Horses

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Horses
Artista Patti Smith
Tipo album Studio
Pubblicazione novembre 1975
Durata 43 min : 10 s
Dischi 1
Tracce 10
Genere Hard rock
Punk rock
Proto-punk
Etichetta Arista Records
Produttore John Cale
Registrazione 1975
Patti Smith - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1976)
« Jesus died for somebody's sins but not mine

Melting in a pot of thieves wild card up my sleeve. Thick heart of stone, my sins my own they belong to me. Me »

(da Gloria)

Horses è il primo album della cantautrice statunitense Patti Smith, pubblicato nel 1975 per l'etichetta discografica Arista Records. È tuttora considerato da molti critici musicali una vera e propria pietra miliare nella storia del rock. Attraverso l'introduzione di un nuovo linguaggio artistico e musicale, apre la strada al nascente movimento punk, ed è tra l'altro ricordato come fonte di ispirazione da numerosi artisti, tra cui Michael Stipe. È stato inserito al 44º posto nella classifica 500 greatest albums of all time della rivista Rolling Stone.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Gloria - 5:53 - (P. Smith - V. Morrison) (Them Cover)
  2. Redondo Beach - 3:24 - (P. Smith - R. Sohl - L. Kaye)
  3. Birdland - 9:14 - (P. Smith - R. Sohl - L. Kaye - I. Kral)
  4. Free Money - 3:50 - (P. Smith - L. Kaye)
  5. Kimberly - 4:25 - (P. Smith - A. Lanier - I. Kral)
  6. Break It Up - 4:00 - (P. Smith - T. Verlane)
  7. Land: Horses / Land Of A Thousand Dances / La Mer(De) - 9:25 - (P. Smith - C. Kenner)
  8. Elegie - 2:41 - (P. Smith - A. Lanier)
  9. My Generation (bonus track sulla ristampa in CD) (P. Townsend) (The Who Cover)

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk