Siouxsie Sioux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Siouxsie Sioux
Siouxsie Sioux nel 1980
Siouxsie Sioux nel 1980
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Genere Post-punk
New wave
Gothic rock
Alternative rock
Periodo di attività 1978 – in attività
Etichetta Universal Records
Gruppi Siouxsie and the Banshees
The Creatures
Album pubblicati 18 (Siouxsie & the Banshees)
8 (The Creatures)
1 (solista)
Studio 11 (Siouxsie & the Banshees)
4 (The Creatures)
1 (solista)
Live 3 (Siouxsie & the Banshees)
2 (The Creatures)
Raccolte 4 (Siouxsie & the Banshees)
2 (The Creatures)
Sito web

Susan Janet Ballion, nota come Siouxsie Sioux[1] (Londra, 27 maggio 1957), è una cantante inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ultima di tre figli di Betty, segretaria, e di un batteriologo veterinario venuti dal Congo Belga e ora residenti a Chislehurst.[2] Poco dopo la perdita del padre, la Ballion sopravvive a una rettocolite ulcerosa all'età di 14 anni.[3] I due eventi influenzeranno la sua adolescenza, portandola a chiudersi in sé e a immergersi nella musica alternativa di David Bowie, Lou Reed, Marc Bolan, Bryan Ferry e Iggy Pop.[4] Presto comincia a frequentare l'ambiente musicale underground, allora caratterizzato da una forte vena glam.

All'età di 17 anni lascia la scuola e comincia a frequentare locali gay di Londra.[3] Nel novembre del 1975 assiste a un concerto dei Sex Pistols, gruppo capostipite della corrente punk 77 che presto comincerà a seguire regolarmente insieme all'amico Steven Severin e altri fan, divenuti noti come "Bromley Contingent".[3] La Ballion, già conosciuta come "Siouxsie", cominciò a farsi notare per via del look eccentrico in "stile fetish" con trucco pesante e abiti rigorosamente neri.[4] Insieme a Severin forma il gruppo Siouxsie and the Banshees, il cui primo concerto, tenutosi ad un evento organizzato da Malcolm McLaren, consisterà in una sorta di lunga poesia accompagnata da un sottofondo musicale improvvisato. Il gruppo non era effettivamente in grado di suonare alcun brano.[5]

Nel 1976 partecipa insieme ai Sex Pistols al programma televisivo Today condotto da Bill Grundy in fascia oraria protetta pre-serale sul canale locale londinese Thames Television. L'episodio darà scandalo su scala nazionale per via del linguaggio osceno tenuto dagli ospiti nei confronti del conduttore (che li incalzava in tali atteggiamenti), e da quel giorno vedrà la carriera di Grundy finita.[6][7] Per i Sex Pistols sarà un ottimo trampolino di lancio, mentre Siouxsie deciderà invece di dissociarsi dall'ambiente dei Pistols e concentrarsi sui suoi Banshees.[3]

Nel 1981 inizia un progetto parallelo insieme al batterista Budgie, The Creatures, col quale continuerà, seppur saltuariamente, fino al 2005.[3] I due si sposeranno nel 1991 e divorzieranno nel 2007.

Nel corso della sua carriera, Siouxsie avrà occasione di duettare con artisti come Morrissey e John Cale.[8]

Nel 2007 pubblica il suo primo album solista, MantaRay.

Nel giugno 2013, dopo cinque anni di assenza, darà due concerti al Royal Festival Hall.[9]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con Siouxsie and the Banshees[modifica | modifica wikitesto]

Album studio

Album live

Con The Creatures[modifica | modifica wikitesto]

Album studio

Album live

  • 1999 - Zulu (Sioux Records, CD) live a Londra, 1998
  • 2000 - Sequins in the Sun (Sioux Records, CD) live a Glastonbury, 1999
  • 2006 - Utrecht Tivoli 06/03/90 (Sioux Records, CD)

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Album

Singoli

  • 2007 - Into a Swan
  • 2007 - Here Comes That Day
  • 2008 - About to Happen

DVD

  • 2005 - Dreamshow (live a Londra, 2004)
  • 2009 - Finale: The Last Mantaray and More Show (live a Londra, 2008)

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pronuncia ˈsuːziː suː
  2. ^ Entranced : the Siouxsie and the Banshees Story, Brian Johns, Omnibus Press, 1989. ISBN 0-7119-1773-6
  3. ^ a b c d e Siouxsie & the Banshees: The Authorised Biography, Mark Paytress, Sanctuary, 2003. ISBN 1-86074-375-7
  4. ^ a b In at the Deep End, William Show, Word, 2005.
  5. ^ Jon Savage, Spin, giugno 1986, pag.66
  6. ^ NME.com
  7. ^ youtube.com
  8. ^ Martin Aston, Mojo Magazine, settembre 1998, p.22.
  9. ^ Siouxsie - Returns Only, southbankcentre.co.uk

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 61243173 LCCN: no2003107343