Matrix Reloaded

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Matrix (disambigua).
Matrix Reloaded
Matrix Reloaded.jpg
Smith e Neo in una scena del film
Titolo originale The Matrix Reloaded
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2003
Durata 138 minuti
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,40:1
Genere Azione, Fantascienza
Regia Lana e Andy Wachowski
Soggetto Lana e Andy Wachowski
Sceneggiatura Lana e Andy Wachowski
Produttore Joel Silver
Produttore esecutivo Lana e Andy Wachowski
Casa di produzione Warner Bros. Pictures, Village Roadshow Pictures, Silver Pictures, NPV Entertainment
Distribuzione (Italia) Warner Bros. Pictures
Fotografia Bill Pope
Montaggio Zach Staenberg
Effetti speciali John Gaeta, Amalgamated Pixels, Animal Logic, BUF, CIS Hollywood, ESC Entertainment, GRAFF Network Services, Gentle Giant Studios, Giant Killer Robots, Makeup Effects Group Studio, Pixel Liberation Front, Sony Pictures Imageworks, Spectrum Studios, Tweak Films, XYZ-RGB
Musiche Don Davis
Scenografia Owen Paterson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Matrix Reloaded è il secondo film della trilogia di Matrix. Uscito nel 2003 qualche mese prima del sequel Matrix Revolutions, è considerato la prima parte di quest'ultimo. La pellicola è uscita nelle sale negli USA il 15 maggio 2003 (dopo una première il 7 maggio a Westwood, un distretto di Los Angeles), mentre in quelle italiane il 23 maggio 2003.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I ribelli continuano a lottare contro le macchine per la definitiva liberazione della specie umana dal giogo della schiavitù. Capeggiati da Neo, essi percepiscono l'inasprirsi della battaglia quando vengono scoperti i piani delle macchine di penetrare nel cuore della terra e distruggere Zion. Morpheus e altri che credono nelle doti dell'Eletto, ignorando l'ordine generale di ritornare a Zion per fermare l'avanzata delle macchine nel mondo esterno, si tengono fuori dalla cittadella per potersi connettere costantemente a Matrix, nel caso si rifaccia vivo l'Oracolo per novità.

Neo, che ha già fatto propri poteri come volare e leggere il codice di Matrix direttamente dal mondo virtuale, sviluppa anche la "veggenza" (cioè la chiaroveggenza, la capacità di acquisire, attraverso una percezione extrasensoriale, conoscenza di eventi, luoghi o oggetti, che possono essere nascosti oppure lontani nel tempo o nello spazio); i suoi sogni sono tormentati dall'immagine di Trinity che muore nel mondo virtuale. Durante un incontro con l'Oracolo, in effetti, gli viene detto che dovrà "comprendere" una scelta che, in cuor suo, lui ha già fatto. Le due possibilità tra cui scegliere sono salvare Trinity dalla morte o fermare le macchine.

Nel frattempo viene attaccato dai nuovi Agenti di Matrix (gli Agenti Thompson, Johnson e Jackson), più potenti dei precedenti, che sono stati scartati e cancellati dal sistema dopo la sconfitta subita per mano di Neo. Anch'essi tuttavia si dimostrano assai meno potenti di Neo.
Un problema assai maggiore è invece il ritorno dell'Agente Smith che ormai non è più un vero agente, ma è divenuto un programma rinnegato. In precedenza, Smith aveva ricevuto il compito di uccidere Neo e Morpheus, ma avendo fallito il suo scopo ed essendo stato distrutto da Neo, sarebbe dovuto essere cancellato definitivamente da Matrix, per lasciare posto alla nuova generazione potenziata di agenti. Tuttavia, il modo in cui Neo lo aveva eliminato (entrando nel suo corpo virtuale e facendolo esplodere), aveva inavvertitamente donato a Smith parte dei poteri e delle caratteristiche di Neo, tra cui il libero arbitrio, per cui andò contro la propria programmazione e si rifiutò di essere cancellato e ora si nasconde all'interno di Matrix, alla stregua di un "virus informatico" che infetta Matrix stessa. In questa forma, Smith può trasformare chiunque in una copia di se stesso, non solo schiavi di Matrix (anche quando sono sotto il controllo di un agente), ma anche altri programmi senzienti e utenti che erano stati liberati. Questo avviene attraverso un processo di sovrascrittura, nel quale Smith infetta un altro individuo, esattamente come un virus, permettendogli di replicarsi all'infinito.
Neo viene attaccato da un certo numero di cloni dell'Agente Smith, ma il loro numero aumenta sempre più, rendendo la lotta molto difficile e dura. Neo, soverchiato in numero dalla moltitudine di agenti Smith, è costretto a fuggire spiccando il volo.
Nel frattempo, Smith si è sovrascritto a Bane, uno degli utenti liberati dal mondo virtuale, infettandone la mente nel mondo reale e questo fatto gli dà la possibilità di uscire nel mondo esterno, dentro il corpo ospite. Smith, usando il corpo di Bane, si mette subito all'inseguimento di Neo nel mondo reale, ma viene bloccato dal capitano dello stesso Bane, che non intende seguire i "vaneggiamenti" di Morpheus e lasciare indifesa Zion.

Neo, in seguito, viene a sapere che esiste una porta in un palazzo che permetterebbe all'Eletto di raggiungere la Sorgente (il Mainframe di Matrix, o "Mainframe delle macchine") e di mettere fine al mondo delle macchine. Per aprire tale porta serve una chiave posseduta dal Fabbricante di chiavi, personaggio imprigionato nel palazzo del Merovingio e di sua moglie Persephone. Il Merovingio è sopravvissuto all'Eletto in tutte le precedenti versioni di Matrix (quindi, in totale, sei software, Neo compreso); ora, essendo esso un programma superato, si trova in esilio in un ambiente criptato e quindi nascosto dal resto di Matrix. Qui si recano dunque Morpheus, Neo e Trinity che, dopo molte vicissitudini, riescono a liberare il Fabbricante di chiavi il quale, poco prima di morire crivellato dai colpi delle pistole di molti Agenti Smith, consegna la chiave della Sorgente a Neo.

Neo con la chiave entra all'interno della porta di luce, ma nel frattempo Trinity è rimasta intrappolata all'interno di Matrix per via di un agente potenziato che la tiene sotto scacco. Neo incontra quindi l'Architetto che gli espone la realtà dei fatti: lui è un programma che a sua volta ha creato la prima versione del programma Matrix, ma dato che tale versione era troppo paradisiaca per essere accettata dalla psiche umana, con l'aiuto di un altro programma, l'Oracolo, ha provveduto a creare la versione definitiva di Matrix, attraverso l'evoluzione in diverse versioni successive. Matrix è molto più vecchia di quello che Neo crede, e prima di Neo, Matrix è stata "ricaricata" altre cinque volte, ognuna con corrispondenti "Eletti": ognuno di loro è arrivato a incontrare l'Architetto, facendosi portatore del codice originale che consentiva di ricaricare Matrix ed evitando in questo modo il crash del sistema. La necessità del reload era dovuta ad una anomalia sistemica causata a sua volta da un rifiuto istintivo degli umani ad adeguarsi mentalmente al sistema Matrix. Per ridurre tale fenomeno, era stata ideata nella psiche degli uomini controllati con Matrix una finta possibilità di scelta a livello inconscio, realizzata tramite un altro programma, l'Oracolo, creato per analizzare la psiche umana. Si manteneva comunque un piccolo numero di persone che rifiutavano il sistema e che andavano a popolare Zion. Per mantenere controllata entro certi limiti la ribellione, le macchine periodicamente andavano a distruggere Zion; se ciò fosse avvenuto in concomitanza con un crash del sistema, avrebbe causato la distruzione e definitiva estinzione dell'intera razza umana. Lo scopo dell'Eletto era, da un lato re-stabilizzare il codice evitando il crash del sistema e, dall'altro lato, scegliere 23 persone all'interno di Matrix (16 femmine e 7 maschi) da salvare per ripopolare Zion. L'Architetto, infine, spiega a Neo che lui stesso, l'Eletto, si trova di fronte ad una scelta: da un lato seguire il suo scopo di resettare Matrix, imboccando la porta alla sua destra, e dall'altro tornare in Matrix per salvare Trinity da morte certa, imboccando la porta alla sua sinistra. Neo sceglie di disubbidire al suo scopo originale nella speranza di salvare l'amata Trinity, rischiando quindi l'estinzione della razza umana.

Neo vola da Trinity che, tuttavia, gli muore tra le braccia subito dopo. Ma tramite la manipolazione della realtà virtuale riesce ad estrarre il proiettile dal corpo della donna ed a praticarle un massaggio cardiaco diretto ed a mani nude, riportandola così in vita. In seguito, i due protagonisti si disconnettono, e vengono a scoprire che le sentinelle ora, tenendosi fuori dal raggio d'azione dei generatori di impulsi elettromagnetici, possono distruggere la loro nave tramite il lancio di bombe volanti. A questo punto l'intero equipaggio della Nabucodonosor abbandona la nave Hovercraft. Neo però afferma di sentire che qualcosa è cambiato, è diverso (il sistema è stato "reloadato", cioè ricaricato), e che riesce a percepire la presenza delle sentinelle. Nel preciso momento in cui una di queste sentinelle sta per scagliarsi a tutta velocità addosso a Neo, egli riesce a neutralizzarla ed a distruggerla con una sorta di impulso elettromagnetico emanato dalla sua mano. Anche se al momento non appare chiaro, i poteri di Neo sembrano ora estendersi anche al di fuori della struttura di Matrix. Subito dopo, Neo cade a terra privo di sensi. La sua squadra lo soccorre e tutti vengono salvati da una delle poche navi sopravvissute all'attacco delle sentinelle ed agli impulsi lanciati da altre navi per errore. Inoltre, viene ritrovato un unico superstite oltre a loro (che, tra l'altro, si rivelerà essere Bane) ed anch'egli privo di sensi.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Una scena inizia inquadrando la TV che trasmette il film Le spose di Dracula. L'auto usata da Morpheus, Trinity e il fabbricante di chiavi per scappare dai gemelli è lo stesso modello (Cadillac CTS) usato in Bad Boys II da Will Smith e Martin Lawrence durante l'inseguimento al camion nero contenente dei cadaveri. Nella scena in autostrada Trinity guida una Ducati 996 con una livrea speciale verde scuro creata appositamente per il film, livrea che sarà poi replicata per una serie limitata della Ducati 998, chiamata appunto "998 Matrix Reloaded", o semplicemente "998 Matrix". Il programma usato da Trinity per effettuare una scansione del sistema della centrale elettrica prima di accedervi è un software realmente esistente: si tratta di Nmap. Nel contratto per la realizzazione di questo film e di Matrix Revolutions, i fratelli Wachowski hanno incluso una clausola per la quale non avrebbero potuto ricevere alcuna intervista dai media.

Il film è stato un successo al botteghino. Al Box Office Usa infatti incassò $281 576 461, che diventano $738 599 701 a livello mondiale. In Italia incassò circa 17 milioni di euro. Il film è al momento attuale il 50° nella lista dei film di maggior successo nella storia del cinema.

La lavorazione del secondo film della trilogia è stata segnata dalla sfortuna. Si sono infatti verificati eventi che hanno direttamente influenzato il film come il decesso dell'attrice Gloria Foster, che recitava la parte dell'Oracolo (infatti in Matrix Revolutions viene sostituita da Mary Alice), e della cantante Aaliyah, che interpretava il ruolo di Zee e non è riuscita a completare le riprese. Successivamente è stata sostituita da Nona M. Gaye.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

CD1
  1. Linkin Park - Session 2:23
  2. Marilyn Manson - This Is the New Shit 4:20
  3. Rob Zombie - Reload 4:25
  4. Rob Dougan - Furious Angels (Instrumental) 5:29
  5. Deftones - Lucky You 4:08
  6. Team Sleep - The Passportal 2:55
  7. P.O.D. - Sleeping Awake 3:23
  8. Unloco - Bruises 2:36
  9. Rage Against the Machine - Calm Like a Bomb 4:58
  10. Paul Oakenfold - Dread Rock 4:40
  11. Fluke - Zion 4:33
  12. Dave Matthews Band - When the World Ends (Paul Oakenfold Remix) 5:26
CD2
  1. Don Davis - Main Title 1:30
  2. Don Davis - Trinity Dream 1:56
  3. Juno Reactor - Teahouse 1:04
  4. Rob Dougan - Chateau 3:23
  5. Juno Reactor - Mona Lisa Overdrive 10:08
  6. Juno Reactor & Don Davis - Burly Brawl 5:52
  7. Don Davis - "Matrix Reloaded" Suite 17:34

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto durante l'edizione dei Razzie Awards 2003 una nomination come Peggior regista per Lana e Andy Wachowski.

Videogioco[modifica | modifica wikitesto]

Nel videogioco Enter the Matrix viene lasciato al giocatore la possibilità di impersonare Niobe e Ghost nella loro missione per trovare e salvare Morpheus.

Nel videogioco Daxter, invece, esiste un livello(presente tra i vari livelli/sogni che sono giocabili andando sul letto della stanza di Daxter) ispirato al combattimento avvenuto tra Neo e l'agente Smith all'interno del cortile. Dopo aver completato il livello, Daxter dirà "Sono Maestro di Kung Fu!" e imparerà una nuova mossa con il suo scacciamosche elettrico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://imdb.com/title/tt0234215/releaseinfo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]