Ericsson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ericsson
Logo
Stato Svezia Svezia
Tipo public company
Borse valori NASDAQ: ERIC
OMXERIC B
Fondazione 1876 a Stoccolma
Fondata da Lars Magnus Ericsson
Sede principale Kista, Stoccolma
Persone chiave
Settore telecomunicazioni
Prodotti Telefonia mobile e fissa, tecnologia
Fatturato Green Arrow Up.svg 227,77 miliardi SEK[1] (2012)
Risultato operativo Red Arrow Down.svg 10,45 miliardi SEK[1] (2012)
Utile netto Red Arrow Down.svg 5,77 miliardi SEK[1] (2012)
Dipendenti 113.989[2] (2013)
Slogan «Taking You Forward»
Sito web www.ericsson.com
Vecchio logo
Un antico telefono della Ericsson conservato nel Birmingham Science Museum a Nottingham.

Ericsson (Telefonaktiebolaget LM Ericsson) NASDAQ: ERIC è un'azienda svedese operante nella produzione di telefoni cellulari, fondata nel 1876 come negozio di riparazione di telegrafi da Lars Magnus Ericsson.

La filiale italiana è Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. e ha quattro sedi: Roma, Pagani, Genova e Milano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 la Ericsson ha messo in atto una trasformazione organizzativa passando dalle 23 tradizionali market unit a 10 macro regioni. Nunzio Mirtillo è responsabile della Regione Mediterranea (RMED) che comprende, oltre all'Italia, anche i paesi del Nord Africa, Portogallo, Spagna, Francia, Balcani e Israele.

A seguito di un accordo con la Sony, dal 2003 la produzione di telefoni cellulari è stata realizzata dalla joint venture Sony Ericsson. Era guidata a livello globale dal direttore Tibor Wagner. Cesare Avenia era il presidente della filiale italiana.

La Sony Ericsson si è sciolta alla fine del 2011 in seguito all'acquisizione di tutte le quote detenute da Ericsson da parte di Sony Mobile Communications.

Consiglio di Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Presidente e Amministratore Delegato: Cesare Avenia, Direttore Generale: Nunzio Mirtillo, Legale Rappresentante: Maurizio Ghergo. Leadership Team di RMED: Nunzio Mirtillo (Head of Region Mediterranean), Jens Lööw (Head of Finance), Fernanda Tomas (Head of Human R.& O.), Doris Sdogati (Head of Communications), Mikael Backstrom (Head of Engagement Practices), Ingemar Naeve (Head of Customer Unit Iberia), Jose Antonio Lopez (Head of CGU Telefonica), Alvise Carlon (Head of Customer Unit H3G Italy), Maurizio De Dominicis (Head of Customer Unit North Balkans), Alessandro Francolini (Head of GCU Telecom Italia), Rachid Chiahni (Head of Customer), Spyros Nikolaou (Head of Customer Unit Israel & GCU AM), Frank Bouetard (Head of Customer Unit France & GCU France Telecom), Stefan Andersson (Head of Commercial Management), Clara Pelaez (Head of Marketing & Strategy), Federico Rigoni (Head of Customer Unit Italy & Libya), Paolo Lazzaro (Head of Operations).

Altri soggetti incaricati della direzione tecnica in Operations RMED: Andrea Mondo (Head Operations Italy & Libya), Nello Califano (Head Competence Center), Andrea Fidone (Project Mgnt Office), Vincenzo Fontana (MSIP H3G).

Presidente e amministratore delegato[modifica | modifica wikitesto]

A livello globale la multinazionale svedese è guidata da Hans Vestberg.

Telefoni cellulari prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2003 i telefoni cellulari sono prodotti col marchio Sony-Ericsson, segue un elenco dei telefoni prodotti col marchio Ericsson:

  • Ericsson A1018s
  • Ericsson A2618
  • Ericsson A2628
  • Ericsson A3618
  • Ericsson GA 318
  • Ericsson GA 628
  • Ericsson GF 337
  • Ericsson GF 388
  • Ericsson GF 768
  • Ericsson GF 788
  • Ericsson GF 788e
  • Ericsson GH 218
  • Ericsson GH 337
  • Ericsson GH 388
  • Ericsson GH 688
  • Ericsson GO 118
  • Ericsson GS 18
  • Ericsson GS 337
  • Ericsson EH 237
  • Ericsson EH 238
  • Ericsson I 888
  • Ericsson PF 768
  • Ericsson R250s PRO
  • Ericsson R310s
  • Ericsson R320
  • Ericsson R380
  • Ericsson R520m
  • Ericsson R600
  • Ericsson S 868
  • Ericsson SH 888
  • Ericsson T10s
  • Ericsson T18s
  • Ericsson T20e
  • Ericsson T20s
  • Ericsson T28 World
  • Ericsson T28s
  • Ericsson T29s
  • Ericsson T36
  • Ericsson T39
  • Ericsson T65
  • Ericsson T66
  • Ericsson T68

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]