Campionati mondiali di bob 2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Campionati mondiali di bob 2016
BMW IBSF World Championships Bob + Skeleton 2016
Competizione Campionati mondiali di bob
Sport Bobsleigh pictogram.svg Bob
Edizione LXI
Organizzatore IBSF
Date 12 - 21 febbraio 2016
Luogo Austria Igls
Discipline 4
Impianto/i Kunsteisbahn Bob-Rodel Igls
Sito web en.wm2016-innsbruck.com
Vincitori
a due u. Germania F. Friedrich, T. Margis
a due d. Germania A. Schneiderheinze, A. Drazek
a quattro Lettonia O. Melbārdis, D. Dreiškens, A. Vilkaste, J. Strenga
Squadre Germania Germania
Medagliere
Nazione Medaglie d'oro vinte Medaglie d'argento vinte Medaglie di bronzo vinte Tot.
Germania Germania 3 2 0 5
Lettonia Lettonia 1 0 0 1
Canada Canada/Russia Russia 0 1 0 1
Statistiche
Miglior medagliato Germania A. Schneiderheinze
(2 - 0 - 0)
Kunsteisbahn Bob-Rodel Igls (Karte).png
Mappa del tracciato di Igls
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Winterberg 2015 Schönau am Königssee 2017 Right arrow.svg

I Campionati mondiali di bob 2016, sessantunesima edizione della manifestazione organizzata dalla Federazione Internazionale di Bob e Skeleton, si sono tenuti dal 12 al 21 febbraio 2016 ad Igls, in Austria, sulla pista olimpica omonima, la quale ha ospitato le competizioni iridate per la quarta volta nel bob a due uomini, per la terza nel bob a quattro e per la prima assoluta nel bob donne e nella prova a squadre[1][2][3].

Le vittorie sono state conquistate nel bob a due uomini dal pilota tedesco Francesco Friedrich insieme al frenatore Thorsten Margis, rispettivamente al loro terzo e secondo trionfo iridato, nella gara femminile dalla connazionale Anja Schneiderheinze insieme alla frenatrice Annika Drazek mentre la prova del bob a quattro ha visto il successo dell'equipaggio lettone guidato da Oskars Melbārdis insieme ai compagni Daumants Dreiškens, Arvis Vilkaste e Jānis Strenga i quali regalano al proprio paese la prima medaglia d'oro mondiale nella storia del bob.

Anche questa edizione dei mondiali, come ormai da prassi iniziata nella rassegna di Schönau am Königssee 2004, si è svolta contestualmente a quella di skeleton e proprio insieme agli atleti di quest'ultima disciplina è stato assegnato il titolo nella gara a squadre che ha visto trionfare la squadra tedesca.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Bob a due uomini[modifica | modifica wikitesto]

La gara si è disputata il 13 ed il 14 febbraio nell'arco di quattro manches ed hanno preso parte alla competizione 34 compagini in rappresentanza di 19 differenti nazioni[4]; campione uscente era l'equipaggio tedesco pilotato da Francesco Friedrich, che vince il suo terzo titolo consecutivo dopo i trionfi nelle edizioni di Sankt Moritz 2013 e Winterberg 2015 insieme al frenatore Thorsten Margis, che bissa il successo dell'edizione 2015, davanti all'altra coppia tedesca formata da Johannes Lochner e Joshua Bluhm, argento anche nel 2015 e campioni mondiali juniores in carica e agli svizzeri Beat Hefti e Alex Baumann, laureatisi campioni europei a Sankt Moritz la settimana precedente[5][6].

Pos. Atleti Nazione Tempo Distacco
Gold medal icon.svg Francesco Friedrich
Thorsten Margis
Germania Germania 3'26"09
Silver medal icon.svg Johannes Lochner
Joshua Bluhm
Germania Germania 3'26"26 +0"17
Silver medal icon.svg Beat Hefti
Alex Baumann
Svizzera Svizzera 3'26"31 +0"22
4 Bruce Tasker
Joel Fearmon
Regno Unito Regno Unito 3'26"51 +0"42
5 Oskars Melbārdis
Daumants Dreiškens
Lettonia Lettonia 3'26"59 +0"50
6 Chris Spring
Lascelles Brown
Canada Canada 3'26"78 +0"69
7 Won Yun-jong
Seo Young-woo
Corea del Sud Corea del Sud 3'27"12 +1"03
8 Justin Kripps
Alexander Kopacz
Canada Canada 3'27"31 +1"22
9 Benjamin Maier
Markus Sammer
Austria Austria 3'27"35 +1"26
10 Rico Peter
Thomas Amrhein
Svizzera Svizzera 3'27"42 +1"33

Bob a due donne[modifica | modifica wikitesto]

La gara si è disputata il 12 ed il 13 febbraio nell'arco di quattro manches ed hanno preso parte alla competizione 18 compagini in rappresentanza di 8 differenti nazioni[7]; il titolo è stato conquistato dalla tedesca Anja Schneiderheinze, argento nel 2015, insieme alla frenatrice Annika Drazek stabilendo anche il nuovo record della pista nella prima discesa con 52”94, davanti alla coppia canadese composta dalla campionessa olimpica in carica Kaillie Humphries e da Melissa Lotholz; campionessa uscente era la statunitense Elana Meyers-Taylor, che in questa occasione ha concluso al terzo posto insieme alla compagna Lauren Gibbs[8][9].

Pos. Atleti Nazione Tempo Distacco
Gold medal icon.svg Anja Schneiderheinze
Annika Drazek
Germania Germania 3'32"28
Silver medal icon.svg Kaillie Humphries
Melissa Lotholz
Canada Canada 3'32"71 +0"33
Bronze medal icon.svg Elana Meyers-Taylor
Lauren Gibbs
Stati Uniti Stati Uniti 3'32"87 +0"49
4 Stephanie Schneider
Lisa-Marie Buckwitz
Germania Germania 3'33"89 +1"01
5 Jamie Greubel-Poser
Cherrelle Garrett
Stati Uniti Stati Uniti 3'33"61 +1"23
6 Christina Hengster
Sanne Dekker
Austria Austria 3'33"72 +1"34
7 Mariama Jamanka
Erline Nolte
Germania Germania 3'34"02 +1"64
8 Katie Eberling
Kehri Jones
Stati Uniti Stati Uniti 3'34"30 +1"92
9 Elfje Willemsen
Sophie Vercruyssen
Belgio Belgio 3'34"61 +2"23
10 Aleksandra Rodionova
Nadežda Viderker
Russia Russia 3'34"64 +2"26

Bob a quattro[modifica | modifica wikitesto]

La gara si è disputata il 20 e il 21 febbraio nell'arco di quattro manches ed hanno preso parte alla competizione 30 compagini in rappresentanza di 17 differenti nazioni[10]; campione uscente era l'equipaggio tedesco pilotato da Maximilian Arndt, che ha concluso al settimo posto, e il titolo è stato conquistato dal team lettone guidato da Oskars Melbārdis con i compagni Daumants Dreiškens, Arvis Vilkaste e Jānis Strenga i quali regalano alla nazione baltica la prima medaglia d'oro nella storia del bob, davanti all'altra compagine tedesca condotto da Francesco Friedrich, già vincitore del suo terzo titolo mondiale nel bob a due in questa stessa edizione, insieme a Candy Bauer, Gregor Bermbach e Thorsten Margis, e a quella svizzera guidata da Rico Peter con Bror van der Zijde, Thomas Amrhein e Simon Friedli, al loro primo podio iridato[11][12].

Pos. Atleti Nazione Tempo Distacco
Gold medal icon.svg Oskars Melbārdis
Daumants Dreiškens
Arvis Vilkaste
Jānis Strenga
Lettonia Lettonia 3'24"27
Silver medal icon.svg Francesco Friedrich
Candy Bauer
Gregor Bermbach
Thorsten Margis
Germania Germania 3'24"31 +0"04
Bronze medal icon.svg Rico Peter
Bror van der Zijde
Thomas Amrhein
Simon Friedli
Svizzera Svizzera 3'24"49 +0"22
4 Nico Walther
Marko Hübenbecker
Christian Poser
Eric Franke
Germania Germania 3'24"66 +0"39
5 Benjamin Maier
Marco Rangl
Markus Sammer
Dănuț Ion Moldovan
Austria Austria 3'24"68 +0"41
6 Johannes Lochner
Sebastian Mrowka
Matthias Sommer
Joshua Bluhm
Germania Germania 3'75"89 +0”48
7 Maximilian Arndt
Alexander Rödiger
Kevin Korona
Ben Heber
Germania Germania 3'24"76 +0”49
8 Aleksandr Kas'janov
Aleksej Negodajlo
Il'vir Chuzin
Aleksej Puškarëv
Russia Russia 3'24"93 +0”66
9 Aleksej Stul'nev
Maksim Mokrousov
Vasilij Kondratenko
Roman Košelev
Russia Russia 3'25"45 +1"18
10 Oskars Ķibermanis
Jānis Jansons
Matīss Miknis
Vairis Leiboms
Lettonia Lettonia 3'25"57 +1"30

Gara a squadre[modifica | modifica wikitesto]

La gara si è disputata il 14 febbraio ed ogni squadra nazionale ha potuto prendere parte alla competizione con due formazioni; nello specifico la prova ha visto la partenza di uno skeletonista, di un equipaggio del bob a due femminile, di una skeletonista e di un equipaggio del bob a due maschile per ognuna delle 14 formazioni, che hanno gareggiato ciascuno in una singola manche[13]; la somma totale dei tempi così ottenuti ha laureato campione la squadra tedesca di Axel Jungk, Anja Schneiderheinze, Franziska Bertels, Tina Hermann, Johannes Lochner e Joshua Bluhm davanti a quella russa composta da Aleksandr Tret'jakov, Aleksandra Rodionova, Julija Šokšueva, Aleksandr Kas'janov e Maksim Mokrousov e da quella austriaca formata da Matthias Guggenberger, Christina Hengster, Sanne Dekker, Janine Flock, Benjamin Maier e Dănuț Ion Moldovan[14][15].

Pos. Squadra Atleti Tempo Distacco
Gold medal icon.svg Germania Germania I Axel Jungk
Anja Schneiderheinze / Franziska Bertels
Tina Hermann
Johannes Lochner / Tino Paasche
3'31"47
Silver medal icon.svg Russia Russia I Aleksandr Tret'jakov
Aleksandra Rodionova / Julija Šokšueva
Elena Nikitina
Aleksandr Kas'janov / Maksim Mokrousov
3'32"12 +0"65
Bronze medal icon.svg Austria Austria I Matthias Guggenberger
Christina Hengster / Sanne Dekker
Janine Flock
Benjamin Maier / Dănuț Ion Moldovan
3'32"93 +1"46
4 Germania Germania II Michael Zachrau
Stephanie Schneider / Anne Lobenstein
Jacqueline Lölling
Nico Walther / Jannis Bäcker
3'33"05 +1"58
5 Canada Canada I Dave Greszczyszyn
Kaillie Humphries / Kasha Lee
Jane Channell
Justin Kripps / Ben Coakwell
3'33"35 +1"88
6 Stati Uniti Stati Uniti II Kyle Brown
Jamie Greubel-Poser / Terra Evans
Kendall Wesenberg
Nick Cunningham / James Reed
3'33"55 +2"08
7 Stati Uniti Stati Uniti I Matthew Antoine
Elana Meyers-Taylor / Lauren Gibbs
Anne O'Shea
Steven Holcomb / Samuel McGuffie
3'33"63 +2"16
8 Canada Canada II Barrett Martineau
Alysia Rissling / Julia Corrente
Elisabeth Vathje
Chris Spring / Samuel Giguere
3'33"73 +2"26
9 Regno Unito Regno Unito I Dominic Edward Parsons
Mica McNeill / Aleasha Kiddle
Laura Deas
Bruce Tasker / John Baines
3'33"79 +2"32
10 Squadra Internazionale II Evan Neufeldt
Christine Debruin / Janine McCue
Katie Uhlaender
Justin Olsen / Evan Weinstock
3'33"95 +2"48

Medagliere[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Nazione Oro Argento Bronzo Totale
1 Germania Germania 3 2 0 5
2 Lettonia Lettonia 1 0 0 1
3 Canada Canada 0 1 0 1
Russia Russia 0 1 0 1
5 Svizzera Svizzera 0 0 2 1
6 Austria Austria 0 0 1 1
Stati Uniti Stati Uniti 0 0 1 1
Totale 4 4 4 12

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ENDE) BMW IBSF World Championships Bob + Skeleton 2016 - Invitation/Einladung (PDF), su ibsf.org, IBSF. URL consultato l'11 febbraio 2016 (archiviato l'11 febbraio 2016).
  2. ^ (EN) Preview - Opening weekend sees medals in two-man bobsleigh and team event (PDF), su ibsf.org, IBSF, 10 febbraio 2016. URL consultato il 10 febbraio 2016 (archiviato il 10 febbraio 2016).
  3. ^ (EN) Preview - Second weekend brings skeleton and four-man bob (PDF), su ibsf.org, IBSF, 16 febbraio 2016. URL consultato il 16 febbraio 2016 (archiviato il 16 febbraio 2016).
  4. ^ (EN) Start List 2-man Bobsleigh, 1st Run (PDF), su ibsf.com, IBSF. URL consultato il 12 febbraio 2016 (archiviato il 12 febbraio 2016).
  5. ^ (EN) Official Results 2-man Bobsleigh (PDF), su fibt.com, FIBT. URL consultato il 14 febbraio 2016 (archiviato il 14 febbraio 2016).
  6. ^ (EN) Third title for Francesco Friedrich, su ibsf.com, IBSF, 14 febbraio 2016. URL consultato il 14 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2016).
  7. ^ (EN) Start List Women's Bobsleigh, 1st Run (PDF), su ibsf.com, IBSF. URL consultato il 12 febbraio 2016 (archiviato il 12 febbraio 2016).
  8. ^ (EN) Official Results Women's Bobsleigh (PDF), su ibsf.com, IBSF. URL consultato il 13 febbraio 2016 (archiviato il 13 febbraio 2016).
  9. ^ (EN) Gold for Anja Schneiderheinze in women’s bobsleigh, su fibt.com, IBSF, 13 febbraio 2016. URL consultato il 13 febbraio 2016 (archiviato il 13 febbraio 2016).
  10. ^ (EN) Start List 4-man Bobsleigh, 1st Run (PDF), su ibsf.com, IBSF. URL consultato il 21 febbraio 2016 (archiviato il 21 febbraio 2016).
  11. ^ (EN) Official Results 4-man Bobsleigh (PDF), su ibsf.com, IBSF. URL consultato il 21 febbraio 2016 (archiviato il 21 febbraio 2016).
  12. ^ (EN) Oskars Melbardis wins first four-man gold for Latvia, su ibsf.com, IBSF, 21 febbraio 2016. URL consultato il 21 febbraio 2016 (archiviato il 21 febbraio 2016).
  13. ^ (EN) Start List Team Competition (PDF), su ibsf.com, IBSF. URL consultato il 14 febbraio 2016 (archiviato il 14 febbraio 2016).
  14. ^ (EN) Official Results Team competition (PDF), su ibsf.com, IBSF. URL consultato il 14 febbraio 2016 (archiviato il 14 febbraio 2016).
  15. ^ (EN) Gold for defending champion Germany, su ibsf.com, IBSF, 14 febbraio 2016. URL consultato il 14 febbraio 2016 (archiviato il 14 febbraio 2016).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sport invernali Portale Sport invernali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport invernali