Jannis Bäcker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jannis Bäcker
Bäcker and Friedrich 2013.jpg
Jannis Bäcker (a sinistra) con Francesco Friedrich, 2013.
Nazionalità Germania Germania
Altezza 198 cm
Peso 110 kg
Bob Bobsleigh pictogram.svg
Ruolo frenatore
Squadra BSC Winterberg
Palmarès
Mondiali 1 0 0
Europei 0 0 1
Mondiali juniores 1 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 17 gennaio 2016

Jannis Bäcker (1º gennaio 1985) è un bobbista tedesco, vincitore di un titolo mondiale nel bob a due.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Compete dal 2008 come frenatore per la nazionale tedesca. Nelle categorie giovanili ottiene come miglior risultato l'argento nel bob a quattro ai mondiali juniores di Park City 2011 spingendo la slitta pilotata da Francesco Friedrich. Si mette inoltre in luce grazie a diverse vittorie in Coppa Europa.

Esordisce in coppa del mondo a metà stagione 2011/12, il 17 gennaio 2012 a Königssee (9º nel bob a quattro), ottiene il suo primo podio a Whistler il 24 novembre dello stesso anno (2º nel bob a due) e conquista la sua prima vittoria il 5 gennaio 2013 ad Altenberg, sempre nel bob a due e con Friedrich alla guida.

Vanta inoltre una medaglia d'oro ai mondiali di St. Moritz 2013 e una di bronzo agli Europei, entrambe ottenute nel bob a due.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Europei[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • 9 podi (5 nel bob a due, 4 nel bob a quattro):
    • 3 vittorie (1 nel bob a due e 2 nel bob a quattro);
    • 2 secondi posti (nel bob a quattro);
    • 4 terzi posti (nel bob a due).

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Luogo Paese Disciplina
5 gennaio 2013 Altenberg Germania Germania a due
con Francesco Friedrich (pilota)
29 novembre 2015 Altenberg Germania Germania a quattro
con Francesco Friedrich (pilota), Martin Putze e Thorsten Margis
6 dicembre 2015 Winterberg Germania Germania a quattro
con Francesco Friedrich (pilota), Martin Putze e Thorsten Margis

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gara valida anche come prova di Coppa del Mondo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]