Aleksandr Zubkov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aleksandr Zubkov
Alexandr Zubkov.jpg
Zubkov durante la cerimonia di premiazione della gara del bob a due a Soči 2014
Nazionalità Russia Russia
Altezza 189 cm
Peso 102 kg
Slittino Luge pictogram.svg
Specialità Singolo, doppio
Squadra SKA Irkutsk
Ritirato 1999
Palmarès
Mondiali juniores 1 2 0
Bob Bobsleigh pictogram.svg
Ruolo pilota
Squadra SKA Irkutsk
Ritirato 2014
Palmarès
Olimpiadi 0 1 1
Mondiali 1 3 2
Europei 4 2 1
Coppa del Mondo - a due 1 trofeo
Coppa del Mondo - a quattro 5 trofei
Coppa del Mondo - combinata 1 trofeo
Statistiche aggiornate al 26 agosto 2014

Aleksandr Jur’evič Zubkov (in russo: Александр Юрьевич Зубков?; traslitterazione anglosassone Alexandr Yuryevich Zubkov; Bratsk, 10 agosto 1974) è un ex bobbista ed ex slittinista russo, argento olimpico nel bob a quattro ai Giochi di Torino 2006 e bronzo nel bob a due a quelli di Vancouver 2010 nonché campione mondiale a due a Schönau am Königssee 2011.

Zubkov in qualità di portabandiera durante la cerimonia d'apertura dei XXI Giochi olimpici invernali di Soči 2014
Zubkov (a sinistra) e Aleksej Voevoda sul gradino più alto del podio nel bob a due a Soči 2014

Tra gli atleti più vincenti nella disciplina del bob, detiene tuttora il record di coppe del mondo vinte nella specialità del bob a quattro con cinque sfere di cristallo al suo attivo.

È il padre di Elizaveta Zubkova, skeletonista e bobbista della squadra giovanile russa.

Nel giugno del 2016 è stato eletto presidente della Federazione Russa di Bob e Skeleton.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi nello slittino[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato a gareggiare per la nazionale russa di slittino nelle varie categorie giovanili in entrambe le specialità, ottenendo tre medaglie ai mondiali juniores: una d'oro nel doppio ad Igls 1994 in coppia con Danil Čaban e due d'argento nella gara a squadre a Sigulda 1993 e nella rassegna austriaca dell'anno seguente.

A livello assoluto ha esordito in Coppa del Mondo nella stagione 1993/94, in carriera non ha mai conquistato alcun podio in Coppa ed in classifica generale il suo più importante piazzamento è il dodicesimo posto nel singolo raggiunto nel 1998/99.

Ha preso parte ad una edizione dei Giochi olimpici invernali, a Nagano 1998, dove ha concluso in ventesima posizione la gara individuale.

Ha preso parte altresì a tre edizioni dei campionati mondiali, ottenendo, quali migliori risultati, il quinto posto nella prova a squadre a Lillehammer 1995, la nona posizione nel doppio nella stessa competizione norvegese e la ventesima piazza nel singolo a Schönau am Königssee 1999. Nelle rassegne continentali i suoi più importanti piazzamenti sono il sesto posto nella specialità biposto ed il diciassettesimo nella prova individuale, entrambi raggiunti a Sigulda 1996.

Il passaggio al bob[modifica | modifica wikitesto]

Ha abbandonato la carriera slittinistica al termine della stagione 1998/99 per passare alla disciplina del bob, nel ruolo di pilota. Entrato subito a far parte della squadra nazionale, nel 2001 ha fatto il suo esordio nelle massime competizioni internazionali della specialità.

In Coppa del Mondo ha conquistato la prima vittoria il 12 dicembre 2004 ad Igls nella gara del bob a quattro con Sergej Golubev, Aleksej Selivërstov e Dmitrij Stëpuškin. In totale ha vinto ventiquattro tappe in coppa ed ha trionfato in classifica generale per sette volte: una volta nella combinata nel 2008/09, una volta nella competizione a due nel 2010/11 e per cinque volte -record per la specialità- nel bob a quattro: nel 2004/05, nel 2005/06, nel 2008/09, nel 2011/12 e nel 2012/13.

Nel bob ha preso parte a quattro edizioni dei Giochi olimpici invernali: a Salt Lake City 2002 è giunto in diciottesima posizione nel bob a due ed in sedicesima nel bob a quattro, a Torino 2006 ha chiuso la gara al quarto posto nella specialità biposto ed ha conquistato la medaglia d'argento in quella a quattro, a Vancouver 2010 è giunto terzo nel bob a due e non è riuscito a portare a termine la gara del bob a quattro ed a Soči 2014, occasione in cui ha avuto l'onore di sfilare quale portabandiera della delegazione russa durante la cerimonia inaugurale, ha vinto la medaglia d'oro in ambedue le specialità. Il 24 novembre 2017 la commissione disciplinare del Comitato Olimpico Internazionale prese atto delle violazioni alle normative antidoping compiute da Zubkov in occasione delle Olimpiadi di Soči, annullando conseguentemente i risultati ottenuti, obbligandolo a restituire le medaglie ricevute e proibendogli di partecipare a qualunque titolo a future edizioni dei Giochi olimpici[2]. Il 1º febbraio 2018 il Tribunale Arbitrale dello Sport, dopo aver preso in esame il ricorso presentato da Zubkov, ha confermato la squalifica comminatagli dal CIO, annullando tuttavia il divieto di partecipare a qualunque titolo a future edizioni delle olimpiadi[3].

Ha preso parte altresì ad otto edizioni dei campionati mondiali, aggiudicandosi in totale sei medaglie, delle quali una d'oro a Schönau am Königssee 2011 nel bob a due. Nelle rassegne continentali ha ottenuto quattro titoli europei, due nella specialità biposto a Cesana Torinese 2008 ed a Winterberg 2011 e due in quella a quattro ad Altenberg 2005 ed a Sankt Moritz 2009.

Si è ritirato dalle competizioni nel 2014, al termine delle olimpiadi.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

A seguito della medaglia di bronzo olimpica vinta a Vancouver 2010 è stato decorato della Medaglia dell'ordine al merito per la Patria (II classe); per le due medaglie d'oro olimpiche vinte a Soči 2014, a febbraio del 2014 è stato inoltre insignito dell'Ordine al merito per la Patria (IV Classe). Nel 2007 era altresì già stato decorato con l'Ordine dell'Amicizia.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Slittino[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale nel singolo: 12º nel 1998/99.

Bob[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Europei[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincitore della Coppa del Mondo nella specialità della combinata nel 2008/09;
  • Vincitore della Coppa del Mondo nella specialità del bob a due nel 2010/11;
  • Vincitore della Coppa del Mondo nella specialità del bob a quattro nel 2004/05, nel 2005/06, nel 2008/09, nel 2011/12 e nel 2012/13.
  • 63 podi (19 nel bob a due, 44 nel bob a quattro)[4]:
    • 24 vittorie (7 nel bob a due, 17 nel bob a quattro);
    • 22 secondi posti (6 nel bob a due, 16 nel bob a quattro);
    • 17 terzi posti (6 nel bob a due, 11 nel bob a quattro).
Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]
Data Luogo Paese Disciplina
12 dicembre 2004 Igls Austria Austria a quattro
con Sergej Golubev, Aleksej Selivërstov e Dmitrij Stëpuškin
13 febbraio 2005 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti a quattro
con Sergej Golubev, Aleksej Selivërstov e Dmitrij Stëpuškin
20 novembre 2005 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti a quattro
con Sergej Golubev, Aleksej Selivërstov e Aleksej Voevoda
10 dicembre 2005 Igls Austria Austria a due
con Aleksej Voevoda
28 gennaio 2006 Altenberg Germania Germania a due
con Aleksej Voevoda
29 gennaio 2006 Altenberg Germania Germania a quattro
con Sergej Golubev, Aleksej Selivërstov e Aleksej Voevoda
16 dicembre 2007 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti a quattro
con Aleksej Selivërstov, Filipp Egorov e Aleksej Andrjunin
19 gennaio 2008 Cesana Torinese Italia Italia a due
con Aleksej Voevoda
9 febbraio 2008 Winterberg Germania Germania a due
con Aleksej Voevoda
14 dicembre 2008 Igls Austria Austria a quattro
con Roman Oreshnikov, Dmitrij Trunenkov e Dmitrij Stëpuškin
18 gennaio 2009 Sankt Moritz Svizzera Svizzera a quattro
con Roman Orešnikov, Dmitrij Trunenkov e Dmitrij Stëpuškin
12 febbraio 2009 Park City Stati Uniti Stati Uniti a due
con Aleksej Voevoda
11 dicembre 2010 Park City Stati Uniti Stati Uniti a due
con Dmitrij Trunenkov
12 dicembre 2010 Park City Stati Uniti Stati Uniti a quattro
con Filipp Egorov, Dmitrij Trunenkov e Nikolaj Chrenkov
22 gennaio 2011 Winterberg Germania Germania a due
con Aleksej Voevoda
6 febbraio 2011 Cesana Torinese Italia Italia a quattro
con Filipp Egorov, Dmitrij Trunenkov e Nikolaj Chrenkov
3 dicembre 2011 Igls Austria Austria a quattro
con Filipp Egorov, Dmitrij Trunenkov e Nikolaj Chrenkov
15 gennaio 2012 Schönau am Königssee Germania Germania a quattro
con Filipp Egorov, Dmitrij Trunenkov e Maksim Mokrousov
5 febbraio 2012 Whistler Canada Canada a quattro
con Filipp Egorov, Dmitrij Trunenkov e Maksim Mokrousov
10 novembre 2012 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti a quattro
con Aleksej Negodajlo, Dmitrij Trunenkov e Maksim Mokrousov
17 novembre 2012 Park City Stati Uniti Stati Uniti a quattro
con Aleksej Negodajlo, Dmitrij Trunenkov e Maksim Mokrousov
24 novembre 2012 Whistler Canada Canada a quattro
con Aleksej Negodajlo, Dmitrij Trunenkov e Maksim Mokrousov
9 dicembre 2012 Winterberg Germania Germania a quattro
con Aleksej Negodajlo, Dmitrij Trunenkov e Maksim Mokrousov
13 gennaio 2013 Schönau am Königssee Germania Germania a quattro
con Aleksej Negodajlo, Dmitrij Trunenkov e Maksim Mokrousov

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine al merito per la Patria, IV classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al merito per la Patria, IV classe
«Per il grande contributo allo sviluppo della cultura fisica e dello sport, per il risultato raggiunto ai giochi della XXII Olimpiade a Soči nel 2014»
— Soči, 24 febbraio 2014. Di iniziativa del Presidente della Federazione Russa.[5][6]
Medaglia dell'ordine al merito per la Patria, II classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'ordine al merito per la Patria, II classe
«Per il grande contributo allo sviluppo della cultura fisica e dello sport, per il risultato raggiunto ai giochi della XXI Olimpiade a Vancouver nel 2010»
— 5 Marzo 2010. Di iniziativa del Presidente della Federazione Russa.[7]
Ordine dell'Amicizia - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia
«Per il grande contributo allo sviluppo della cultura fisica e dello sport, per i rimarchevoli risultati sportivi raggiunti»
— Mosca, 22 febbraio 2007. Di iniziativa del Presidente della Federazione Russa.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Olympic Champion Alexander Zubkov new president of Russian Bobsleigh & Skeleton Federation, su ibsf.org, IBSF, 2 giugno 2016 (archiviato il 1º dicembre 2016).
  2. ^ (ENFR) IOC sanctions four russian athletes as part of Oswald Commission findings, su olympic.org, CIO, 24 novembre 2017 (archiviato il 26 novembre 2017).
  3. ^ (EN) The Court of Arbitration for Sport (CAS) delivers its decisions in the matter of 39 russian athletes V/ the IOC: 28 appeals upheld, 11partially upheld (PDF), Losanna, Tribunale Arbitrale dello Sport, 1º febbraio 2018. URL consultato il 4 febbraio 2018 (archiviato il 1º febbraio 2018).
  4. ^ (DE) Statistiche a partire dalla stagione 2002/03, su bsd-portal.de, Bob- und Schlittenverband für Deutschland. URL consultato il 26 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  5. ^ (RU) Decree on awarding state awards to champions and prize-winners of the XXII Olympic Winter Games 2014, su kremlin.ru, Russian Presidential Executive Office, 24 febbraio 2014. URL consultato il 9 dicembre 2019 (archiviato il 9 dicembre 2019).
  6. ^ (EN) Meeting with medallists at the XXII 2014 Winter Olympics, su eng.kremlin.ru, Russian Presidential Executive Office, 24 febbraio 2014, fotografia n. 7. URL consultato il 26 agosto 2014.
  7. ^ (RU) Decree of the President of the Russian Federation of 05.03.2010 No. 278, su kremlin.ru, Russian Presidential Executive Office, 5 Marzo 2010 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2013).
  8. ^ (RU) Decree of the President of the Russian Federation of February 22, 2007 N 204 "On Awarding with State Prizes of the Russian Federation", su pravoteka.ru, Pravoteka.ru, 22 febbraio 2007 (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2012).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]