stesso carisma del suo predecessore, fu probabilmente il primo C ad avere una visione coerente per il futuro dell'agenzia. Sotto la sua guida vennero sviluppate un'ampia gamma di nuove funzioni.

Bletchley Park, sede dell'unità crittografia dell'MI6

Nel maggio 1938 l'ammiraglio Hugh Sinclair acquistò Bletchley Park e i 581 acri (2 351 223,58 ) di terreno per gli scopi militari del GC&CS e del SIS.[1]. Vi installò l'unità principale di crittoanalisi del servizio, con la sede della Scuola governativa di codici e cifrazione (Government Code and Cypher School (GC&CS)).

Seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Durante la seconda guerra mondiale il vasto sistema di "doppio gioco", fu gestito soprattutto dall'MI5, delegato al controspionaggio, che nutrì di notizie fuorvianti gli agenti tedeschi. I tentativi del SIS di creare una rete in Germania invece fallirono ad opera dell'Abwehr.

Il maggior successo dell'MI6, guidato dal 1939 da Stewart Menzies, fu il decrittaggio del codice Enigma tedesco, tramite Ultra. Menzies, promosso maggior generale, guidò il servizio fino al 1952.

Secondo dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Il tunnel a Berlino dell'Operazione Gold.

Nel dopoguerra le attività dal SIS si sono concentrate, negli anni della guerra fredda, verso i paesi del blocco sovietico. Ma le Operazioni SIS contro l'URSS sono state ampiamente compromesse dal fatto che la sezione controspionaggio, "R5", fu diretto per due anni da un agente che lavorava per l'Unione Sovietica, Harold Adrian Russell Philby. Di rilievo fu l'operazione Gold del 1956, un'operazione congiunta con la CIA per attingere alle comunicazioni della sede dell'esercito sovietico a Berlino utilizzando un tunnel di 300 m fino alla zona occupata dai russi.

La caduta del muro di Berlino e la fine della guerra fredda ha portato a un rimpasto di priorità esistenti verso la lotta al terrorismo internazionale. A metà degli anni 1990 la comunità dell'intelligence britannico è stato sottoposta a una revisione globale dei costi da parte del governo, con una riduzione dei costi interno al 25%, salvo poi riaccrescere dopo gli attentati dell'11 settembre 2001.

L'esistenza del SIS non è stata pubblicamente riconosciuta dal governo britannico fino al 1994. La sua sede, dal 1995, è a Vauxhall Cross, sulla riva sud del Tamigi.

Sir John Sawers divenuto capo del SIS nel novembre 2009, è stato il primo esterno a capo del SIS in più di 40 anni. Sawers proveniva infatti dalla carriera diplomatica, essendo stato il rappresentante permanente britannico alle Nazioni Unite. Alla fine del 2010, il capo del SIS ha tenuto quello che è stato il primo discorso pubblico di un direttore dell'agenzia nella sua storia di 101 anni.

Direttori del SIS[modifica | modifica wikitesto]

Cinematografia[modifica | modifica wikitesto]

James Bond è certamente il più famoso agente segreto cinematografico ad essere alle dipendenze dell'MI6. Tra gli altri degni di nota troviamo il personaggio letterario e cinematografico George Smiley, creato da John Le Carré.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

In televisione l'S.I.S. è stato più volte immortalato, per esempio in produzioni comiche come La vita segretissima di Edgar Briggs.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Tra le personalità che hanno lavorato nel SIS si ricordano gli scrittori: Ian Fleming, il creatore di James Bond 007 (durante la seconda guerra mondiale nel Military Intelligence, uscitone poi con il grado di Comandante); Graham Greene, nei primi anni della guerra fredda; John Le Carrè, al secolo David Cornwell, nel periodo in cui lavorava come funzionario all'Ambasciata Britannica a Bonn. La sua carriera all'interno dell'agenzia fu stroncata dalle rivelazioni della spia sovietica Harold "Kim" Philby; il matematico Alan Turing lavorò a stretto contatto con l'MI6, al termine della seconda guerra mondiale, in particolar modo sviando gli Stati Uniti dalla verità, che cioè lui e i suoi collaboratori avevano decriptato Enigma[2].
Una curiosità riguarda anche il modo in cui MI6 è stato pronunciato al cinema in Italia: nei primi film di James Bond, quelli interpretati da Sean Connery, la sigla viene citata scandendo lettere e numero all'italiana (emme-i-sei), mentre negli ultimi tempi, anche in pellicole non di 007 come Duplicity (2008), la pronuncia è all'inglese (em-ai-sics).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Morrison, pp. 102–103
  2. ^ David Cox, The Guardian, the Guardian, 28 Novembre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN145348836 · LCCN: (ENn81138322 · ISNI: (EN0000 0001 2177 6244 · GND: (DE4218045-4 · BNF: (FRcb12050034s (data)
Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito