Biagio Rossetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Biagio Rossetti (Ferrara, 1447 circa – 1516) è stato un architetto e urbanista italiano.

L'opera più celebre di Rossetti, il Palazzo dei Diamanti
La Chiesa di San Cristoforo nel Cimitero della Certosa

Cenni biografici[modifica | modifica sorgente]

Nacque da Giovan Battista Rossetti (?-?), esponente della Corte Estense ferrarese e autore del trattato Lo scalco, pubblicato nel 1584.[1]
Lavorò praticamente tutta la vita alla corte degli Este a Ferrara e progettò e mise in opera la costruzione della celebre Addizione Erculea commissionatagli dal Duca Ercole I d'Este nel 1492.

Grazie in particolare a questa maestosa impresa urbanistica Rossetti può essere considerato il primo urbanista ad essersi avvalso di metodi operativi moderni. E Ferrara grazie a lui e alla sua Addizione è considerata la prima città moderna d'Europa.

Progettò ed eresse il famoso Palazzo dei Diamanti la cui caratteristica principale è il bugnato esterno di marmo bianco.

Le opere principali progettate ed erette a Ferrara, oltre al Palazzo dei Diamanti, sono:

Gli si attribuiscono Palazzo Roverella a Rovigo, la Chiesa di Santa Maria della Consolazione e Palazzo Roverella a Ferrara.

Fu sepolto nella chiesa di Sant'Andrea.

Sempre a Ferrara, a lui è intitolata la FAF - Facoltà di Architettura di Ferrara, fondata nel 1992.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]