Cinisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cinisi
comune
Cinisi – Stemma
Cinisi – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Provincia Provincia di Palermo-Stemma.png Palermo
Amministrazione
Sindaco Salvatore Palazzolo (lista civica) dal 28-6-2004
Territorio
Coordinate 38°10′00″N 13°06′00″E / 38.166667°N 13.1°E38.166667; 13.1 (Cinisi)Coordinate: 38°10′00″N 13°06′00″E / 38.166667°N 13.1°E38.166667; 13.1 (Cinisi)
Altitudine 75 m s.l.m.
Superficie 33,16 km²
Abitanti 12 200[1] (30-04-2013)
Densità 367,91 ab./km²
Frazioni Punta Raisi
Comuni confinanti Carini, Terrasini
Altre informazioni
Cod. postale 90045
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 082031
Cod. catastale C708
Targa PA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti cinisensi (italiano), cinisari (dialetto)
Patrono santa Fara
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cinisi
Posizione del comune di Cinisi all'interno della provincia di Palermo
Posizione del comune di Cinisi all'interno della provincia di Palermo
Sito istituzionale
Veduta dall'alto, sullo sfondo l'aeroporto Falcone e Borsellino

Cìnisi è un comune italiano di 12.200 abitanti della provincia di Palermo in Sicilia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La storia di Cinisi affonda le sue radici nel 1382 quando il giudice Fazio ne diede in concessione ai monaci benedettini di San Martino delle Scale il territorio.

Il toponimo Cìnisi deriva dall'arabo cins, da cui kinisia che significa «territorio appartenente alla Chiesa». Grazie al paziente ed attento lavoro dei monaci il paese iniziò il suo sviluppo, trasformandosi da piccolo feudo in un agglomerato sempre più popolato. La corte benedettina, insieme alle torri di avvistamento che facevano parte del sistema di avviso delle Torri costiere della Sicilia, costruite su indicazione dell'architetto fiorentino Camillo Camilliani (artefice anche della Fontana Pretoria a Palermo), Torre Pozzillo, Torre Mulinazzo e la Torre della Tonnara dell'Ursa sono le costruzioni più antiche e ricche di storia.

Quasi sulla cima di Montagna Longa esistono rovine di posti di vedetta di probabile origine cartaginese. Monetazione romana è stata rinvenuta in località Cipuddazzu, mentre residui resti di opus reticulatum si trovano presso Torre Mulinazzo, probabilmente resti di vasche per la preparazione del garum. Importanti anche la Chiesa del Sacramento del XVIII secolo, il Santuario della Madonna del Furi, la Chiesa delle Anime Sante, la Chiesa ed il Convento Santo Canale, tutte e due risalenti al secolo XIX.

Di notevole bellezza naturale, risalendo il Vallone del Furi, sono la Fontana dell'Accitella e la località di Piano Margi, a 600 m circa sul livello del mare con il prossimo lussureggiante Bosco di Santo Canale, sovrastato dal Pizzo Montanello (964 m). La costa è quasi tutta ricadente all'interno del Demanio Aeronautico, e quindi ne è interdetto l'accesso. L'unica spiaggia di sabbia con attrezzature balneari, Magaggiari, è immediatamente prossima al confine con il Comune di Terrasini.

L'economia del paese oggi si basa sul terziario. In passato il traino era costituito dal settore agricolo, grazie agli ortaggi e alla produzione casearia, basata sulla trasformazione del latte della famosa vacca cinisara (nera e dalle lunghe corna). Il mancato sostegno a tale attività, la rigida normativa sulla zootecnia e sulla produzione dei latticini, nonché lo spostamento di unità lavorative verso altri settori economici più redditizi hanno relegato l'allevamento bovino a una dimensione familiare, sicché la ricotta vaccina e il caciocavallo locale purtroppo non sono facilmente reperibili in commercio.

Nel suo territorio sorge l'aeroporto internazionale di Palermo Falcone e Borsellino.

Cinisi fu la fonte d'ispirazione del poeta siciliano Giovanni Meli, che abitando a Cinisi in qualità di medico condotto, contemplando l'incantevole scenario naturale che il paese lui offriva seppe trarne materia per molte delle sue più celebri opere. Cinisi è anche nota grazie a Peppino Impastato, che ha lottato contro la mafia locale e contro la costruzione della terza pista del vicino aeroporto presso la frazione di Punta Raisi.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Cinisi nei media[modifica | modifica sorgente]

Persone legate a Cinisi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2013.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia