Montecastello (Pontedera)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Montecastello
frazione
Montecastello – Veduta
Panorama con la villa Torrigiani-Malaspina
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Pisa-Stemma.svg Pisa
Comune Pontedera-Stemma.png Pontedera
Territorio
Coordinate 43°38′04.78″N 10°41′41.2″E / 43.634661°N 10.694778°E43.634661; 10.694778 (Montecastello)Coordinate: 43°38′04.78″N 10°41′41.2″E / 43.634661°N 10.694778°E43.634661; 10.694778 (Montecastello)
Altitudine 132 m s.l.m.
Abitanti 554[2]
Altre informazioni
Cod. postale 56025
Prefisso 0587
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti montecastellese, montecastellesi[1]
Patrono santa Lucia
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Montecastello
Montecastello

Montecastello (già Monte Castello[3] e anche Monte Castelli[3], Mons de Castello[3] in Latino) è una frazione del comune di Pontedera, posta sul di una collina a sudest del capoluogo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sorge su una delle colline circostanti Pontedera a (132 m s.l.m.). Il piccolo borgo di 500 abitanti ha una posizione strategica perché dominana la cittadina pontederese, da cui dista circa 5 km. Il suo castello, di pianta circolare, fu venduto nel 1119 al vescovo di Lucca dall'abate del monastero di Serena. Nel corso dei secoli fu più volte distrutto e ricostruito, diventando tra il 1500 e il 1600 un comune rurale autonomo in cui molte nobili famiglie fiorentine e pisane avevano possedimenti.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

A Montecastello è presente un allevamento di alpaca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 338.
  2. ^ Dati della CEI.
  3. ^ a b c Repetti, E. Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Caciagli, Pisa e la sua provincia, vol. 3, tomo II, Pisa, Colombo Cursi Editore, 1972, pp. 508–515.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]