Rarities (The Beatles)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rarities
Artista The Beatles
Tipo album Raccolta
Pubblicazione 2 dicembre 1978Regno Unito
24 marzo 1980 Stati Uniti
Durata 43 min : 29 s Stati Uniti
41 min : 04 s Regno Unito
Dischi 1
Tracce 17 Regno Unito
15 Stati Uniti
Genere British invasion[1]
Pop rock[1]
Rock psichedelico[1]
Rock and roll[1]
Beat[1]
Etichetta Parlophone Regno Unito
Capitol Stati Uniti
Produttore George Martin
Formati LP
The Beatles - cronologia
Album precedente
(1978)
Album successivo
(1979)

Rarities è una raccolta di inediti dei Beatles, pubblicato inizialmente come parte del cofanetto The Beatles Collection e successivamente separatamente. Di quest'album esistono due versioni, una inglese ed una americana.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Venne originariamente incluso nel box set The Beatles Collection, come bonus album. La versione inglese infatti conteneva, come "rarità", alcuni brani non inclusi negli altri LP: la versione Across the Universe pubblicata sull'album di beneficenza No One's Gonna Change Our World del WWF, le due versioni di I Want to Hold Your Hand e She Loves You in tedesco, intitolate rispettivamente Komm, Gib Mir Deine Hand e Sie Libt Dich, i brani dell'EP Long Tall Sally e Bad Boy; quest'ultima era già stata utilizzata come "rarità" sull'album A Collection of Beatles Oldies (But Goldies!). Inoltre, erano presenti anche alcuni lati B di singoli; anche se alcuni di essi sono stati accreditati in mixaggio stereofonico, sono tutti in mono.

Invece la versione americana presentava alcuni remix particolari, versioni leggermente differenti di Helter Skelter e Penny Lane, lati B di singoli, solamente Sie Libt Dich, Love Me Do con Ringo Starr alla Batteria e l'inner groove della fine di Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band.

Pochissimi fan volevano acquistare l'intero box set per avere il disco, e molti venditori lo aprirono ed estrassero l'album, che frequentemente veniva venduto anche a prezzo maggiorato. La EMI, quasi un anno dopo la pubblicazione di The Beatles Collection, lo pubblicò singolarmente[2].

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Versione inglese[modifica | modifica sorgente]

I brani contrassegnati con un asterisco sono stati accreditati come monofonici.

Lato A
  1. Across the Universe
  2. Yes It Is *
  3. This Boy *
  4. The Inner Light *
  5. I'll Get You
  6. Thank You Girl *
  7. Komm, Gib Mir Deine Hand
  8. You Know My Name (Look Up the Number) (versione mono)
  9. Sie Liebt Dich
Lato B
  1. Rain *
  2. She's a Woman
  3. Matchbox *
  4. I Call Your Name *
  5. Bad Boy
  6. Slow Down *
  7. I'm Down
  8. Long Tall Sally

Versione americana[modifica | modifica sorgente]

La copertina della versione americana è una copertina alternativa di Yesterday and Today

Lato A
  1. Love Me Do con Ringo Starr alla batteria
  2. Misery (Remix disponibile prima solo nell'album Introducing... The Beatles pubblicato dall'etichetta Vee Jay Records)
  3. There's a Place (Remix disponibile prima solo nell'album Introducing... The Beatles, pubblicato dall'etichetta Vee Jay Records)
  4. Sie Liebt Dich
  5. And I Love Her (Stereo, ha una fine di 6 bars. Venne pubblicata inizialmente solo in Germania)
  6. Help! (mono, versione con l'introduzione del tema dei film di James Bond)
  7. I'm Only Sleeping (una versione mixata)
  8. I Am the Walrus (stereo, introduzione di 6 bars e suoni aggiuntivi prima del verso Yellow matter custard)
Lato B
  1. Penny Lane (l'assolo di tromba è più lungo)
  2. Helter Skelter (termina senza la frase di Ringo I've Got Blisters on my Fingers!)
  3. Don't Pass Me By (versione velocizzata)
  4. The Inner Light (versione mono)
  5. Across the Universe (la versione dell'album per il WWF No One's Gonna Change Our World)
  6. You Know My Name (Look Up the Number) (versione mono)
  7. Sgt. Pepper Inner Groove

Formazione[modifica | modifica sorgente]

The Beatles
Crediti

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Rarities [US] in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ Luca Biagini, The Beatles "Rarities", Pepperland. URL consultato l'11 gennaio 2014.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock