Campionati mondiali di bob 1966

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Campionati mondiali di bob 1966
Competizione Campionati mondiali di bob
Sport Bobsleigh pictogram.svg Bob
Edizione XXIV
Organizzatore FIBT
Luogo Italia Cortina d'Ampezzo
Discipline 1[1]
Impianto/i Pista olimpica Eugenio Monti
Vincitori
a due u. Italia E. Monti, S. Siorpaes
a quattro gara cancellata[1]
Medagliere
Nazione Medaglie d'oro vinte Medaglie d'argento vinte Medaglie di bronzo vinte Tot.
Italia Italia 1 1 0 2
Regno Unito Regno Unito 0 0 1 1
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Sankt Moritz 1965 Alpe d'Huez 1967 Right arrow.svg

I Campionati mondiali di bob 1966, ventiquattresima edizione della manifestazione organizzata dalla Federazione Internazionale di Bob e Skeleton, si sono disputati a Cortina d'Ampezzo, in Italia, sulla Pista olimpica Eugenio Monti, il tracciato sul quale si svolsero le competizioni del bob ai Giochi di Cortina d'Ampezzo 1956 e le rassegne iridate maschili del 1937 (unicamente nel bob a due), del 1939 (soltanto nel bob a quattro), del 1950, del 1954 e del 1960 in entrambe le specialità. La località italiana ha ospitato quindi le competizioni iridate per la quinta volta nel bob a due uomini mentre venne cancellata la gara di bob a quattro a causa della morte dell'atleta tedesco occidentale Toni Pensperger, che fu in seguito insignito della medaglia d'oro postuma assieme ai suoi compagni Ludwig Siebert, Helmut Werzer e Roland Ebert, sopravvissuti all'incidente.

L'edizione ha visto dominare l'Italia che si aggiudicò una medaglia d'oro e una d'argento sulle tre disponibili in totale, lasciando al Regno Unito il bronzo. L'unico titolo assegnato è stato infatti conquistato nel bob a due uomini da Eugenio Monti e Sergio Siorpaes.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Bob a due uomini[modifica | modifica wikitesto]

La gara si è disputata il 29 e il 30 gennaio 1966 nell'arco di quattro manches.

Pos. Atleti Nazione Tempo Distacco
Gold medal icon.svg Eugenio Monti
Sergio Siorpaes
Italia Italia II 5:07.52
Silver medal icon.svg Gianfranco Gaspari
Leonardo Cavallini
Italia Italia I 5:10.09 +2.57
Bronze medal icon.svg Anthony Nash
Robin Dixon
Regno Unito Regno Unito 5:12.75 +5.23
4 Toni Pensperger
Ludwig Siebert
bandiera Germania Ovest I 5:15.12 +7.60
5 Ion Panțuru
Nicolae Neagoe
Romania Romania I 5:15.33 +7.81
6 Erwin Thaler
Reinhold Durnthaler
Austria Austria 5:16.05 +8.53

Bob a quattro[modifica | modifica wikitesto]

La gara è stata cancellata a causa della morte dell'atleta tedesco occidentale Toni Pensperger, che fu in seguito insignito della medaglia d'oro postuma assieme ai suoi compagni Ludwig Siebert, Helmut Werzer e Roland Ebert, sopravvissuti all'incidente.

Medagliere[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Nazione Oro Argento Bronzo Totale
1 Italia Italia 1 1 0 2
2 Regno Unito Regno Unito 0 0 1 1
Totale 1 1 1 3

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b A causa della morte dell'atleta tedesco occidentale Toni Pensperger è stata cancellata la gara di bob a quattro

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hamburger Abendblatt, "Ich weiß nur, daß wir flogen", Bericht über den Todessturz auf der Bobbahn in Cortina, Zeitungsgruppe Hamburg GmbH, 7 febbraio 1966

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sport invernali Portale Sport invernali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport invernali