Luca Guadagnino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luca Guadagnino (Palermo, 1971) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Palermo, nel corso della sua carriera ha diretto numerosi videoclip di Elisa e Paola e Chiara. Ha raggiunto la notorietà nel 2005 dirigendo il film Melissa P., tratto dall'omonimo libro-scandalo di Melissa Panarello.

Con il raffinato e rigoroso Io sono l'amore del 2009, con Tilda Swinton, ottiene un buon successo internazionale, con nomination ai Golden Globe come "Miglior film straniero" e all'Oscar come "Migliori costumi"[1] e vince l'Alabarda d'oro per la miglior regia al festival Alabarda d'oro 2010[2].

Nel 2011 la casa di produzione inglese Ruby Films sceglie Guadagnino per sostituire Oliver Hirschbiegel alla regia del film Corsica '72, film romantico a sfondo mafioso, che vede Gemma Arterton come protagonista[3]. Dopo la sostituzione di Guadagnino con il regista coreano Park Chan-wook, il progetto viene defintivamente accantonato.

Nel dicembre 2011 debutta come regista d'opera nel Falstaff di Giuseppe Verdi al Teatro Filarmonico di Verona.[4]

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Luca Guadagnino è gay dichiarato.[5]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Film[modifica | modifica sorgente]

Documentari[modifica | modifica sorgente]

  • Tilda Swinton: The Love Factory (2002)
  • Lotus (2003)
  • Mundo civilizado (2003)
  • Arto Lindsay Perdoa a Beleza (The Love Factory Series) (2004)
  • Cuoco contadino (2004)
  • The Love Factory #3 Pippo Delbono - Bisogna morire (2008)
  • Inconscio italiano (2011)
  • Bertolucci on Bertolucci (2012)

Cortometraggi[modifica | modifica sorgente]

  • Qui (1997)
  • L'uomo risacca (2000)
  • Part Deux (2007)
  • Chronology (2010)
  • Here (2012)
  • One Plus One (2012)
  • Destinée (2012)

Videoclip[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Produttore[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'incredibile caso di Io sono l'Amore di Luca Guadagnino al botteghino americano, CineBlog.it, 19 luglio 2010. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  2. ^ Premio Alabarda d’oro 2010 – I vincitori, Binario Loco.it, 4 giugno 2010. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  3. ^ Sarah Cooper, I Am Love director gears up for Corsica '72, Screen Daily.com, 2 dicembre 2010. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  4. ^ Falstaff_arena-verona_13/12/2011_Teatro Filarmonico
  5. ^ Jim Halterman, Tilda Swinton :: making it up as she goes along, edgechicago.com, 25 giugno 2010. URL consultato il 17 novembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22453354 LCCN: n2008072949