Giovanni Lindo Ferretti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Lindo Ferretti
Fotografia di Giovanni Lindo Ferretti
Nazionalità Italia Italia
Genere Punk rock
New wave
Musica elettronica
Folk
World music
Periodo di attività 1982 – in attività
Gruppo attuale Solista
Gruppi precedenti CCCP Fedeli alla linea
CSI - Consorzio Suonatori Indipendenti
PGR - Per Grazia Ricevuta
Album pubblicati 29
Studio 18
Live 6
Raccolte 5

Giovanni Lindo Ferretti (Cerreto Alpi, 9 settembre 1953) è un cantautore, scrittore, attivista e attore italiano, noto soprattutto per essere stato cantante e paroliere nella band CCCP Fedeli alla linea e nelle sue successive reincarnazioni (CSI, PGR)[1][2]. È considerato uno dei padri del punk italiano, nonché uno degli artisti più originali e significativi nell’Italia del secondo dopoguerra[3][4][5][6].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Dopo gli studi e dopo aver lavorato cinque anni come operatore psichiatrico, decide di abbandonare l'Emilia e di viaggiare per l'Europa. A Berlino incontra Massimo Zamboni, con il quale nel 1982 fonda i CCCP Fedeli alla linea, ampiamente considerati uno dei più importanti gruppi italiani degli anni '80. Scioltisi nel 1990, nel 1992 sempre con Massimo Zamboni ed assieme al nucleo dei primi Litfiba, fonda invece il Consorzio Suonatori Indipendenti (CSI), scioltosi nel 2000. Con alcuni ex-componenti dei CSI (Giorgio Canali e Gianni Maroccolo), Ferretti fonda i PGR (Per Grazia Ricevuta) direzionandosi soprattutto verso la musica sperimentale. Con l'uscita nel 2009 dell'album Ultime notizie di cronaca i tre dichiarano lo scioglimento del gruppo.

Nel 2000 ha pubblicato il resoconto del viaggio effettuato in Mongolia con Massimo Zamboni, nel libro scritto a quattro mani In Mongolia in retromarcia. Nel 2002 guarisce da un cancro alla pleura da cui era affetto.

Giovanni Lindo Ferretti live col suo ultimo gruppo: i PGR

Dal 2002, dopo l'album solista Co.Dex, è anima del progetto PGR. È del 2003 l'album Iniziali: BCGLF tratto dall'omonimo spettacolo messo in scena con l'aiuto del regista Giorgio Barberio Corsetti e lo scenografo Cristian Taraborrelli.

Nel 2004 ha pubblicato in coppia con Ambrogio Sparagna l'album Litania che accanto alle preghiere tradizionali propone frammenti del repertorio dei CCCP e dei CSI.

Nel 2005 ha portato in giro per l'Italia gli spettacoli Falce e Martello. Falciati e martellati. Requiem per una civiltà con Ambrogio Sparagna e Pascolare parole, allevare pensieri con Lorenzo Esposito Fornasari, Raffaele Pinelli e Ezio Bonicelli.

Il 2006 lo ha visto impegnato nel tour Ripasso / Ribassi - Saldi, fino ad esaurimento scorte con i PGR.

Nel 2007 a seguito della pubblicazione del suo primo libro Reduce nel quale descrive la sua nuova poetica esistenziale attraverso una biografia fitta di memorie d'infanzia, poesie e anatemi sulla società contemporanea, propone un nuovo tour di uno spettacolo omonimo, con la stessa formazione di strumenti di "Pascolare".

Nel 2008 ha ridotto al minimo i suoi impegni per assistere i suoi familiari, pur continuando a scrivere, a tenere concerti, a comporre con Gianni Maroccolo e Giorgio Canali brani dei PGR, a presentare letture in teatro, seguire giovani autori e partecipare a iniziative di carattere culturale e religioso oltre a eventi che hanno per soggetto le sue più grandi passioni: la storia dell'Emilia, i cavalli, la Resistenza, l'Appennino tosco-emiliano.

Nel 2011 ritorna sui palchi italiani con il tour "A cuor contento" presentando un repertorio ampio che abbraccia i trent'anni della sua carriera, a partire dai CCCP Fedeli alla Linea, passando attraverso CSI e PGR fino ad arrivare agli ultimi progetti solisti. In scaletta anche alcune canzoni mai eseguite dal vivo, come quelle di Co.Dex.(1999) e dell'ultimo disco dei PGR, Ultime notizie di cronaca (2009). Sul palco con lui: Ezio Bonicelli e Luca A. Rossi, entrambi ex componenti degli Ustmamò.

Artisticamente si può considerare uno dei padri del punk italiano ("punk filo-sovietico e musica melodica emiliana"), e con i CCCP punto di riferimento per il mondo della musica alternativa in Italia. La storia dei CCCP-CSI segna una tappa decisiva nel rock italiano.

Attualmente vive nel suo paese natale, Cerreto Alpi in provincia di Reggio Emilia, dove scrive, compone musica, collabora con la Comunità Montana e le associazioni culturali locali e alleva i suoi cavalli.

Impegno politico e civile[modifica | modifica sorgente]

Nel documentario "Tempi moderni. CCCP - Fedeli alla linea." ha dichiarato di essere stato militante di Lotta Continua fino a quando questa è esistita. Con il Consorzio Produttori Indipendenti e l'amministrazione di Correggio ha organizzato il 25 aprile 1995, in occasione del cinquantesimo anniversario della liberazione dal fascismo, Materiale resistente, un concerto collettivo (tra gli altri, Marlene Kuntz, Disciplinatha, Ustmamò, Africa Unite, Yo Yo Mundi) con oltre 5.000 persone.

Nel giugno 2000 ha organizzato un concerto per l'Africa poi finito in rissa. Jovanotti, ospite dell'evento, si è espresso a tal proposito con queste parole: «È stato coraggioso Giovanni Lindo Ferretti a far salire sullo stesso palco Salif Keita principe dell'Africa subsahariana e Khaled, dell'Africa del Nord, l'Africa degli arabi, quelli del Nord, non so se mi spiego».[7]

Nel 2005 si espresse a proposito del referendum sulla procreazione assistita dichiarando di essere favorevole all'astensione, la qual cosa gli attirò dure critiche da Liberazione.[8] Ha poi dichiarato di aver votato per la coalizione di centrodestra nelle elezioni dell'aprile 2006.

Durante l'8 marzo del 2008 Ferretti ha partecipato ad una manifestazione indetta dalla lista antiabortista creata da Giuliano Ferrara, pronunciando un discorso a favore delle istanze di tale movimento politico.[9]

In vista delle elezioni regionali del 2010 ha affermato di aver deciso di votare per la Lega Nord.[10] In una intervista rilasciata a la Repubblica XL (n.75 dell'aprile 2012) in occasione dell'uscita del disco A cuor contento ha tuttavia asserito di aver votato per la Lega in quanto era l'unico partito schierato contro tecnocrati e banchieri, e ha aggiunto di nutrire contro la Lega Nord un odio viscerale.

Dopo aver intrapreso un viaggio in Israele, nonostante abbia in passato sostenuto l'Intifada e la Palestina, ha abbracciato la causa israeliana.[11]

Cattolicesimo[modifica | modifica sorgente]

Ferretti afferma di essere sempre stato cattolico. L'amico Giorgio Canali ha sottolineato la sostanziale continuità della presenza religiosa nel pensiero di Ferretti: infatti, delle controverse prese di posizione da parte di Ferretti, Canali si è sempre dichiarato poco sorpreso, asserendo anzi la coerenza del cantautore: «quello che Giovanni ha detto io lo so da venti anni, siete voi che vi fate distrarre dal buco nero dei suoi occhi...".[12]

« Do­po aver cercato il senso in mille modi senza trovar­lo l'ho trovato tornando a casa. Al mio mondo di quando ero bimbo: i monti, il rosario [..] - Ma Giovanni Lindo Ferretti oggi chi è? - Nel Te Deum può scoprirlo. Sono uno che iniziò a curiosare tra i libri dell'allora cardinal Ratzinger per capire perché molti ne parlassero male. E ora che so­no tornato a casa, Benedetto XVI è il mio maestro[13] »

Ha partecipato all'edizione 2007 del Meeting di Rimini di Comunione e Liberazione, parlando ad un incontro sui preti della Fraternità Sacerdotale di San Carlo Borromeo. Dal 4 settembre 2011 al 29 luglio 2012 ha collaborato con il quotidiano cattolico Avvenire, pubblicando la rubrica Dal crinale.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nell'aprile 2013 viene diffuso il documentario Fedele alla linea, per la regia di Germano Maccioni, che ripercorre tutta la carriera di Ferretti, dai CCCP agli ultimi progetti da solista.[14]
  • Lindo Ferretti si è convertito al Cristianesimo.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

con i CCCP Fedeli alla linea[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi CCCP Fedeli alla linea.

Album[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Singoli ed EP[modifica | modifica sorgente]

con i C.S.I.[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Consorzio Suonatori Indipendenti.

Album[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

con i P.G.R.[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Per Grazia Ricevuta (gruppo musicale).

Album di studio[modifica | modifica sorgente]

Discografia solista[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ [1]
  2. ^ √ Giovanni Lindo Ferretti: Discografia, Biografia, Concerti e molto altro su Rockol
  3. ^ Fedele Alla Linea Il Film - Giovanni Lindo Ferretti | Fedele Alla Linea Il Film
  4. ^ Giovanni Lindo Ferretti - concerti, discografia, mp3, musica, video, foto, bio, recensioni
  5. ^ Cccp / Csi - biografia, recensioni, discografia, foto :: OndaRock
  6. ^ Giovanni Lindo Ferretti | MYmovies
  7. ^ Rissa al concerto per l' Africa in corriere della sera (25 giugno 2000). URL consultato il 21 agosto 2010.
  8. ^ Giovanni Lindo Ferretti: da punk a cattolico
  9. ^ Il testo del discorso pubblicato sul blog de Il Foglio [2]
  10. ^ Giovanni Lindo Ferretti: 'Meno male che c'è la Lega Nord' in Rockol. URL consultato il 23 maggio 2010.
  11. ^ l'Occidentale - Partigiano dell'infinito. Giovanni Lindo Ferretti e la resistenza alla modernità
  12. ^ intervista a Giorgio Canali, Il Cibicida, 3 maggio 2007
  13. ^ http://www.avvenire.it/Spettacoli/Io+ex+punk+comunista+canto+la+fede+ritrovata_200904200853559930000.htm
  14. ^ Fedele alla Linea, il documentario su Giovanni Lindo Ferretti

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 21475619