I cento passi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I cento passi
I cento passi.png
Lo scontro con il padre
Paese di produzione Italia
Anno 2000
Durata 114 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, biografico
Regia Marco Tullio Giordana
Soggetto Claudio Fava, Marco Tullio Giordana, Monica Zapelli
Sceneggiatura Claudio Fava, Marco Tullio Giordana, Monica Zapelli
Fotografia Roberto Forza
Montaggio Roberto Missiroli
Effetti speciali Tiberio Angeloni, Franco Galiano, Giancarlo Mancini
Musiche La colonna sonora ufficiale è composta dai brani The House of The Rising Sun degli Animals, A Whiter Shade of Pale dei Procol Harum e una suggestiva versione della Summertime di George Gershwin, eseguita da Janis Joplin e da Jimi Hendrix. Quest'ultima ha inizio nel momento in cui Peppino si trova a bordo della sua auto bianca, pochi istanti prima dell'attentato.
Scenografia Franco Ceraolo
Costumi Elisabetta Montaldo
Interpreti e personaggi
« Mio padre, la mia famiglia, il mio paese! Io voglio fottermene! Io voglio scrivere che la mafia è una montagna di merda! Io voglio urlare che mio padre è un leccaculo! Noi ci dobbiamo ribellare. Prima che sia troppo tardi! Prima di abituarci alle loro facce! Prima di non accorgerci più di niente! (Peppino Impastato/Luigi Lo Cascio) [1] »

I cento passi è un film[2] del 2000 diretto da Marco Tullio Giordana [3] dedicato alla vita e all'omicidio di Peppino Impastato, impegnato nella lotta alla mafia nella sua terra, la Sicilia.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Cento sono i passi che occorre fare a Cinisi, per colmare la distanza tra la casa della famiglia Impastato e quella del boss mafioso Gaetano Badalamenti.

Il giovane Peppino Impastato vive cercando di sfuggire a quest'inesorabile legame con l'ambiente mafioso che il padre, Luigi Impastato, un po' per inerzia, un po' perché ha una moglie da proteggere e due figli da crescere, non ha la forza di rompere. Anche di fronte alla vulnerabilità sua e della propria famiglia, Peppino, animato da uno spirito civico irrefrenabile, non esita, con l'involontaria complicità del fratello Giovanni, ad attaccare "don Tano" e a denunciarne pubblicamente le malefatte. Il percorso "controcorrente" di Peppino nasce quando, bambino, vede scorrere davanti a sé gli albori della lotta politica contro la mafia e il potere a essa colluso, lotta a cui poi prenderà attiva parte una volta adolescente e poi da adulto. La morte violenta dello zio capomafia, l'incontro con il pittore comunista Stefano Venuti, il rifiuto del padre biologico e della famiglia intesa in senso mafioso e il formarsi con il pittore idealista, suo vero "padre etico", sono i punti di svolta della vita di Peppino bambino, che lo segneranno per il resto della sua esistenza. La frase "noi comunisti perdiamo perché ci piace perdere" sembra quasi un preludio alla sua tragica morte, che giunge quando ormai è diventato troppo scomodo ai mafiosi e il padre, morto in un oscuro incidente, non lo può più proteggere da don Tano. Viene ucciso soprattutto per l'operato dell'irriverente Radio Aut, dai microfoni della quale si è scagliato senza freni a denunciare la mafia e i suoi misfatti.

La critica[modifica | modifica sorgente]

« Questo è un film sulla mafia, appartiene al genere. È anche un film sull'energia, sulla voglia di costruire, sull'immaginazione e la felicità di un gruppo di ragazzi che hanno osato guardare il cielo e sfidare il mondo nell'illusione di cambiarlo. È un film sul conflitto familiare, sull'amore e la disillusione, sulla vergogna di appartenere allo stesso sangue. È un film su ciò che di buono i ragazzi del ’68 sono riusciti a fare, sulle loro utopie, sul loro coraggio. Se oggi la Sicilia è cambiata e nessuno può fingere che la mafia non esista, ma questo non riguarda solo i siciliani, molto si deve all'esempio di persone come Peppino, alla loro fantasia, al loro dolore, alla loro allegra disobbedienza.[4] »

Peppino Impastato muore nel 1978, nel giorno del delitto Moro. Oscurati dalla tragedia nazionale in atto in quei giorni, la sua storia e la sua tragica fine restarono ignoti alla massa per più di vent'anni, sino all'uscita del film.

La critica cinematografica ha notato come questo di Giordana con la scena finale dei pugni alzati nel saluto comunista e le bandiere rosse sventolanti «... potrebbe sembrare un film di propaganda. In realtà è un film di impegno civile (che non si vergogna di citare il Rosi di Le mani sulla città) che si assume il compito di ricordarci che la lotta a quel complesso fenomeno che passa sotto il nome di mafia non appartiene a una "parte".»[5]

Un impegno civile ribadito quasi unanimemente da tutta la critica: «Molto impegno civile. Come, del resto, in altri film di Giordana».[6]

Forse il film «... fa ricorso ad eccessive vicende di contorno e a vari personaggi di secondo piano. Quando però si tratta di seguire da vicino il personaggio centrale, i suoi rapporti in famiglia e i suoi scontri con i mafiosi, allora il racconto si fa teso, scattante, addirittura aggressivo e la regia nervosa di Giordana ha modo di vibrare e di far vibrare di giusta indignazione.» (Gian Luigi Rondi, ibidem)

Altresì viene riconosciuto come elemento essenziale del successo del film l'interpretazione di «una squadra di attori di sorprendente bravura guidati senza sbavature da Giordana» [7] tra cui si distingue quella di Luigi Lo Cascio, alla sua prima prova e già premiato con un David di Donatello.

Anche per il regista Marco Tullio Giordana questo film rappresenta una sorta di consacrazione che gli permetterà di continuare quel percorso a lui caro, di rivisitazione della vita del Paese negli "anni bui", attraverso le esperienze di personaggi storici o di fantasia (si pensi a La meglio gioventù del 2003), nel solco tracciato, tra gli altri, da Francesco Rosi, Elio Petri e Ettore Scola.

Tipiche di questa sua narrazione sono le citazioni musicali o il richiamo ad avvenimenti che avendo segnato la loro epoca (il rapimento e l'uccisione di Aldo Moro in questo caso) ci fanno immergere pienamente nell'atmosfera e vivere o rivivere i sentimenti o le angosce di quegli anni. Alcuni osservatori hanno tuttavia riscontrato degli anacronismi tecnici[8]

Alcuni critici hanno parlato di "didascalismo" del regista ma ciò non toglie che

« Si capisce che il film sia stato accolto con lunghi applausi dalla stampa. Ma Giordana, che cita Le mani sulla città di Rosi e abbonda in canzoni d'epoca, evita ogni retorica concentrandosi giustamente sulla dimensione famigliare. Il padre che non capisce, non può capire, la ribellione del figlio che vola in America per cercare una via d'uscita; la madre che lo difende in segreto; gli "zii" mafiosi che da bambino lo tenevano sulle ginocchia e oggi lo blandiscono e minacciano insieme. Per un'assurda coincidenza, alla sua morte Impastato non fece notizia. Chissà che questo film non entri nella leggenda.[9] »

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Sono tredici le canzoni che accompagnano il film:

  1. Aria di Aquilarco - Giovanni Sollima
  2. Lamentu - Giovanni Sollima
  3. Silouan's Song - Arvo Pärt
  4. Aeolian Suite for Guitar and Small Orchestra - John Williams
  5. Sinfonia n°2 in do minore - Gustav Mahler
  6. Minor Swing - Quintette du Hot Club de France
  7. Nel blu dipinto di blu - Domenico Modugno
  8. Ballroom Blitz - Sweet
  9. The House of the Rising Sun - The Animals
  10. Suzanne - Leonard Cohen
  11. Morning Praise - India/Traditional
  12. Summertime - Big Brother and the Holding Company
  13. A Whiter Shade of Pale - Procol Harum

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Marco Tullio Giordana, Claudio G. Fava; Monica Zapelli, I cento passi, Feltrinelli, 2001, p. 58.
  2. ^ Ispirate dal film e dedicate a Peppino Impastato sono le canzoni intitolate I cento passi dei Modena City Ramblers, pubblicata nell'album ¡Viva la vida, muera la muerte! del 2004 e Centopassi cantata da Pippo Pollina. Al titolo del film fa riferimento anche l'azienda vinicola Centopassi, costituita in provincia di Palermo da due cooperative del progetto Libera Terra che gestiscono beni confiscati a boss di Cosa Nostra.
  3. ^ Al film ha collaborato come aiuto regista Pierfrancesco Diliberto (in seguito divenuto famoso come Pif nella popolare trasmissione televisiva Le Iene e nel suo programma Il testimone)
  4. ^ Marco Tullio Giordana dalle Note di regia in Cinematografo 2007
  5. ^ In sito "Mymovies"
  6. ^ Gian Luigi Rondi, 'Il tempo', 1º settembre 2000
  7. ^ Irene Bignardi, la Repubblica, 1º settembre 2000
  8. ^
    • Quando il padre di Peppino osserva gli aerei all'aeroporto la telecamera inquadra un MD-11 dell'Alitalia. Il film si svolge negli anni '70, e quel tipo di aereo è stato messo in commercio solo nel 1990.
    • Su un pilone stradale si vedono dei graffiti in stile Hip Hop, decisamente fuori luogo negli anni '70.
    • In alcune scene si notano degli oggetti e dei simboli che negli anni '70 non esistevano.
  9. ^ Fabio Ferzetti, in Il Messaggero, settembre 2000

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema