Castello di Rezzanello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg

Il castello di Rezzanello è una fortilizio della provincia di Piacenza. Situato sulle ultime pendici delle colline della val Luretta nel comune di Gazzola.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Viene citato per la prima volta in un documento del 1001 quando il vescovo Sigerico concesse ai monaci benedettini del monastero di San Savino di Piacenza la corte chiamata Regiano con tutte le pertinenze e la metà del castello di Monte Bissago[1]. Delle due corti Regiano si è trasformata in Rezzanello mentre dell'altro castello non è rimasta traccia.

Nel 1212 i guelfi si rifugiarono in questo e nelle altre fortificazioni del contado, ma appoggiati dai Visconti i ghibellini ebbero la meglio e il castello capitolò.

Nel 1357 il monastero concesse il castello ai Boccapiccina, poi ai Chiapponi e agli Scotti che con ingenti lavori lo trasformarono in residenza signorile.

All'inizio del XX secolo fu venduto ai Lombardi e a Giuseppe Manfredi che affidò il restauro all'architetto Camillo Guidotti. Gli interventi di restauro furono pesanti e discutibili, realizzati con lo stile tardo-romanico in voga al momento, visibili soprattutto nella fascia sottotetto e nella parte terminale delle torri, alterarono gravemente l'aspetto originale.

Nel 1989 il castello di rezzanello venne acquistato dal signor Venturelli Camilo dalle suore orsoline di piacenza. Gli attuali proprietari lo hanno adibito a lussuosa struttura ricettiva per convegni e matrimoni

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Ha pianta trapezoidale con quattro torri che si staccano dagli angoli e ampio cortile interno. Le torrette hanno base rotonda, sono elegantemente slanciate e coronate da uno sporto retto da archetti e coperte da un tetto conico. Lo stesso tipo di archetti in doppio ordine crea un motivo decorativo nel sottotetto. Per adeguarlo alle esigenze abitative sono state aperte numerose ampie finestre, regolarmente distribuite su tutte le facciate. Posto al centro di una conca è circondato da un parco con alberi secolari, fontana e ruscelletti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Campi Historia Ecclesiastica

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Carmen Artocchini Castelli piacentini - Edizioni TEP Piacenza 1967

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]