Epica Etica Etnica Pathos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Epica Etica Etnica Pathos
Artista CCCP Fedeli alla linea
Tipo album Studio
Pubblicazione 1990
2008 (ristampa)
Durata 1 h : 07 min : 07 s
Dischi 1 (CD) / 2 (LP)
Tracce 15
Genere Post-punk
Punk rock
Art rock
Etichetta Virgin Records
Produttore CCCP Fedeli alla linea e Gianni Maroccolo
Registrazione da aprile a giugno 1990[1] a villa Pirondini[2], Rio Saliceto (RE)
Formati Doppio LP
CD
CCCP Fedeli alla linea - cronologia
Album successivo
« il mondo si sgretola, rotola via

succede, è successo, si sgretola e via »

Epica Etica Etnica Pathos è il quarto e ultimo album del gruppo punk rock italiano CCCP Fedeli alla linea, pubblicato nel 1990 dalla Virgin Records. L'album, uscito come doppio LP e come CD[1], è l'ultimo del gruppo che, di lì a poco, si scioglierà.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il disco venne registrato da aprile a giugno 1990, quasi integralmente in presa diretta a villa Pirondini, una casa colonica settecentesca abbandonata situata nella campagna reggiana, nei pressi di Rio Saliceto[2][3], utilizzando l'eco naturale dello spazio quotidiano rispetto alla patinata uniformità di una moderna sala d'incisione. Inoltre la registrazione e il mixaggio vennero effettuati in analogico, come sottolineato nelle note di copertina:

« Tutto lo sporco degli anni '90 con la tecnologia degli anni '70 »

Per tutto il tempo di registrazione la band al completo si stabilì nella villa[2].

Lo stile punk dei primi dischi è sostituito da uno malinconico sottolineato da arrangiamenti sofisticati. I pezzi più noti sono Aghia Sophia, MACISTE contro TUTTI, Depressione caspica e Annarella.

Il disco è diviso in 4 parti, ognuna delle quali tratta uno dei temi espressi nel titolo: "Epica", "Etica", "Etnica" e "Pathos".

Il brano Amandoti è la versione cantata da Ferretti (chiamata "sedicente cover") del brano già cantato da Annarella Giudici nel 1987 nel corso del loro primo e unico spettacolo teatrale: Allerghia. Atto unico di confusione umana[4][5].

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 il gruppo musicale La Crus pubblicò nel disco Crocevia una reinterpretazione di Annarella.

Nel corso del 2004, il brano Amandoti ha riscosso successo grazie alla reinterpretazione realizzata da Gianna Nannini.

La copertina[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le foto dell'album sono ad opera di Luigi Ghirri: la copertina, che raffigura la cappella della villa adattato a sala di mixaggio del disco, e le quattro foto che accompagnano i quattro temi/facciate in cui è suddiviso il disco[2].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i brani sono di Giovanni Lindo Ferretti, Massimo Zamboni, Gianni Maroccolo e Francesco Magnelli, eccetto dove indicato.

LATO A - Epica
  1. Aghia Sophia - 9:30
  2. Paxo de Jerusalem - 4:25
  3. Sofia - 1:09
LATO B - Etica
  1. Narko'$ (contiene Baby Blue) - 9:53
  2. Campestre - 3:48
  3. Depressione Caspica - 5:15
LATO C - Etnica
  1. In occasione della festa - 1:03 (tradizionale calabro)
  2. «Amandoti» (sedicente cover) - 2:50 (Ferretti/Zamboni)
  3. L'andazzo generale - 4:23
  4. Al Ayam - 3:57
  5. Appunti di un viaggiatore nella terra del socialismo reale - 5:00 [6]
  6. Mozzill'o Re - 4:02
LATO D - Pathos
  1. Campestre II - 0:45
  2. MACISTE contro TUTTI - 11:29
  3. Annarella - 4:26

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La scheda del disco, Discogs. URL consultato il 23 aprile 2013.
  2. ^ a b c d Villa Pirondini, qui nacquero i CSI, remark-re.it. URL consultato il 23 aprile 2013.
  3. ^ Alberto Campo (a cura di), Fedeli alla linea. Dai CCCP ai CSI, Firenze, Giunti Editore, 1997, ISBN 88-09-03919-X.
  4. ^ Appendice, cosmonatura.it. URL consultato il 20 luglio 2012.
  5. ^ Video di "Amandoti" interpretata da Annarella, cosmonatura.it. URL consultato il 20 luglio 2012.
  6. ^ Non è una vera e propria canzone: la durata del brano, indicata come 5 minuti sulla copertina, è in realtà di soli 5 secondi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock