CCCP Fedeli alla linea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
CCCP Fedeli alla linea
Paese d'origine Italia Italia
Genere Punk rock[1][2]
New wave[2][3]
Alternative rock[3]
Periodo di attività 19821990
Album pubblicati 8
Studio 4
Live 1
Raccolte 3
Gruppi e artisti correlati C.S.I., P.G.R.
Sito web

I CCCP Fedeli alla linea, originari di Reggio Emilia, sono stati un gruppo musicale punk rock italiano, ampiamente considerato uno dei più importanti in Italia degli anni ottanta[1][2].

I loro testi e la loro musica hanno influenzato ed ispirato diversi gruppi musicali italiani nei decenni successivi, tra cui i Massimo Volume, i Punkreas, Le luci della centrale elettrica, i Marlene Kuntz, gli Offlaga Disco Pax, i Ministri, i Linea 77[4] ed altri artisti alternative rock. Inoltre artisti come Modena City Ramblers, Subsonica, Jolaurlo, La Crus, Tre allegri ragazzi morti e Gianna Nannini hanno eseguito cover del gruppo emiliano.

Autodefinitosi un gruppo di "musica melodica emiliana" e di "punk filo-sovietico", nacquero nel 1982 a Berlino[5], dall'incontro tra il chitarrista Massimo Zamboni ed il futuro cantante/leader della band Giovanni Lindo Ferretti e si sciolsero in Italia nel 1990, in contemporanea alla crisi della stessa Unione Sovietica, dopo aver incluso nel gruppo alcuni componenti dei Litfiba.

Il loro nome, CCCP, pronunciato ci-ci-ci-pì, come si legge apparentemente in italiano, è l'equivalente della sigla russa SSSR, in alfabeto cirillico Союз Советских Социалистических Республик, (traslitterato Sojuz Sovetskich Socialističeskich Respublik), che designa l'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche.

Nel 1992, dalle ceneri dei CCCP, nasceranno i CSI.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini (1981-1983)[modifica | modifica sorgente]

« Tra Carpi e Berlino c'è un legame speciale, perché a Carpi comincia l'autostrada del Brennero: perciò noi consideravamo Carpi come la periferia estrema di Berlino »
(Giovanni Lindo Ferretti[6])

La storia del gruppo ha inizio a Berlino nel 1981[7], dove Giovanni Lindo Ferretti e Massimo Zamboni si incontrano per la prima volta. Il primo aveva fatto parte di Lotta Continua ed era stato operatore psichiatrico.

Ferretti e Zamboni, insieme a Zeo Giudici, rispettivamente voce, chitarra e batteria, formano un gruppo chiamato MitropaNK[8]. L'estate successiva la formazione viene completata con l'ingresso di Umberto Negri al basso. Partono immediatamente per Berlino e al ritorno, dopo un concerto a Carpi con il nome provvisorio di Ex MitropaNK[7] assumono il nome di CCCP Fedeli alla Linea. Entro pochi mesi però il batterista lascia e viene sostituito con una batteria elettronica[5].

Dall'uscita di Zeo Giudici all'arrivo di Ringo De Palma nel 1989, solo una volta i CCCP - Fedeli alla linea suoneranno con un batterista: precisamente al concerto del 1º maggio 1983, a Castelnovo ne' Monti, la batteria fu suonata da Mirka "il Capo" Morselli, che era allora la presidente del Tuwat.

« Volevamo evitare la trafila seguita da tutti i gruppi che conoscevamo. [...] Una delle cose che avevamo chiare era che non avremmo giocato quella partita: o funzionava subito o non funzionava più. »
(Giovanni Lindo Ferretti[8])

Il terzetto inizia a suonare nei locali e nelle feste emiliane; tra novembre e dicembre 1983 torna in Germania[9], soprattutto a Berlino in locali come il Kob e lo Spectrum[10]. Durante l'attività a Berlino subisce l'influenza dalla scena industrial locale, in primis degli Einstürzende Neubauten[5] di Blixa Bargeld, e conoscono la zona orientale e la comunità islamica della città.

Nella primavera-estate 1984 si allarga con l'entrata della "benemerita soubrette" Annarella Giudici e del performer Danilo Fatur[5]. Arriva anche Silvia Bonvicini, voce corista e soubrette, che rimarrà nel gruppo fino all'uscita dell'album Affinità-divergenze fra il compagno Togliatti e noi - Del conseguimento della maggiore età.

I primi EP (1984-1985)[modifica | modifica sorgente]

« Eravamo a Bologna in un buco, sotto terra, con Ignazio Orlando che non sopportava i CCCP perché lui era un grande musicista ed aveva tutt'altre sonorità nella testa e ricordo che mi disse: "Ferretti ti prego non fare questa canzone perché sarà la tua rovina" - era Emilia Paranoica - e io dissi "vabbè, Orlando, ognuno deve pensare a sé, io credo che questa canzone sarà la mia fortuna" »
(Giovanni Lindo Ferretti [11])

Nel 1984 esce Ortodossia, il primo EP[5], prodotto dalla storica etichetta indipendente bolognese di Jumpy Velena dei RAF Punk, la Attack Punk Records. Lo stesso anno esce anche Ortodossia II, EP che ripropone le tre tracce della prima incisione[5], ovvero Live in Pankow, Spara Jurij e Punk islam con l'aggiunta della quarta traccia Mi ami?.

Sempre nel 1984 è la volta dell'album Compagni, cittadini, fratelli, partigiani, che raccoglie le tracce dei due EP oltre a quattro nuove tracce[5].

Si tratta di tre piccoli album prodotti con scarse disponibilità di denaro e strumenti, in una sala d'incisione improvvisata nelle vicinanze di una linea del tram cittadino, il cui rumore al passaggio porterà al gruppo notevoli fastidi. È in queste difficili condizioni che i CCCP incidono il loro primo disco.

Affinità-divergenze e il passaggio alla Virgin (1985-1988)[modifica | modifica sorgente]

È il 1985 quando esce il primo LP del gruppo, dal titolo chilometrico: Affinità-divergenze fra il compagno Togliatti e noi - Del conseguimento della maggiore età. Un disco considerato da alcuni critici tra i massimi capolavori del rock italiano[12], nonché una pietra miliare del punk a livello europeo. Contiene due versioni remiscelate di Mi ami? ed Emilia paranoica, e canzoni simbolo della storia del gruppo quali Trafitto, Io sto bene e Morire, i cui testi sono diventati dei veri e propri slogan del movimento punk, questo per dimostrare quanto la band cominciasse a diventare influente in Italia ed in tutta Europa. L'album vende benissimo e poco dopo avviene il passaggio della band ad una major: Ferretti e soci infatti firmano un contratto con la Virgin Dischi[5] abbandonando quindi la Attack Punk Records e con le accuse, da parte dei fans, di una eccessiva commercializzazione che va contro le ideologie del punk e che portò a definirli "CCCP Fedeli alla Lira".

Intanto alla fine dell'estate il bassista Umberto Negri esce dal gruppo e viene rimpiazzato da Ignazio Orlando, fonico di studio sin dalla registrazione di Ortodossia[7]

« Pure lui [Umberto] frantumato dalla macina dei CCCP: in realtà, come ciascuno di noi, a sua volta aveva provato a trasformare gli altri in ciò che lui voleva, però ha perso e non ce l'ha fatta a sopravvivere al suo turno di massacro »
(Giovanni Lindo Ferretti[7])

Passano due anni quando nel 1987 esce il singolo Oh! Battagliero e il secondo disco, Socialismo e barbarie[5]. Un album realizzato con un budget certamente più importante di quello del disco d'esordio. Il titolo dell'album ribalta la frase "Socialismo O Barbarie", diffusa in molti autori comunisti, secondo i quali nel futuro gli unici esiti possibili saranno l'instaurazione della società socialista o la barbarie. Nell'album si possono notare le forti influenze della cultura filo-sovietica sulla band che si manifestano nelle canzoni A ja ljublju SSSR e Manifesto dove Ferretti urla la famosa frase "I Soviet più l'elettricità, non fanno il comunismo", rovesciando il famoso slogan di Lenin. La canzone Tu menti è un attacco al punk dei Sex Pistols, nonché un tributo alla massima icona del movimento Sid Vicious. Col brano Per me lo so partecipano come ospiti alla trasmissione di Enzo Tortora e Dario Argento intitolata Giallo, esibendosi sulla Via Tiburtina di Roma in una dissacrante performance al fianco della caratterista Franca Scagnetti per poi essere intervistati proprio da Argento. Si tratta di una delle pochissime apparizioni televisive promozionali della band.

Nel 1987 i CCCP realizzano il primo, e unico, spettacolo teatrale: Allerghia. Atto unico di confusione umana, con l'esigenza di ridefinire il ruolo di Fatur e Annarella e partendo dai materiali, poesie e monologhi, scritti da Fatur[13]. Nello spettacolo il brano Amandoti è cantata da Annarella Giudici nella sua versione originale; la canzone sarà poi cantata da Ferretti e inclusa nel disco Epica Etica Etnica Pathos del 1990 nella versione "Sedicente cover"[14] [15].

Nel 1988 la Virgin ristampa l'intera discografia del gruppo, condensando nella raccolta Compagni, cittadini, fratelli, partigiani / Ortodossia II, il secondo ed il terzo EP del gruppo. Sempre nello stesso anno il gruppo pubblica lo spiazzante 45 giri Tomorrow (Voulez vous un rendez vous). La title-track è la cover di un noto brano della cantante-pittrice Amanda Lear[5] suonato in duetto con la stessa, che presta la sua voce anche all'altra traccia del disco, Inch'Allah - Ça va, canzone completamente in lingua francese.

Il terzo album e lo scioglimento (1989-1990)[modifica | modifica sorgente]

Il terzo album, Canzoni preghiere danze del II millennio - Sezione Europa, segna una virata verso sonorità più elettroniche[5]: le tastiere infatti ora predominano sulle chitarre (comunque molto presenti, curate da Mauro Patelli) e le sonorità dei pezzi sono sempre più orientaleggianti e tranquille rispetto ai furori degli esordi. Copertina a tema religioso con una Madonna col Bambino. La presenza nell'album della canzone Madre, dedicata alla figura di Maria, fa guadagnare al gruppo anche un'insolita recensione con intervista sulle pagine del settimanale Famiglia Cristiana.

Sempre nel 1989 i CCCP insieme ai fiorentini Litfiba[5] e ai Rats vanno in tour in Unione Sovietica (Mosca e Leningrado). Nella capitale suonano in un palazzetto colmo di militari in divisa che si alzano in piedi quando al termine del concerto i CCCP suonano A Ja Ljublju SSSR, il cui riff di chitarra riprende l'inno sovietico.

« ... usciti di lì i CCCP non avrebbero potuto dare più nulla. Dopo aver cantato a Mosca, con addosso i postumi di una sbronza colossale, nel mezzo di uno spettacolo secondo me straordinario, con i militari in piedi durante A Ja Ljublju SSSR; che altro potevo chiedere? »
(Giovanni Lindo Ferretti)

Nello stesso periodo, le divergenze artistiche nei Litfiba tra il manager Alberto Pirelli e Gianni Maroccolo inducono quest'ultimo a lasciare il gruppo. Maroccolo, Francesco Magnelli e Ringo De Palma entrano quindi nei CCCP portandosi dietro il loro tecnico del suono, Giorgio Canali[5].

Il gruppo, ora composto da otto elementi, registra il quarto album in studio, Epica Etica Etnica Pathos[5], che data la nuova formazione rappresenta una transizione verso le sonorità del nuovo gruppo che nascerà nel 1992 dalle ceneri dei CCCP, i CSI[9] (sigla di Consorzio Suonatori Indipendenti). Nell'album le canzoni più forti e che avranno più successo sono Annarella, Aghia Sophia e Maciste contro tutti, inoltre la canzone Amandoti ottenne un successo enorme grazie alla cover di Gianna Nannini nel 2004.

« Nel 1989, entrano nel gruppo Giorgio Canali alle chitarre, Gianni Maroccolo al basso, Francesco Magnelli alle tastiere e Ringo De Palma alla batteria (gli ultimi tre ex Litfiba), trasformando i CCCP in decadenza, come avvenne quell'anno per l'URSS.
Muore il comunismo, muoiono i CCCP. »
(Myspace ufficiale[16])

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Giovanni Lindo Ferretti
Massimo Zamboni
Giorgio Canali

1981

1982-83

1983

1983-84

1984-86

1986-89

1989-90

Timeline componenti[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album in studio[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Album dal vivo[modifica | modifica sorgente]

Nel 1988, gli album editi dalla Attack Punk Records sono stati ristampati dalla Virgin Records.
Nel 2008, la EMI ha rimasterizzato e ristampato sia su CD che su LP l'intera discografia.

Opere teatrali[modifica | modifica sorgente]

  • 1987 - Allerghia. Atto unico di confusione umana (spettacolo teatrale)

Videografia[modifica | modifica sorgente]

VHS[modifica | modifica sorgente]

I CCCP fedeli alla linea nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

  • Nella colonna sonora del film Paz!, ispirato alle opere del fumettista Andrea Pazienza, vengono inserite le canzoni Sono come tu mi vuoi e Io sto bene, quest'ultima ripresa sia nella versione originale che in una nuova versione incisa per l'occasione e a cui viene aggiunto un coretto femminile cantato durante il ritornello. Al film prende parte come comparsa lo stesso Giovanni Lindo Ferretti.
  • Il titolo dell'EP del 1985 Compagni, cittadini, fratelli, partigiani rimanda alla prima strofa della canzone antifascista Per i morti di Reggio Emilia di Fausto Amodei del 1960 ("Compagno cittadino fratello partigiano, teniamoci per mano in questi giorni tristi...") dedicata ai morti della "Strage di Reggio Emilia"[17].
  • Nel film Come tu mi vuoi, diretto da Volfango De Biasi, è parte integrante della colonna sonora la canzone dei CCCP Sono come tu mi vuoi.
  • La canzone Mi ami? è ispirata a un saggio di Roland Barthes del 1972 dal titolo Frammenti di un discorso amoroso: i titoli dei vari capitoli del libro sono ripresi nella canzone da Giovanni Lindo Ferretti ("affinità elettiva...orfana di futuro...accarezzati il sogno...con due dita di barbiere...atmosfera pesante...elogio alla tensione...tranquillità assoluta...sul punto delicato...questa non è una replica...facile leggera...mossa tattica...")[18].
  • Il titolo Affinità-divergenze fra il compagno Togliatti ... rimanda a un editoriale del 31 dicembre 1962 del Quotidiano del Popolo, organo ufficiale del Partito Comunista Cinese[18][19].
  • Con la strofa "Io sono l'anarchia" è piuttosto evidente il riferimento a Johnny Rotten, cantante dei Sex Pistols, che nel loro pezzo più famoso, Anarchy in the U.K., cantava "I am an antichrist, I am an anarchist" e "I don't know what I want but I know how to get it" (Io sono un anticristo, io sono un anarchico; non so cosa voglio ma so come ottenerlo)[18].
  • La canzone Tu menti è un omaggio ai Sex Pistols, come si evince da numerose strofe che rimandano ad altrettanti pezzi della band inglese. In particolare la suddetta Anarchy in U.K.; Liar "I know where you go, everybody you know, I know everything that you do or say" (so dove vai, so chi conosci, so tutto ciò che dici o fai); e Silly thing "What you see, you can get, Nothing's free, nothing's said, Don't be fooled by the signs" (quel che vedi, puoi averlo, niente è gratis, niente è detto, non farti confondere dalle insegne) quest'ultima dedicata al bassista Sid Vicious.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Alberto Campo. Nuovo? rock?! italiano!: una storia, 1980-1996.. Giunti, 1996. ISBN 978-88-09-20999-2. p. 31
  2. ^ a b c Riccardo Bertoncelli. «CCCP Fedeli alla linea». In 24.000 Dischi. Baldini Castoldi Dalai, 2006. ISBN 88-6018-151-8.
  3. ^ a b CCCP, Scaruffi.com. URL consultato il 3 novembre 2009.
  4. ^ I Linea 77 si confidano su Note Libere, Notelibere.it. URL consultato il 17-06-11.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m n Cccp/Csi, Ondarock.it. URL consultato il 3 novembre 2009.
  6. ^ CCCP Fedeli alla linea, Gostein.com. URL consultato il 3 novembre 2009.
  7. ^ a b c d Alberto Campo (curatore), Fedeli alla linea: dai CCCP ai CSI, Firenze, Giunti, 1997. ISBN 9788809212329
  8. ^ a b Myspace, Myspace.com. URL consultato il 3 novembre 2009.
  9. ^ a b Band-CCCP, Rocklab.it. URL consultato il 3 novembre 2009.
  10. ^ Umberto Negri, a cura di Ermanno Guarneri, Io e i CCCP. Una storia fotografica e orale, Milano, ShaKe, 2010. ISBN 9788888865409
  11. ^ Intervista del 12 febbraio 2011 di Giorgio Tonelli per il TG3 Emilia Romagna durante la prima tappa del tour "A Cuor Contento" all'Estragon di Bologna a Giovanni Lindo Ferretti.
  12. ^ CCCP-1964-1985 Affinità-divergenze Tra Il Compagno Togliatti E Noi - Del Conseguimento Della Maggiore Età, Ondarock.it. URL consultato il 3 novembre 2009.
  13. ^ Allerghia, Rude Pravda. URL consultato il 20 luglio 2012.
  14. ^ Appendice, cosmonatura.it. URL consultato il 20 luglio 2012.
  15. ^ Video di "Amandoti" interpretata da Annarella, cosmonatura.it. URL consultato il 20 luglio 2012.
  16. ^ Rudepravda, Myspace.com. URL consultato il 3 novembre 2009.
  17. ^ Testo della canzone "Per i morti di Reggio Emilia", ildeposito.org. URL consultato il 4 luglio 2012.
  18. ^ a b c d e Glossario, Rude Pravda. URL consultato il 4 luglio 2012.
  19. ^ Sull'editoriale cfr. Guido Crainz, Il paese mancato: dal miracolo economico agli anni Ottanta, Donzelli Editore, Roma, 2003. Pag. 135.
  20. ^ Cccp subvertising, http://subvertising.noblogs.org. URL consultato il 4 aprile 2012.
  21. ^ CCCP - Fedeli Alla Linea - Ecco I Miei Gioielli, discogs.com. URL consultato il 4 luglio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]