Simple Minds

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Simple Minds
I Simple minds dal vivo
I Simple minds dal vivo
Paese d'origine Scozia Scozia
Genere New wave
Post-punk
Pop rock
Alternative rock
Periodo di attività 1977in attività
Album pubblicati 31
Studio 15
Live 2
Raccolte 14
Sito web

I Simple Minds sono un gruppo musicale scozzese, considerati uno dei più rappresentativi e influenti degli anni ottanta e novanta. In oltre trent'anni di carriera hanno venduto circa 60 milioni di album.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Gli esordi[modifica | modifica sorgente]

Il gruppo viene fondato a Glasgow nel 1977, su iniziativa del cantante Jim Kerr e del chitarrista Charlie Burchill. I due, in precedenza, avevano per breve tempo costituito un gruppo post punk chiamato "Johnhy and the Self Abusers", che nel 1977 pubblicò il loro unico 7", Saints & Sinners. A loro si uniscono Derek Forbes al basso, Mick MacNeil alle tastiere e Brian McGee alla batteria. La scelta del nome fu inteso come omaggio al brano The Jean Genie di David Bowie («He's so simple-minded, he can't drive his module»).

L'album d'esordio, Life in a Day del 1979, si inserisce nel filone della musica elettronica post-punk, e risentiva in modo evidente dell'influenza di Bowie, dei Kraftwerk e dei Roxy Music. L'album ottiene un discreto successo, e la fama del gruppo continua a crescere con i successivi Real to Real Cacophony, del 1979, Empires and Dance del 1980 e Sons and Fascination/Sister Feelings Call del 1981. Il carisma di Kerr e le atmosfere dark delle esibizioni dal vivo contribuiscono in modo sostanziale alla popolarità del gruppo. Sarà Peter Gabriel a notarli soprattutto per il preziosissimo lavoro di Empires and Dance e a introdurli alla Virgin Records, oltre che a sceglierli come gruppo di supporto durante la sua tournée del 1980.

Dopo i primi tre album, il batterista Brian McGee lascia il gruppo, si alterneranno diverse figure prima di scegliere definitivamente, durante le registrazioni di New Gold Dream, l'afro-inglese Mel Gaynor.

La new wave e il successo internazionale[modifica | modifica sorgente]

Nel 1982 pubblicano l'album New Gold Dream (81, 82, 83, 84), prodotto da Peter Walsh, che costituisce un punto di svolta importante nella loro storia. L'album viene considerato come uno dei più rappresentativi del nascente movimento new wave. Brani come New Gold Dream e Someone, Somewhere (in Summertime) consacrarono il successo del gruppo sulla scena internazionale.

Altrettanto successo ottiene il successivo album Sparkle in the Rain del 1984, prodotto da Steve Lillywhite, già produttore degli U2, altro gruppo cult a cui i Simple Minds vengono frequentemente paragonati. Nella primavera del 1985 pubblicano il singolo Don't You (Forget About Me), scritto da Keith Forsey e incluso nella colonna sonora del film Breakfast Club. È il primo brano inciso dal gruppo a non essere stato scritto da uno dei componenti. Lo stesso pezzo verrà inciso anche da Billy Idol, che aveva in Forsey uno dei suoi più stretti collaboratori.

Successivamente il bassista Forbes lascia il gruppo, e nonostante ciò, il nuovo album Once Upon a Time del 1985, giunge in testa alle classifiche di vendita in gran parte del mondo; primo singolo estratto, uscito alla fine dell'estate poco prima dell'album, è Alive and Kicking, uno dei brani di maggior successo degli anni ottanta. Come batterista nel "Once upon a time live tour" partecipa Mel Gaynor (batterista inglese, classe 1960, ha collaborato fra gli altri con Tina Turner, Robert Palmer e anche in Italia con Mango).

L'impegno politico[modifica | modifica sorgente]

A metà degli anni ottanta, in gran parte per iniziativa di Kerr, i Simple Minds iniziano a impegnarsi pubblicamente in politica, sostenendo Amnesty International, e organizzando nel Regno Unito e negli Stati Uniti d'America grandi concerti contro il regime dell'apartheid sudafricano. Di questo periodo è l'album Street Fighting Years, che comprende tra gli altri il brano Mandela Day, in onore del leader anti-segregazionista Nelson Mandela.

Dagli anni novanta ai giorni nostri[modifica | modifica sorgente]

Tra l'album Street Fighting Years del 1989 e Real Life del 1991, i Simple Minds perdono la collaborazione fondamentale del tastierista McNeil, ispiratore di molte delle melodie degli anni precedenti. Dopo Real Life contenente brani di enorme successo quali Let There Be Love e See the Lights, arriva un chiaro segno di svolta con l'album Good News from the Next World dove il suono delle tastiere viene rimpiazzato dalle note dirette e immediate delle chitarre di Burchill, rimasto l'unico compositore delle musiche del gruppo. Tuttavia, i singoli She's a River e Hypnotized scalano le classifiche di mezza Europa.

A questo punto della loro carriera inizia un periodo di lento declino. Il cambio di etichetta discografica, fortemente voluto nel 1995 da Kerr dopo anni dedicati alla Virgin Records, costringe, ancora oggi, il gruppo a trovarsi in una situazione instabile, pubblicando ciascun album con etichette discografiche di minor importanza che non hanno mai saputo dare loro il giusto apporto commerciale. Inoltre, dopo una carriera ventennale, l'ispirazione viene a mancare, Kerr ha un vuoto compositivo e il periodo che ne segue lo rispecchia in tutto. Nel 1998 il gruppo pubblica l'album Néapolis, preceduto dal singolo Glitterball, che non ottiene grande successo.

L'album Our Secrets Are the Same, che doveva essere il successivo, non viene pubblicato perché rifiutato dalla Casa discografica. Seguono l'album di cover Neon Lights nel 2001 e Cry nel 2002, album che ne sancisce una lenta ma nuova rinascita. Con Kerr trasferitosi in pianta stabile a Taormina (dove nel frattempo ha costruito anche un suo albergo alle pendici dell'Etna), il gruppo si affida anche alla collaborazione di musicisti locali.

Nel 2005 viene pubblicato l'album Black & White 050505 preceduto dal singolo Home.

Il 25 maggio 2009 è uscito Graffiti Soul, che segna la seconda collaborazione con il produttore Jez Coad, dopo Black&White 050505.

Tra il 2012 e il 2013 i Simple minds si trovano a registrare brani nuovi presso gli studi della Real World di Peter Gabriel a Bath.

Nell'ottobre 2012 la band scozzese annuncia un Greatest Hits Tour di 30 date in Uk, con partenza da Dublino il 25 marzo 2013 fino all'ultima data del 4 maggio ad Ipswich. L'inizio del tour inglese coincide con la pubblicazione del triplo cd Celebrate: The Greatest Hits (Virgin Records), per celebrare i 35 anni di carriera. La serie di concerti riprende nel settembre 2013 ad Hyde Park a Londra. Fino alla fine di febbraio 2014, i Simple Minds toccheranno Brasile, Usa, Canada, SudAfrica, Scozia, Danimarca, Belgio, Germania, Svezia, Norvegia.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album di studio[modifica | modifica sorgente]

Album live[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • 1979 Life in a Day
  • 1979 Chelsea Girl
  • 1980 Changeling
  • 1980 I Travel
  • 1981 Celebrate
  • 1981 The American
  • 1981 Love Song
  • 1981 Sweat in Bullet
  • 1982 I Travel
  • 1982 New Gold Dream
  • 1982 Promised You a Miracle
  • 1982 Glittering Prize
  • 1982 Someone Somewhere (In Summertime)
  • 1983 I Travel
  • 1983 Waterfront
  • 1984 Speed Your Love to Me
  • 1984 Up on the Catwalk
  • 1985 Don't You (Forget About Me)
  • 1985 Alive and Kicking
  • 1986 Sanctify Yourself
  • 1986 All the Things She Said

Formazione attuale[modifica | modifica sorgente]

Altri membri[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]