Palazzo Estense

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo Estense
Curly Brackets.svg

Il Palazzo Estense di Varese fu una residenza di Francesco III d'Este, duca di Modena e governatore della Lombardia austriaca, il quale, durante un soggiorno a Varese nel 1755 come ospite dei Menafoglio, fu tanto affascinato dalla città che la chiese in feudo a Maria Teresa d'Austria. L'imperatrice appagò il suo desiderio e Francesco ottenne Varese in feudo.

Sul sito dove oggi sorge il Palazzo Estense esisteva già una villa, la Villa da Tommaso Orrigoni: nel 1765 il duca Francesco la acquistò e la fece restaurare per farne una propria residenza. Il progetto si ispirò alle dimore italiane ed europee del tempo e per portarlo a termine vennero distrutte alcune case nell'area circostante. I lavori si devono all'architetto Giuseppe Antonio Bianchi, che realizzò anche lo splendido giardino. Oggi accoglie il Municipio di Varese. La cappella dedicata a San Giovanni Battista e di alcune camera da biliardo è invece attribuita a Ludovico Bolognini nel 1779.

Giardini Estensi e Palazzo Estense d'inverno