Area metropolitana di Genova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

.

L'area metropolitana di Genova, a volte anche definita come "Area metropolitana Centrale Ligure" (o "Area metropolitana della Liguria Centrale"), è costituita da un vasto territorio che si affaccia sul Mar Ligure e che vanta un retroterra tributario ad alcune aree padane.[1][2] Secondo alcuni istituti statistici, come indicato nel rapporto ufficiale di CityRailways, l'agglomerato urbano genovese occupa una superficie di 551,36 km² e ospita 800.709 abitanti[3][4], mentre l'intera area metropolitana si estende su una superficie complessiva di 4.164,60 km² e conta una popolazione di 1.541.714 abitanti[3].

L'intera area fa da cornice a ciò che viene istituzionalmente definita "Città Metropolitana di Genova", corrispondente ad una porzione di territorio in cui forti sono elementi di continuità, urbana e non, nonché di interazione sociale e economica tra alcuni comuni della Liguria ed il capoluogo stesso. Non ancora ufficialmente istituita, dovrebbe coincidere con il territorio della sopprimenda Provincia di Genova. Sebbene non esista un legame giuridico e amministrativo, di notevole impatto per l'Area Metropolitana di Genova è anche la sinergia di natura logistica, sociale, economica e culturale con i territori della porzione orientale della Provincia di Savona e della parte meridionale della Provincia di Alessandria, in particolare l'Oltregiogo[5][6][7][8][9][10][11][12][13].

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Visione aerea del Parco di Portofino

Per convenzione, malgrado i confini saranno molto probabilmente limitati all'ex Provincia di Genova, l'area metropolitana si estende nella fascia costiera che va dall'area urbana di Savona ad ovest, al Tigullio ad est e alle aree padane dell'Oltregiogo a nord[5].

La fascia costiera è quasi interamente urbanizzata ad eccezione del Parco naturale regionale di Portofino, mentre l'hinterland si estende alle spalle dell'Appennino Ligure, la cui sommità è raggiunta dal Monte Maggiorasca con i suoi 1.809 m. Lungo i rilievi sono state istituite diverse aree protette come il Parco naturale regionale del Beigua, il Parco naturale regionale dell'Antola, il Parco naturale regionale dell'Aveto. Fuori dai confini amministrativi si citano il Parco naturale regionale di Bric Tana, il Parco naturale regionale di Piana Crixia e il Parco Naturale Capanne di Marcarolo.

I principali corsi d'acqua sono: il Leira, il Polcevera, il Bisagno, l'Entella ed il Petronio che sfociano nel Mar Ligure; lo Stura, l'Orba, lo Scrivia ed il Trebbia che sono subaffluenti del Po. Numerosi sono i piccoli laghi appenninici, molti dei quali artificiali. Uno dei più rilevanti è il Lago del Brugneto. Fuori dai confini meritano una citazione il Letimbro e soprattutto la Bormida nel ponente mentre a nord il Lemme.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Ingresso al porto turistico di Savona

Genova e la sua area metropolitana rappresentano il principale sito portuale italiano[14], uno dei tre vertici del triangolo industriale Milano-Genova-Torino, la quinta città italiana per movimento economico[15], ed uno dei poli nazionali più importanti per quanto riguarda il settore scientifico e tecnologico[16][17].

Il territorio ha un'economia prevalentemente basata sull'attività portuale e sulla logistica delle merci che giungono negli scali marittimi di Genova e Savona. I due porti industriali, ed in particolar modo i bacini di Vado Ligure e Voltri costituiscono sia nella loro singolarità sia come sistema uno dei principali porti del Mar Mediterraneo, in competizione con Marsiglia, Valencia e Barcellona. Nel suo hinterland sono presenti diverse aziende che gestiscono aree di deposito, smistamento e lavorazione dei prodotti sbarcati, tra cui la Retroporto di Alessandria s.p.a. compartecipata dallo stesso Comune di Genova[18] e l'Interporto di Rivalta Scrivia s.p.a a Tortona[19].

Le aree genovese e savonese sono storicamente contraddistinte da attività industriali cantieristiche, siderurgiche, metallurgiche, chimiche, petrolchimiche, di produzione di energia ed edilizie, sebbene negli ultimi anni sia iniziata una vera e propria riconversione industriale. Fra le principali aziende ci sono Fincantieri, Ansaldo Energia, Ansaldo STS, Alenia Sistemi Industriali, Erg, Erg Petroli, Ferrania, Whitehead Alenia Sistemi Subacquei, Orizzonte Sistemi Navali, Costa Crociere, Grandi Navi Veloci, Piaggio Aero Industries, Tirreno Power e Raffinerie Iplom. Storiche sono le produzioni manifatturiere di sapone[20], e di ceramiche[21]. Tutt'oggi è attiva l'industria estrattiva dell'ardesia[22].

Il porto di Sampierdarena in fase di ultimazione

Importante è la produzione alimentare e dolciaria, costituita da un consistente numero di piccole-medie aziende, tra le quali spicca il gruppo Elah Dufour, alla quale appartiene anche la Novi, con centri produttivi a Novi Ligure, e lo storico marchio torinese Baratti & Milano.

Prodotti rinomati dell'intera zona sono pasta (trofie, trofiette, linguine, trenette, bavette, ravioli di borragine, pansotti, lasagne alla ligure, ecc.), basilico, pesto, salsa di noci, olio, vini (tra cui famosi quelli del Tigullio), e specialità dolciarie come il pandolce, pasticceria secca, baci di dama e della riviera, canestrelli e amaretti di Sassello.

Completano la panoramica delle attività economiche più considerevoli aziende del terzo settore come il quotidiano Il Secolo XIX, il gruppo bancario e assicurativo Carige, l'Istituto Giannina Gaslini polo d'eccellenza nella sanità pediatrica, l'Istituto Italiano di Tecnologia, ed i centri di ricerca Siemens, Microsoft, Ericsson ed Alcatel. Grande impatto sull'economia ha il turismo, che punta su località balneari del Genovesato come Varazze e Camogli e del Tigullio come Portofino, Santa Margherita Ligure, Rapallo e Sestri Levante. Notevole è il flusso turistico che si registra in città per il suo patrimonio artistico e per il suo ricco sistema museale, culturale e fieristico[17][23][24][25][26][26][27]. L'Acquario di Genova risulta oggi il sesto museo più visitato in Italia ed il primo nell'ambito dei musei scientifici, seguito da La Città dei Bambini e dei Ragazzi all'ottavo posto e dal Galata Museo del Mare al nono, su scala nazionale[28].

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Principali arterie viarie[modifica | modifica sorgente]

Un tratto della sopraelevata Aldo Moro di Genova
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sistema viario di Genova e Gronda di Genova.

Una di queste inizia diramandosi dal casello autostradale di Genova Ovest e termina riallacciandosi al casello di Genova Nervi, e risulta costituito da una strada di scorrimento (Sopraelevata A. Moro) veloce collegata da un ampio raccordo (Viale Brigate) ad una strada pedemontana (C.so Europa).

Mobilità metropolitana[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sistemi ettometrici di Genova.
La ferrovia a Cremagliera Principe-Granarolo.
  • Ferrovia suburbana Savona-Genova-Sestri Levante (gestita da Trenitalia)
  • Ferrovia suburbana Genova-Arquata Scrivia-Novi Ligure (gestita da Trenitalia)
  • Ferrovia suburbana Genova-Ovada-Acqui Terme (gestita da Trenitalia)
  • Ferrovia a scartamento ridotto Genova-Casella (gestita da AMT)
  • Linea Metropolitana (gestita da AMT)
  • Ferrovia a Cremagliera "Granarolo" (gestita da AMT)
  • Funicolare "Zecca-Righi" (gestito da AMT)
  • Funicolare "Sant'Anna" (gestito da AMT)
  • Navebus "Pegli-Porto Antico" (gestito da AMT)
  • Navetta "Genova-Camogli" (gestito da Alimar)
  • Navetta "Genova-Portofino" (gestito da Alimar)

Autostrade[modifica | modifica sorgente]

Linee marittime[modifica | modifica sorgente]

Dai porti di Genova, e fuori dal confine amministrativo dal porto di Savona, è possibile raggiungere numerose destinazioni del Mediterraneo, sui tracciati delle cosiddette Autostrade del Mare. Di importanza storica è la Stazione marittima Ponte dei Mille.

Aeroporti[modifica | modifica sorgente]

Il maggiore è l'Aeroporto Internazionale Cristoforo Colombo situato a Genova-Sestri Ponente a circa solo 6 km dal centro città. Nell'area metropolitana sono presenti numerosi eliporti e un'aviosuperfice nella Val Fontanabuona.

Composizione della città metropolitana[modifica | modifica sorgente]

L'area comprende, oltre alla città omonima, altri 66 comuni limitrofi.

Provincia Comune Superficie
(in km²)
Popolazione(1)
Liguria
Provincia di Genova Genova 243,60 611.683
Arenzano 24,57 11.655
Avegno 11 2.363
Bargagli 16,3 2.785
Bogliasco 4,4 4.592
Busalla 17,12 5.948
Camogli 9,9 5.662
Campoligure 23,8 3.079
Campomorone 26,2 7.508
Casella 7,8 3.281
Ceranesi 30,9 3.955
Cogoleto 20,36 9.200
Davagna 22,1 1.918
Isola del Cantone 47,80 1.543
Masone 29,82 3.880
Mele 16,94 2.689
Mignanego 18,4 3.701
Pieve Ligure 3,40 2.501
Recco 9,67 10.317
Ronco Scrivia 30,50 4.522
Rossiglione 47,2 2.849
Sant'Olcese 21,9 5.967
Savignone 21,7 3.201
Serra Riccò 26,17 7.972
Sori 13,1 4.313
Tiglieto 24,5 619
Uscio 9,6 2.404
Crocefieschi 11,6 582
Montoggio 46,4 2.101
Torriglia 60,1 2.404
Fascia 11,49 110
Fontanigorda 16,6 301
Gorreto 18,5 124
Montebruno 17,5 239
Propata 16,8 160
Rondanina 12,7 81
Rovegno 42,5 577
Valbrevenna 35,2 791
Vobbia 33,2 469
Lumarzo 25,5 1.587
...da completare... ... ...
TOTALE 1.118,58 750.865
  • (1) - Dati ISTAT relativi a fine periodo di giugno 2008 [1]

I comprensori che per contiguità territoriali, condizione economica e demografica nonché conformazione orografica possono essere individuati in numero pari a tredici:

- a "ovest" il Ponente Cittadino, la Riviera del Beigua e le Valli Stura e Orba

- a "nord ovest" la Val Polcevera e la Valle Scrivia

- l'area centrale

- a "nord est" la Val Bisagno e la Val Trebbia

- a "est" il Levante Cittadino e il Golfo Paradiso

- all'"estremo est" il Tigullio, le valli Tigulline e la Val d'Aveto.

Altre definizioni[modifica | modifica sorgente]

Area centrale ligure[modifica | modifica sorgente]

Il Piano territoriale di coordinamento regionale, approvato con Decreto del Consiglio regionale della Liguria n.95/1992, rivisto e complementato dal Decreto del Consiglio regionale n.14 dell'11 febbraio 1997 e dal Decreto del Presidente della Giunta Regionale n.44/2000, definisce un'altra entità territoriale chiamata Area Centrale Ligure[29].

Quest'area che si estende dalla conurbazione savonese e dai centri altovalbormidesi, sino alle aree del basso Tigullio, conta circa 1.200.000 abitanti, su una superficie di circa 2.600 km² ed è divisa in tre ambiti territoriali[30]:

  • Area Savonese e Val Bormida;
  • Genovesato;
  • Golfo del Tigullio ed entroterra

In una visione ancor più estesa è coinvolto anche l'entroterra naturale di questo territorio, vale a dire l'Oltregiogo e il comprensorio di Acqui Terme, fino ad arrivare complessivi circa 4.200 km² e quasi 1,5 milioni di abitanti. [senza fonte]

Sistema lineare ligure[modifica | modifica sorgente]

Il Rapporto Censis 2008 individua la conurbazione costiera chiamata Sistema lineare ligure, inclusa nel gruppo delle piccole aree metropolitane, avente una popolazione di 1.231.881 abitanti e 1.294,3 km² di estensione[31].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Comune di Genova
  2. ^ L'Oltregiogo e la Legge Rattazzi
  3. ^ a b Powered by Google Documenti
  4. ^ Carreras i Quilis
  5. ^ a b Metrogenova.com - Sviluppi FS
  6. ^ IM24-R_linee_TERZO-VALICO
  7. ^ Sito Ufficiale della Regione Piemonte: Piemonte Informa
  8. ^ Genova, porti: il Comune entra in retroporto Alessandria Spa | Genova24.it
  9. ^ Slala - Il Sistema Logistico del Nord Ovest d'Italia - North West Italy Logistic System
  10. ^ Convenzione tra Terme di Acqui e Università di Genova
  11. ^ Powered by Google Documenti
  12. ^ TRAIL - Portale nazionale delle infrastrutture di trasporto e logistica del sistema camerale
  13. ^ TRAIL - il portale della mobilità e dei trasporti in Liguria
  14. ^ Il Porto di Genova
  15. ^ Perché Genova
  16. ^ ISTITUTO ITALIANO DI TECNOLOGIA (I.I.T.) | Genova Città Digitale
  17. ^ a b Festival della Scienza
  18. ^ Porti: Comune Genova entra in Retroporto Alessandria spa | ASSOPORTI
  19. ^ www.rivaltalogistica.com/
  20. ^ Storia del Sapone
  21. ^ la ceramica di Albisola
  22. ^ Cave Di Ardesia
  23. ^ 52º Salone Nautico Internazionale di Genova | Salone Nautico 2012
  24. ^ Euroflora 2011 - fiera florovivaistica - esposizione piante e fiori
  25. ^ Slow Fish 2011 | La specie in più: i pescatori | Slow Food e Regione Liguria
  26. ^ a b www.cittadeibambini.net/
  27. ^ www.irolli.it/genova_unesco/UN/patrimonio_umanita.html
  28. ^ Powered by Google Documenti
  29. ^ Regione Liguria - Ptc insediamenti produttivi dell'area centrale ligure. URL consultato il 09-11-2009.
  30. ^ lo sviluppo del Ptc per gli insediamenti produttivi dell'area centrale ligure. URL consultato il 09-11-2009.
  31. ^ Rapporto Censis 2008. URL consultato il 09-11-2009. Paragrafo "Convivere nelle mega cities", pag. 21, 22, 23 e 24.