Premeno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Premeno
comune
Premeno – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia del Verbano-Cusio-Ossola-Stemma.png Verbano-Cusio-Ossola
Amministrazione
Sindaco Mauro Brusa (lista civica) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 46°01′00″N 8°41′00″E / 46.016667°N 8.683333°E46.016667; 8.683333 (Premeno)Coordinate: 46°01′00″N 8°41′00″E / 46.016667°N 8.683333°E46.016667; 8.683333 (Premeno)
Altitudine 840 m s.l.m.
Superficie 7 km²
Abitanti 773[1] (31-12-2010)
Densità 110,43 ab./km²
Frazioni Esio, Pian di Sole, Pollino
Comuni confinanti Aurano, Bee, Ghiffa, Intragna, Oggebbio, Vignone
Altre informazioni
Cod. postale 28818
Prefisso 0323
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 103055
Cod. catastale H030
Targa VB
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti premenesi
Patrono santa Margherita
Giorno festivo 20 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Premeno
Sito istituzionale

Premeno (Premén in piemontese e in lombardo) è un comune di 780 abitanti della provincia del Verbano Cusio Ossola.

Posizione e frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Premeno dista da Verbania circa 12 km; la strada che dal capoluogo di provincia porta al paese era un tempo la sede dei binari della ferrovia Intra-Premeno e le carrozze che salivano utilizzavano una stradina che è oggi usata solo da alcuni conoscitori della zona; in alcuni tratti essa non è più nemmeno transitabile con un mezzo a motore.

È sito in una conca naturale e circondato dai monti San Salvatore, Pizzo d'Omo e Sasso Corbé (la cui cima segna il punto più alto del comune, 1.100 m s.l.m.). Premeno, come borgo antico, non offre una vista diretta sul lago, che viene nascosto dal Monte Cimolo (noto per il suo aspetto come "la sentinella del Lago Maggiore") e dal San Salvatore. Il comune è diviso in diverse frazioni: Pollino, Pian di Sole ed Esio; il paese vero e proprio è situato ad una quota compresa tra i 780 e i 900 metri s.l.m.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del toponimo Premeno ha diverse ipotesi: la più accreditata asserisce che Premeno deriva da Pratus Ameni, ovvero prato rigoglioso. Gli archeologi sostengono che i primi abitanti arrivarono a Premeno nell'età del Ferro, vedendo in questo luogo naturale un'ottima fonte di cibo (sia agricolo che animale). In epoca successiva, questo insediamento così nascosto e così ben fornito di ogni risorsa naturale (dato anche il clima non eccessivamente rigido), vicino e protetto dal lago e dall'eventuale attacco di nemici, venne sfruttato come rifugio da alcuni contadini e pastori. Verso il 1500 i premenesi scelsero Santa Margherita d'Antiochia come proprio Santo patrono ed edificarono la prima chiesa. Il luogo di culto era però troppo piccolo per il numero di abitanti che ormai avevano superato le 150 unità e così nel 1732 si decise di ampliarla; il 21 agosto del 1788 vi fu la cerimonia inaugurale del maestoso campanile che ancora oggi rintocca le ore a Premeno.

Il campanile

Il 16 agosto 1623 venne eretta una cappella votiva alla Madonna delle Grazie sulla strada per il Tornicco.

Nel 1872 vi soggiornò per alcuni giorni Giuseppe Garibaldi con i figli.

Premeno divenne noto agli inizi del Novecento come il "paradiso dei bambini". Numerosissime colonie sorsero tra i monti, numerose ville apersero i loro cancelli in estate per ospitare masse di bambini che, accompagnati dai genitori, venivano a passare le vacanze in quei luoghi. Gli industriali e la borghesia abbandonarono così la Brianza e vennero sul Lago Maggiore. Le ville premenesi più celebri di questo periodo sono

Villa Bernocchi

"Villa Bernocchi", "Villa Bonomi", "Villa Giulia" e "Villa Mangiagalli"; quest'ultima fu residenza del dottor Luigi Mangiagalli, fondatore dell'omonimo ospedale a Milano.

Nel 1926 venne aperta la ferrovia Intra - Premeno. Nel 1895 venne inaugurato un campo da tennis in erba, fondato da alcuni villeggianti inglesi, desiderosi di giocare a tennis anche lontano dall'Inghilterra. In seguito venne trasformato in un campo in terra battuta nel 1926. Venne inaugurato anche, sempre nel periodo della "Belle époque giolittiana", un campo da golf, in località Pian di Sole.
Fu proprio in quel periodo che Premeno crebbe a tal punto che una sola chiesa non sarebbe più bastata; fu così edificata, proprio negli anni del secondo conflitto mondiale, la grande chiesa di Santa Margherita, patrona di Premeno, che poteva contenere circa 500 persone, contro le 150 della vecchia chiesa, ora sconsacrata e usata come cinematografo.

Nel 1993 avvenne una frana di cui in paese c'è ancora testimonianza.

Immagini[modifica | modifica wikitesto]

Premeno[modifica | modifica wikitesto]

Il capoluogo conta circa 750 abitanti, che per effetto dei villeggianti salgono circa a 2000 tra luglio ed agosto.

Il paese è attraversato dalla strada provinciale Intra - Pianacavallo, in parte ricavata dalla vecchia sede ferroviaria e dalle vecchie mulattiere montane. Nel 2006 il paese è stato anche ristrutturato

Uno scorcio di Premeno

Pollino[modifica | modifica wikitesto]

La storia di Pollino ha inizio nel 1842, quando Teresa Tamborini e Cippo Perelli Cippo stanziarono 4.000 lire milanesi per la costruzione di una cappella sotto la parrocchia premense. La chiesa fu eretta in memoria di San Rocco e nel 1888 acquistò il titolo di Oratorio. Prima di essere frazione di Premeno Pollino apparteneva a Ghiffa e solo successivamente divenne proprietà di Premeno per ragioni territoriali. Pollino dista circa 1,5 km da Premeno ed è situato ad una quota leggermente inferiore (700–750 m s.l.m.), si estende lungo la strada principale, con numerose ville e case rurali, in maggior parte ristrutturate.

Pian di Sole[modifica | modifica wikitesto]

Strada del Tornicco, sorgente d'acqua con lapide a memoria di Garibaldi

Il centro storico è attraversato dalla strada provinciale che collega Intra con Colle, località del comune di Oggebbio; seguendo questa strada, dopo circa 2 km si arriva alla frazione chiamata Pian di Sole. Vi sono due vie alternative: la strada del Tornicco, luogo panoramico e paesaggistico interessante, dove si trova una fonte di acqua minerale non potabilizzata, e la strada pedonale che corre parallela alla provinciale, percorribile solo a piedi. Dalla piazza principale proseguendo per Corso Italia si raggiunge prima l'eliporto e una piccola stazione sciistica, costituita da due sciovie (3 km di piste) con baita adiacente per il ristoro.

Imboccando invece Via Pineta si incontra la Chiesa Madonna della Vittoria e successivamente il campo da golf a 9 buche, inaugurato nel 1966.

Sport invernali[modifica | modifica wikitesto]

Pian di Sole è una piccola stazione sciistica, costituita da due skilift, denominati Rieno e Baby Genzianella, realizzati dalla ditta Leitner nel 1982. Pur trovandosi ad una quota molto modesta la località è riuscita a sopravvivere, nonostante, in particolare negli anni Novanta, furono frequenti le annate povere di neve. Nel terzo millennio la località ha aderito al progetto Neveazzurra, dal quale è nata una maggior collaborazione tra le località invernali della Provincia del Verbano Cusio Ossola. La piccola stazione si è anche dotata di un buon impianto di innevamento artificiale, comprensivo di 6 cannoni a bassa pressione. Grazie a quest'investimento la località è riuscita a garanitre l'apertura anche in inverni poco nevosi.
Durante la stagione 2008-2009, grazie all'abbondante innevamento, la località è stata in grado di ospitare alcuni allenamenti della Nazionale italiana di slalom speciale, con la presenza di atleti del calibro di Giorgio Rocca, Giuliano Razzoli e Manfred Moelgg.

Esio[modifica | modifica wikitesto]

Esio, sito a una quota di 700 m s.l.m., è la frazione di Premeno che più si distacca dal centro storico. La località nacque come comunità indipendente intorno al XVII secolo e nel corso della sua storia non ha mai sentito l'influenza del turismo. Il paese conta circa 150-200 abitanti ed è composto da case in pietra e viottoli stretti.

Veduta di Esio dal Belvedere Cadorna

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]