Salif Keïta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore maliano, vedi Salif Keïta (calciatore).
Salif Keïta
Fotografia di Salif Keïta
Nazionalità Mali Mali
Genere World music
Musica africana
Periodo di attività 1970 – in attività

Salif Keïta (Djoliba, 25 agosto 1949) è un cantante maliano. È stato nominato Golden Voice of Africa, ma è noto anche perché affetto da albinismo e per essere un discendente diretto del fondatore dell'impero del Mali, Sundjata Keïta.

Secondo il sistema castale maliano Salif Keïta non sarebbe dovuto diventare un cantante.
A causa del suo albinismo venne emarginato dalla sua famiglia e dalla sua comunità poiché l’albinismo è un segno di sfortuna nella cultura Mandinka.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1967 lascia Djoliba per Bamako, dove aderisce al gruppo Super Rail Ban. Nel 1973 Keita si unisce al gruppo "Les Ambassadeurs". Per sfuggire ai disordini politici della metà degli anni 70 Salif Keita e Les Ambassadors si rifugiano ad Abidjan in Costa d'Avorio ed in seguito cambiano il nome del gruppo in Les Ambassadeurs Internationales. La fama di Les Ambassadeurs Internationales è cresciuta a livello internazionale negli anni settanta e nel 1977 Keita riceve un premio nazionale dal presidente della Guinea, Sékou Touré.

Nel 1984 Keïta si trasferì a Parigi per raggiungere un pubblico più vasto. Il suo stile unisce la musica tradizionale dell'Africa occidentale con stili musicali sia dell’Europa che delle Americhe, pur mantenendo un stile islamico.
Nei lavori di Keïta gli strumenti musicali che vengono comunemente utilizzati sono balafons, djembes, chitarre, koras, organi, sassofoni, e sintetizzatori.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Soro - 1987 - Mango
  • Ko-Yan - 1989 - Mango
  • Amen - 1991 - Mango Amen
  • Destiny of a Noble Outcast - 1991 - PolyGram
  • 69-80 - 1994 - Sonodisc
  • Folon - 1995 - Mango
  • Rail Band - 1996
  • Seydou Bathili - 1997 - Sonodisc
  • Papa - 1999 - Blue Note
  • Mama - 2000 - Capitol
  • Sosie - 2001 - Mellemfolkeligt
  • Moffou - 2002 - Universal Jazz France
  • The Best of the Early Years - 2002 - Wrasse
  • Remixes from Moffou - 2004 - Universal Jazz France
  • M'Bemba - 2005 - Universal Jazz France
  • The Lost Album - 2005 (Original released: 1980) - Cantos

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 85382135 LCCN: nr91032646