Villa Saletta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villa Saletta
frazione
Villa Saletta – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Pisa-Stemma.svg Pisa
Comune Palaia-Stemma.png Palaia
Territorio
Coordinate 43°35′45″N 10°44′04″E / 43.595833°N 10.734444°E43.595833; 10.734444 (Villa Saletta)Coordinate: 43°35′45″N 10°44′04″E / 43.595833°N 10.734444°E43.595833; 10.734444 (Villa Saletta)
Altitudine 130 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale 56036
Prefisso 0587
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti villese, villesi[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villa Saletta
Villa Saletta

Villa Saletta è una frazione del comune di Palaia, in Provincia di Pisa. Gran parte del borgo, che sorge circa 4 km a sud-ovest di Palaia tra il torrente Roglio e il suo tributario Tosola, è un complesso disabitato della villa Riccardi, con ampie abitazioni per i contadini, strutture agricole di servizio e ben due chiese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Saletta (già Saletto sino al X) è di origine longobarda, e sta ad indicare un insediamento campestre con annessa villa signorile che in lingua longobarda veniva chiamato Sala.

La prima testimonianza risalente a Saletto si rileva, come ci dice Emanuele Repetti, nell'Archivio Arcivescovile Lucchese del 27 giugno 980, in riferimento ad una riorganizzazione dei livelli della zona.

La sua parrocchia fino al 1260 era dedicata ai SS. Pietro e Michele,ed era immersa in una vasta tenuta omonima, come denotato dal catalogo delle chiese della diocesi di Lucca.

A partire dalla seconda metà del Quattrocento proprietari del Borgo furono la famiglia Riccardi.

Sempre da documenti vescovili sappiamo che la parrocchia di SS. Pietro e Michele a Saletta contava, nel 1833, ben 438 abitanti.

Durante la seconda guerra mondiale Villa Saletta fu occupata sia dall'esercito tedesco che italiano comportando anche una incursione da parte del nucleo SS.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 626.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Caciagli, Pisa e la sua provincia, vol. 2, Pisa, Colombo Cursi Editore, 1972, pp. 737–738.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]