Antrona Schieranco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antrona Schieranco
comune
Antrona Schieranco – Stemma Antrona Schieranco – Bandiera
La chiesa di San Lorenzo (destra) ed il municipio (sinistra)
La chiesa di San Lorenzo (destra) ed il municipio (sinistra)
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia del Verbano-Cusio-Ossola-Stemma.png Verbania
Amministrazione
Sindaco Claudio Simona (lista civica) dall'08/06/2009, riconfermato 26/05/2014
Territorio
Coordinate 46°04′00″N 8°07′00″E / 46.066667°N 8.116667°E46.066667; 8.116667 (Antrona Schieranco)Coordinate: 46°04′00″N 8°07′00″E / 46.066667°N 8.116667°E46.066667; 8.116667 (Antrona Schieranco)
Altitudine 902 m s.l.m.
Superficie 99,9 km²
Abitanti 467[2] (31.12.2011)
Densità 4,67 ab./km²
Frazioni Cheggio, Locasca, Madonna, Rovesca
Comuni confinanti Bognanco, Calasca-Castiglione, Ceppo Morelli, Montescheno, Saas-Almagell (CH-VS), Vanzone con San Carlo, Viganella, Zwischbergen (CH-VS)
Altre informazioni
Cod. postale 28841[1] (fino al 1997 era 28030)
Prefisso 0324
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 103001
Cod. catastale A317
Targa VB
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona F, 3 477 GG[3]
Nome abitanti antronesi
Patrono san Lorenzo
Giorno festivo 10 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Antrona Schieranco
Sito istituzionale

Antrona Schieranco (Antrona in piemontese, Antrùna in dialetto ossolano) è un comune di 523 abitanti della provincia del Verbano Cusio Ossola. Il comune nacque amministrativamente nel 1928 dalla fusione di due comuni alpini preesistenti: Antrona Piana e Antrona Schieranco, entrambi ricchi di storia antica.

Geografica fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune ossolano include nel suo territorio l'intera parte superiore della Valle Antrona, la vallata del torrente Ovesca, affluente di destra del fiume Toce, ed è dominato ad ovest dalle Alpi, spartiacque tra la val d'Ossola e il bacino del Rodano, con il Pizzo d'Andolla.

Il paese è un ottimo punto di partenza per escursioni verso i numerosi laghi situati nelle vicinanze. Formatosi in seguito alla frana del 1642, il lago di Antrona venne successivamente modificato nella sua morfologia per permettere il suo sfruttamento a fini idroelettrici. Sono inoltre presenti altri bacini artificiali che disegnano il paesaggio della parte più alta della valle: i laghi di Campiccioli, di Camposecco, "Cingino" e dei Cavalli. Nei pressi di quest'ultimo un gruppo di vecchie baite in pietra prende il nome di Cheggio, un tempo ricco alpeggio, ora riferimento escursionistico per il turismo in valle Antrona. Insieme a San Pietro, "La Madonna" e a Schieranco costituivano il soppresso comune le frazioni di Prabernardo e Locasca.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Campiccioli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La presenza di insediamenti umani ad Antrona Piana è documentata a partire dal XIII e dal XIV secolo, ma vi sono indizi che fanno supporre origine più antiche. La sua particolare collocazione, situata sull'antica via che univa l'Ossola alla valle di Saas, nell'adiacente cantone svizzero del Vallese, ha fatto di Antrona Piana un centro importante fino al 1700, quando la sua popolazione giungeva a 1650 abitanti.

Nel 1642 una frana di enormi proporzioni ebbe conseguenze anche sul paesaggio. Il distacco avvenne dal fianco del Monte Pozzoli e travolse con un salto di mille metri una parte dell'abitato. Alcune cronache dell'epoca stimarono 95 vittime, altre 150; le case sepolte furono una quarantina. Ma le conseguenze non si limitarono a questo: la frana, ostruendo il corso del torrente Troncone, portò alla formazione del lago di Antrona. Nella sciagura venne distrutta anche la chiesa di San Lorenzo, appena costruita.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchia di San Lorenzo
costruita poco dopo la frana del 1642, quale ampliamento del piccolo oratorio di San Rocco risparmiato dalla frana. L'edificio è composto da tre navate divise da pilastri e coperte da volte a vela. Al delicato pronao, sul quale è incisa la data di ultimazione del tempio, 1685, si contrappone l'austerità della facciata. Di fianco alla chiesa si erge la torre campanara, la cui costruzione, iniziata nel 1653, terminò nel 1660.
Chiesa di San Pietro
situata nell'omonima frazione, capoluogo del soppresso comune di Schieranco. Anche questo edificio ha avuto origine da un evento calamitoso: nel 1640 un'alluvione aveva distrutto la chiesa precedente, costringendo gli abitanti alla costruzione di un nuovo edificio. La chiesa di San Pietro venne ultimata nel 1662. La facciata è composta da un rosone e un portale in stile romanico, opera dell'architetto Giannino Ferrini. Il perimetro del sagrato della chiesa è costeggiato dalle cappelle della Via Crucis con raffigurazioni ottocentesche.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia della valle è in prevalenza pastorale; l'unica attività industriale è quella idroelettrica. La varietà del paesaggio e la presenza di laghi di origine sia naturale che artificiale fanno del luogo un'interessante meta naturalistica.

In inverno un importante risorsa economica sono gli sport invernali, con la pista di sci di fondo di Antronapiana e la piccola stazione sciistica di Cheggio, costituita da uno skilift e da due tapis roulant.

Le miniere d'oro e d'argento[modifica | modifica wikitesto]

La fama del comune è stata in passato legata all'esistenza di filoni auriferi e argentiferi, sfruttati a partire dalla seconda metà del XVIII secolo e documentati dall'economista Melchiorre Gioia nei suoi studi statistico-economici sul dipartimento dell'Agogna. Le miniere rimasero in attività fino al 1946, gestite in concessione da compagnie inglesi e francesi fin dalla fine dell'Ottocento.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
7 giugno 2009 in carica Claudio Simona Lista civica Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CAP di Antrona Schieranco sulle Pagine Bianche. URL consultato il 16 settembre 2013.
  2. ^ ISTAT data warehouse
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV. - Il Piemonte paese per paese, pp. 77–78. - Ed. Bonechi - 1993 - Firenze