Castello di Mesola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°55′23.12″N 12°13′48.43″E / 44.92309°N 12.23012°E44.92309; 12.23012

La Delizia estense di Mesola.

Il castello di Mesola è una delle 19 prestigiose residenze (chiamate delizie) degli Este. È ubicato nel comune di Mesola in piazza Umberto I.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Realizzato tra il 1578 ed il 1583 su volere di Alfonso II d'Este, da Giovan Battista Aleotti su progetto di Marc’Antonio Pasi, detto Il Montagnana, fu utilizzato dagli estensi come dimora durante le battute di caccia nell'attiguo bosco di Mesola. La delizia presenta un impianto architettonico a pianta quadrata con agli angoli quattro torri pentagonali merlate, circondato da edifici porticati. Rimase di proprietà degli Estensi fino al 1771. Seguirono vari passaggi di proprietà fino al 1952 quando passò sotto il controllo dell’Ente Delta Padano ed ora è in proprietà della Provincia di Ferrara.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Curly Brackets.svg

Il castello ospita al 2º piano il Museo del cervo e del bosco della Mesola, con pannelli, studi e ricostruzioni dell'evoluzione e dell'habitat del cervo di Mesola, unica specie autoctona dell'Italia peninsulare e presente unicamente all'interno della Riserva naturale Bosco della Mesola in circa 150 unità. Al piano nobile è allestita una bellissima mostra permanente che ripercorre le tappe del sogno estense che, alla fine del XVI secolo, si coronava con la costruzione di questo possente castello, cinto da mura per 12 miglia e affacciato sul porto naturale dell'abate tanto da far dire ai veneziani che Mesola era più che altro il tentativo di costruire una nuova città portuale. L'allestimento elegante si mescola alla maestosità delle sale dai soffitti affrescati e la visita arricchita da interessanti riproduzioni multimediali. Al piano terra all'interno del maestoso salone i simboli dei personaggi che hanno fatto la storia del castello dalla casa d'Este allo Stato Pontificio.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]