Here, There and Everywhere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Here, There and Everywhere
Artista The Beatles
Autore/i Lennon-McCartney
Genere Rock
Soft rock
Edito da Parlophone
Pubblicazione
Incisione Revolver
Data 1966
Durata 2:25
Revolver – tracce
Precedente
Successiva

Here, There and Everywhere è una canzone accreditata a Lennon/McCartney ma scritta da quest'ultimo per la compagna di allora, Jane Asher, per i Beatles, e pubblicata con l'album Revolver, il 5 agosto 1966.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Paul McCartney la definì come la sua creazione preferita (seguita subito dopo da Yesterday).[1] Anche George Martin ("una delle migliori canzoni di McCartney"[2]) e il collega John Lennon ("Sai, probabilmente mi piace più di ogni mia altra canzone su questo nastro[3]) la ritennero molto gradevole.
Il brano non fu incluso in raccolte famose (come per esempio il Red Album) e, in termini di fama, rimane dietro a molti altri brani. Probabilmente, una della cause della fama più bassa di quanto meritasse è da attribuire alla discutibile posizione nel disco, cioè tra la sperimentale Love You To e la goliardica Yellow Submarine.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

La canzone è nota per la sua melodia melanconica e armoniosa. Fu composta in un pomeriggio estivo passato a casa dell'amico Lennon, mentre McCartney si trovava nei pressi della piscina[2]. La bellezza e allegria delle strofe sono contrastate quindi da una musica abbastanza lenta e riflessiva. McCartney disse nel 1989 che, all'inizio, il brano era stato concepito come un tentativo di emulare il sound di certi pezzi dei Beach Boys sull'album Pet Sounds del 1966, in particolare quello di God Only Knows[4].
Paul era affascinato da una melodia così acuta, e dichiarò che avrebbe voluto emulare lo stile di Marianne Faithfull[5]: per questo traspose il pezzo fino alla tonalità di Sol Maggiore, anche se lo scrisse in Mi Maggiore[2].

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

La canzone, già dalle brevi quanto intense tre battute di introduzione, mostra la scaltrezza del suo compositore. La linea armonica del brano si basa principalmente su un movimento tra le tonalità di Sol Maggiore e la relativa maggiore della sua parallela minore (cioè Si Bemolle Maggiore); in ogni caso non fa mancare la sorpresa quando, dolcemente, scivola in Fa Diesis Minore che, passando per una settima di Si, risolve poi brevemente nella relativa minore (Mi Minore) della tonalità iniziale (Sol Maggiore). Si può notare come sia la stessa sequenza della celeberrima Yesterday, semplicemente innalzata di un tono.
Per rendere la voce di McCartney più dolce e carezzevole, venne accelerata in studio[2].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

The Beatles

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli artisti che hanno eseguito una reinterpretazione della canzone ricordiamo

Riferimenti culturali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ian MacDonald, The Beatles. L'opera completa, Mondadori, Milano 1994, pag. 206.
  2. ^ a b c d Pepperland.it
  3. ^ The Beatles Anthology, Rizzoli, Milano, 2010, pag. 209.
  4. ^ Steve Turner, La storia dietro ogni canzone dei Beatles, Tarab, Firenze, 1997, pag. 109.
  5. ^ Barry Miles, Paul McCartney - Many Years From Now, Rizzoli, Milano, 1997, pag. 221.