Wolfgang Hoppe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wolfgang Hoppe
Bundesarchiv Bild 183-1990-1219-010, Bobfahrer Wolfgang Hoppe.jpg
Hoppe ad Altenberg nel 1990
Nazionalità Germania Est Germania Est (sino al 1990)
Germania Germania
Altezza 181 cm
Peso 89 kg
Bob Bobsleigh pictogram.svg
Ruolo pilota
Squadra SC Turbine Erfurt
ASK Vorwärts Oberhof
WSV Oberhof 05
Ritirato 1998
Palmarès
Germania Est Germania Est
Olimpiadi 2 2 0
Mondiali 3 1 4
Europei 3 3 0
Campionati tedeschi orientali[1] 3 nd nd
Coppa del Mondo - a due 1 trofeo
Coppa del Mondo - a quattro 1 trofeo
Germania Germania
Olimpiadi 0 1 1
Mondiali 3 0 3
Europei 1 1 0
Campionati tedeschi[1] 2 nd nd
Coppa del Mondo - a due 1 trofeo
Coppa del Mondo - a quattro 2 trofei
Coppa del Mondo - combinata 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Wolfgang Hoppe (Apolda, 14 novembre 1957) è un ex bobbista ed ex multiplista tedesco, sino al 1990 gareggiava per la Repubblica Democratica Tedesca. Tra i piloti più vincenti nella storia di questo sport, Hoppe può vantare sei medaglie vinte alle Olimpiadi, di cui due d'oro conquistate in entrambe le specialità in una stessa edizione dei giochi (Sarajevo 1984), impresa riuscita soltanto ad altri quattro piloti nella storia dei giochi: l'italiano Eugenio Monti e i tedeschi Andreas Ostler, Meinhard Nehmer e André Lange. Ha inoltre vinto sei titoli mondiali, quattro europei e cinque trofei di Coppa del Mondo (più uno nella combinata), per un totale di 36 tra medaglie e trofei vinti in competizioni internazionali.[2]

È fratello minore dell'ex pilota di motocross Heinz Hoppe.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hoppe e Musiol ai campionati tedeschi orientali del 1988

Prima di dedicarsi al bob, Hoppe ha praticato l'atletica leggera nella disciplina del decathlon, vincendo in questa specialità una medaglia d'argento ai campionati tedeschi orientali juniores del 1976.

Compete dai primi anni 80 come pilota per la nazionale tedesca orientale. Si è aggiudicato la prima edizione della Coppa del Mondo nel 1983/84, vincendo la classifica generale sia nel bob a due che nel bob a quattro. A questi aggiunse poi altri due trofei a quattro (1991/92 e 1995/96), uno di bob a due (1990/91) e un altro nella combinata maschile (1991/92).

Ai Giochi olimpici invernali ha vinto sei medaglie in quattro edizioni diverse, tra cui risaltano i due ori conquistati a Sarajevo 1984 nel bob a due con Dietmar Schauerhammer e nel bob a quattro con Schauerhammer, Andreas Kirchner e Roland Wetzig, partecipando per la nazionale tedesca orientale, e superando quella svizzera e l'altra tedesca. Vinse poi due argenti a Calgary 1988, un altro argento nel bob a quattro ad Albertville 1992 e il bronzo a Lillehammer 1994 sempre nel bob a quattro.

Inoltre ai campionati mondiali vinse 14 medaglie tra cui sei d'oro: tre nel bob due (nel 1985, nel 1986 e nel 1989) e altrettante nel bob a quattro (nel 1991, nel 1995 e nel 1997), oltre a un argento e ben sette bronzi. Ha conquistato anche quattro titoli europei.

Si ritirò dall'attivista agonistica nel 1998 per dedicarsi all'attività di allenatore per la nazionale tedesca.[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Europei[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincitore della classifica generale nel bob a due nel 1983/84 e nel 1990/91;
  • Vincitore della classifica generale nel bob a quattro nel 1983/84 e nel 1991/92 e 1995/96;
  • Vincitore della classifica generale nella combinata maschile nel 1991/92.

Campionati tedeschi orientali[modifica | modifica wikitesto]

  • 5 medaglie[1]:
    • 5 ori (bob a due a Oberhof 1985; bob a due ad Altenberg 1986; bob a quattro ad Altenberg 1987; bob a due, bob a quattro ad Altenberg 1988).

Campionati tedeschi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2 medaglie[1]:
    • 2 ori (bob a due nel 1994; bob a due nel 1995).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Dati parziali, non sono reperibili informazioni su eventuali argenti e bronzi
  2. ^ a b (DE) Ersatzmann, Olympiasieger, Dominator - Bobpilot Hoppe wird 60, su sportschau.de, WDR/sportschau.de, 14 novembre 2017 (archiviato il 1º gennaio 2018).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315074038 · GND (DE1067540628