Hugo Weaving

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hugo Weaving nel 2013

Hugo Wallace Weaving (Ibadan, 4 aprile 1960) è un attore britannico naturalizzato australiano. È noto per le sue interpretazioni nella trilogia Matrix nel ruolo dell'Agente Smith, in quella de Il Signore degli Anelli nel ruolo del re Elrond e nel film V per Vendetta nel ruolo di V.

Ha inoltre dato la voce a Megatron nella trilogia cinematografica dei Transformers.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondogenito di tre fratelli, nasce in Nigeria, da genitori britannici, trasferitisi in Africa per questioni lavorative. La madre, Ann, è una guida turistica, mentre il padre, Wallace Weaving, un sismologo. Vive il primo anno di vita in Sud Africa per poi trasferirsi in Inghilterra, dove trascorrerà diversi anni. Durante il soggiorno frequenta la prestigiosa Queen Elizabeth's Hospital School, a Bristol, e qui manifesta la predisposizione per la recitazione e lo studio della storia. Nel 1976 si trasferisce a Sydney, in Australia, dove termina gli studi, prima diplomandosi alla Knox Grammar School, e poi laureandosi, nel 1981, presso la National Institute of Dramatic Arts.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto già negli anni addietro Hugo si sia trovato dinanzi ad una macchina da presa, è solo nel 1983 che compare sul grande schermo, in un film australiano di basso profilo, The City's Edge. Il primo ruolo rilevante lo riceve nel 1984 quando prende parte alla miniserie televisiva australiana Bodyline, dove interpreta il ruolo del capitano della squadra di cricket Douglas Jardine. Nel 1988 appare nella miniserie televisiva australiana The Dirtwater Dynasty, nel ruolo di Richard Eastwick. Sempre nello stesso anno ha un ruolo fisso nella sit-com della CBS Dadah is Death, al fianco di Sarah Parker. L'anno successivo recita ancora una volta in una miniserie, dal titolo Bangkok Hilton, al fianco di una giovane Nicole Kidman.

Nel 1991 Weaving riceve il primo riconoscimento assegnatogli dalla Australian Film Institute che lo premia come migliore attore per la recitazione nel film Istantanee, dove recita la parte di Martin, un giovane privo della vista. In questa occasione lo troviamo al fianco di Russell Crowe. Nel 1993 indossa i panni di Sir John, recitando nella commedia Reckless Kelly, diretta da Yahoo Serious. Nel 1994 la notorietà di Hugo aumenta sensibilmente grazie all'interpretazione della drag queen Tick in Priscilla, la regina del deserto. Nel 1995 conosciamo Hugo come doppiatore. Egli infatti presta la propria voce al cane pastore Rex nel film Babe, maialino coraggioso. Nel 1998 riceve il secondo premio personale. Infatti, grazie alla performance data nel film The Interview, il Montreal Film Festival gli assegna il premio di miglior attore. Nello stesso anno torna a prestare la propria voce al cane Rex nel film Babe va in città.

La trilogia di Matrix[modifica | modifica wikitesto]

Hugo Weaving alla prima di Matrix Reloaded

Nel 1999 la carriera di Weaving decolla definitivamente. Viene, infatti, scritturato per recitare la parte dell'agente Smith, al fianco del già affermato Keanu Reeves, nel film di fantascienza Matrix, diretto dai fratelli Wachowski. Durante le riprese di uno stunt, si frattura l'anca. Il caso ha voluto che durante lo stesso periodo Reeves si provocasse una lesione al collo. Pertanto si decise di comune accordo di spostare le riprese delle fasi più concitate del film nella fase finale, ottimizzando così i tempi. Nel 2003, nuovamente sotto la direzione dei fratelli Andy e Larry Wachowski, recita ancora nei panni dell'agente Smith, nel secondo episodio della saga, Matrix Reloaded e nel terzo ed ultimo, Matrix Revolutions.

La trilogia de Il signore degli anelli[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001, fresco del successo di Matrix, viene ingaggiato dal regista Peter Jackson per vestire i panni di Elrond, signore degli Elfi, nel film fantasy La Compagnia dell'Anello, primo episodio dell'adattamento cinematografico de Il signore degli anelli. Nel 2002 e successivamente nel 2003 conclude la saga recitando, ancora nei panni del signore di Gran Burrone, in Le due torri ed Il ritorno del re. Dopo aver terminato le riprese della trilogia, l'attore continua ad interpretare il Mezzelfo, prestando la propria voce nel videogioco di Electronic Arts, Il Signore degli Anelli: La Battaglia per la Terra di Mezzo.[1]

V per Vendetta e Teschio Rosso[modifica | modifica wikitesto]

« Come è iniziato? Mi hanno chiamato improvvisamente per sostituire James Purefoy che non riusciva a calarsi nel ruolo. Ho letto tutto il copione molto velocemente ed ho accettato. Una volta arrivato a Berlino dove stavano girando ho doppiato qualche scena già girata, ed ora eccomi qui[2]. »
(Hugo Weaving in un'intervista)

Nel 2006 si ricongiunge con i fratelli Wachowski, creatori della trilogia di Matrix, per interpretare il ruolo di V, personaggio immaginario creato dal fumettista Alan Moore. Inizialmente per il ruolo del protagonista era stato scritturato l'attore inglese James Purefoy. Tuttavia questi dopo sei settimane di riprese rinunciò poiché non riusciva a calarsi nel personaggio.

Alcune voci di settore riferiscono che in realtà la prima scelta per l'interpretazione di V fosse Hugo, il quale era, però, impegnato nelle riprese del film australiano Eucalipto. Allorquando quest'ultimo fu interrotto, Purefoy rinunciò al ruolo asserendo che la maschera di Guy Fawkes era estremamente scomoda. L'attore indossa la maschera per tutta la durata del film, ad eccezione di alcune scene nelle quali interpreta due ufficiali che interrogano Evey.[2]

Nel 2011 interpreta il Teschio Rosso nel film Captain America - Il primo Vendicatore.[3]

Cloud Atlas e Lo Hobbit[modifica | modifica wikitesto]

Il 2012 è l'anno dei ritorni per Weaving: di fatto ritorna a lavorare coi fratelli Wachowski, in collaborazione col regista tedesco Tom Tykwer nel film Cloud Atlas, uscito il 26 ottobre 2012 nelle sale statunitensi e il 13 gennaio 2013 in Italia, mentre ritorna a rivestire i panni di Elrond nel prequel de La Compagnia dell'Anello: Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato, uscito il 13 dicembre 2012 in Italia, nella seconda parte del 2013 Lo Hobbit - La desolazione di Smaug e nell'ultima del 2014, Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate dirette tutte e tre da Peter Jackson.[4]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1973, all'età di 13 anni gli viene diagnosticata una forma di epilessia, manifestatasi anche durante un'esibizione al Sydney Opera House di Sydney (Australia), dove crollò a terra e fu colto da convulsioni. Si disse che a scatenare la violenta reazione furono le luci stroboscopiche poste nel teatro. Proprio per il timore di essere colto da una crisi ha sempre rifiutato di conseguire la patente di guida. Nel 1984 sposa Katrina Greenwood la quale gli ha dato due figli, Harry nato nel 1989 e Holly, nata nel 1993. Inoltre aderisce alla dieta pescetariana ed è ambasciatore per l'Australia per i diritti degli animali nell'associazione Voiceless.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film Weaving è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

  • Luca Biagini ne Il regno di Ga'Hoole - La leggenda dei guardiani (Grimble), Transformers, Transformers - La vendetta del caduto, Transformers 3 (voce di Megatron)
  • Saverio Indrio ne Il regno di Ga'Hoole - La leggenda dei guardiani (Noctus)
  • Carlo Valli in Babe, maialino coraggioso
  • Carlo Reali in Babe va in città
  • Sergio Tedesco ne Il budino magico
  • Rodolfo Bianchi in Happy Feet, Happy Feet 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hugo Weaving ancora nella Terra di Mezzo
  2. ^ a b FilmFilm.it - Tutto il cinema, film per film, in sala e a casa
  3. ^ La Marvel conferma: Hugo Weaving in Capitan America!, Badtaste. URL consultato il 1-06-2010.
  4. ^ Hugo Weavin torna nella Terra di Mezzo

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 56822290 LCCN: no00098811