Skandinaviska Enskilda Banken

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Skandinaviska Enskilda Banken AB
Logo
Stato Svezia Svezia
Tipo Società per azioni
Borse valori OMXSEB A
ISIN SE0000148884
Fondazione 1972 a Stoccolma
Sede principale Stoccolma
Persone chiave
Settore Servizi finanziari
Fatturato 33,88 miliardi SEK[1] (2010)
Margine d'intermed. 11,11 miliardi SEK[1] (2010)
Utile netto 6,745 miliardi SEK[1] (2010)
Dipendenti 19.220 (FTE)[1] (2010)
Sito web

La Skandinaviska Enskilda Banken AB (spesso abbreviata in SEB) è un gruppo finanziario svedese con sede a Stoccolma. Fu fondata dalla nota famiglia Wallenberg, che tuttora la controlla.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Stockholms Enskilda Bank[modifica | modifica wikitesto]

André Oscar Wallenberg (1816–86)

La Stockholms Enskilda Bank, abbreviata Enskilda banken o SEB, venne fondata nel 1856 da André Oscar Wallenberg e fu la prima banca privata di Stoccolma.

La Stockholms Enskilda Bank fu gestita per generazioni dalla famiglia Wallenberg, la quale grazie alla Banca si costruì una posizione unica nell'economia svedese.

Sin dall'inizio la Stockholms Enskilda Bank fece credito soprattutto all'industria, e rapidamente furono introdotti gli assegni circolari per semplificare i pagamenti. Verso la fine dell'Ottocento la Stockholms Enskilda Bank svolse un ruolo attivo nella edilizia industriale, sia come finanziatrice che come promotrice. La Banca sottoscrisse o partecipò in emissioni obbligazionarie dello stato, dei comuni, delle industrie e delle compagnie ferroviarie.

Nel 1857 la Stockholms Enskilda Bank iniziò ad assumere personale femminile, e rivendica di essere stata la prima banca nel mondo a farlo[2].

Come molte altre banche private svedesi, la Stockholms Enskilda Bank aveva il diritto di stampare cartamoneta. Il diritto fu revocato nel 1902.

Nel 1912 la Stockholms Enskilda Bank fu uno dei membri fondatori della British Bank of Northern Commerce, che era specializzata nei servizi al commercio fra Gran Bretagna e Scandinavia. Nel 1920 la British Bank si fuse con la C.J. Hamros & Son per dare vita alla Hambros Bank, di cui la Stockholms Enskilda era azionista.

Alla fine degli anni Venti la recessione investì anche l'Europa, in Svezia la Grande depressione raggiunse il culmine con il suicidio dell'imprenditore Ivar Kreuger a Parigi nel 1932. Jacob Wallenberg era un membro del Comitato Internazionale Kreuger, che doveva tutelare gli interessi degli obbligazionisti.

Prima e durante la seconda guerra mondiale il governo svedese si avvalse dei vertici della Banca per svolgere negoziati con la Germania, la Gran Bretagna, gli Stati Uniti d'America e la Finlandia.

Durante la Guerra, nel periodo 1939–1941, alcune filiali del gruppo tedesco Bosch nei paesi nemici della Germania furono trasferite alla Stockholms Enskilda Bank sotto la condizione che le stesse sarebbero state riscattate dalla Bosch dopo la Guerra. Un negozio di questo tipo riguardò anche la American Bosch Corporation: il governo americano considerò l'acquisizione illecita e la American Bosch Corporation propretà nemica, con la conseguenza che confiscò la filiale nel 1943. Nel 1945, dopo la fine della Guerra, la Banca e i fratelli Wallenberg furono nuovamente accusati di collaborazionismo con i Nazisti, e il governo americano impose un embargo sulla Stockholms Enskilda Bank. L' embargo fu revocato nel 1947.

Dopo la Guerra, nel 1946, fu concluso il primo contratto collettivo per impiegati di una banca commerciale, e nel 1949 furono istituiti consigli misti di rappresentanti dei dirigenti e degli impiegati. Nel 1953 la Stockholms Enskilda Bank cominciò ad usare dei buses come agenzie bancarie semoventi. La modernizzazione della Banca comprese anche l'introduzione delle macchine meccanografiche. Negli anni Cinquanta la Banca cominciò a pagare gli assegni degli altri istituti.

Durante gli anni Sessanta la Stockholms Enskilda Bank divenne in larga misura una banca per le industrie, cui andava metà dei finanziamenti. Intanto venivano aperte nuove filiali per conquistare il risparmio delle famiglie. Alla fine del decennio le agenzie erano 52.

La Skandinaviska Enskilda Banken[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1972, per rispondere alla concorrenza agguerrita degli operatori finanziari internazionali, le due piccole banche svedesi Stockholms Enskilda Bank e Skandinaviska Banken (entrambe fondate intorno alla metà del secolo precedente) decisero di fondersi per creare la SEB.

Attualmente la SEB serve oltre 400.000 aziende e istituzioni e più di 5 milioni di clienti nei paesi del nord Europa. Possiede quindi diverse filiali in stati esteri, fra cui l'Estonia, la Polonia, l'Ucraina, la Lettonia, la Russia e il Lussemburgo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Annual Results 2010 (PDF), SEB. URL consultato il 10 luglio 2011.
  2. ^ In proposito si vedano lavori accademici come Ulf Olsson (1997), così come le relazioni annuali della Società. In rete si veda: The Wallenberg Foundation on employment reform in 1857

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN132524225 · LCCN: (ENn80119864 · ISNI: (EN0000 0004 0623 9135 · NLA: (EN35503121
Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende